martedì 24 dicembre 2013

Il Nadâl des bestiis - Une conte di Nadâl par furlan

IL NADÂL DES BESTIIS

La volp e va dongje a la cjase dal vuardecjace
E e viôt alc che i fâs dismenteâ dut
Si dismentee parfin la fan, i ûfs e lis gjalinis.
E alore e drece lis orelis, par sintî ce che al sucêt!

Il vuardiecjace al è che al met a puest un arbul
So fi Marcut al picje su lis ramascjis…
balutis coloradis, miluçs ros, biscots
e a la fin parfin lis cjandelis
“Pai, cuant al rivie Gjesù bambin?” al domande.
“Al rive subit! la mame e à za preparât il gustâ e…
Tu viodarâs, ti puartarâ i regâi!”

Gjesù bambin? Regâi? La volp no capìs.
E alore e va dal çus a contâi dut
“Sint mo, çus, o ai sintût une robe…”
Il çus al scolte e al tache a zirâ i voi come che al fâs simpri cuant che al sa za dut.
“A Nadâl,” i dîs, “al è il complean di Gjesù Bambin e sicome ducj i fruts a son convints che al puarti i regâi, lui ju puarte pardabon!”

Ma ancje che curiosone da la parussule e à sintût
“Jo i crôt! Jo i crôt!” e busine “A mi mi puarte sigure i regâi!”
E il cjavrûl, che al è timit come ducj i cjavrûi,
invezit si domande: “Ma cemût isal pussibil? Cemût fasial Gjesù bambin a savê che a son ancje lis bestiis? E cemût a savê ce regâi che nus coventin?”
E il çus al rispuint: “Al covente un arbul di Nadâl e i ucieluts che a cjantin! Cussì al capìs che ancje nô bestiis festegjìn il Nadâl”

E alore ce fasino dutis lis bestiis?
A comencin a preparâ l’arbul di Nadâl:
La parussule e met un nastrut ros...
Il sghirat al met coculis...
Il çus al met cualchi plume...
Il cjavrûl si jeve sù e al ten fer l’arbul...
E... cui rivial cumò?

Al rive il tas! Cuiet cuiet come ducj i tas.
“Gjesù Bambin,” al dîs, “al varà ben altri di pensâ che a noaltris bestiis dal bosc, a ogni mût o ai puartât un pocut di muscli di meti parsore l’arbul”.
E di bot ce al sucedie?

A rivin doi miluçs ros!
Ma noooo, no son doi miluçs che a cjaminin
Al è il riç!
“Ve chi”, al dîs, “no ai tante robe di mangjâ par l'Unvier, ma se us covente alc us puarti doi miluçs”
Ma cui vanzial là jù insom da bosc?

Il cierf!
Ma il cierf nol è simpatic a nissun,
e nissun i sta simpatic a lui!
“Ce stupiduts che o sês,” al dîs il cjerf, “jo no ai bisugne di regâi! Cuant che mi covente alc di mangjâ o sgarfi sot la nêf cul mustic e lu cjati”

Ma ve, che al tache a neveâ propit cuant che l”arbul al è finît. E ancje il cierf al torne indaûr, e al dîs:
“Va ben, o stoi chi ancje jo, ma che al sedi clâr, nissun di voaltris al è simpatic, eh”

In chel, si sint la musiche dentri da la cjase dal vuardiecjace e dutis lis bestiis a van dongje.
“Al sarà ben alc ancje par nô” e domande la volp.

E il vuardiecjace,
che al cognòs ben il bosc e lis bestiis, al va fûr e al puarte a ogni bestie une robe:
par il gneur, il cierf e il cjavrûl… fen!
Par il riç scussis di patate e miluçs!
Par i ucieluts… samencis!
Par il sghirat, une vore di coculis.
E dopo ûfs par la volp e insalate par il tas.

“Ma pai” al dîs Marcut, "Ma no i puartistu di mangjâ a lis bestiis dal bosc ogni dì?”
“Tu âs reson, Marcut, ma i regâi, se tu vulis ben a cualchidun bisugne fâju simpri, e no dome a Nadâl!” 

lunedì 23 dicembre 2013

"Une sere, intune stale..." - conte di Nadâl voltade par furlan

No sai se savês, ma se no savês no mi interesse, che jenfri lis milsietvotantendis robis che o ai tacade ancje a fâ chê di lei ai fruts. Par furlan. Ben po, lei par furlan a fruts che no capissin il furlan al è dificil. Une vore. Alore o ai provât dôs stradis. Une e je chê di contâ la storie e tignî un pac di A4 e un penarel in man. Ogni robe che tu i contis tu i fasis un disen. Son bon, ma no vonde bon, e al covente preparâsi une vore. O ai fat cussì la conte di Sante Lussie.
Une altre strategjie e je chê di voltâ una conte par talian, e scrivile par furlan daûr de copertine, zirant pagjine e mostrant i disens. Cussì i fruts a rivin a meti dongje disen e descrizion par furlan e alc a capissin. Anche chest nol è sempliç, ma voltâ par furlan mi plâs une vore, e jessint che la traduzion e je libare, che tant o ai di leile jo, o ai cumbinât di fâ ben dôs contis di Nadâl, letis ai fruts.
Us lassi chi la prime, vuê, e magari doman une altre, cussì se o vês voie podês dopralis.

UNE SERE INTUNE STALE...

Une sere un aiar fuart, ma fuart, fuartonon
Si jeve sù lis culinis ator ator di Betlemme
Pioris e ucieluts a cirin ducj di parâsi sui ulîfs
o jenfri lis ramascjis.
Dome une colombe e va a cirî ripâr
sot il tet di une stale.
Ma li dentri e jere…

Une vacjute!
E cuant che la vacjute e viôt la colombe
Joi! Contentissime! “Muuuuuuu” e dîs
“O soi dute di bessole, chi!”
“Parcè?” i domande la colombe
“Parcè che soi vecje par lavorâ tai cjamps
Dome il paron al ven ogni tant a cjatâmi. 
Par câs lu viodistu rivâ?»
La colombe e cjale ma...

“Un gneur! O viôt dome un gneur sot i ulîfs sburtâts dal aiar. E mi somee ancje plen di frêt!
Al fâs brrrrrrr”
“Alore svole di corse a dîsi di vignî chi!”
E cuant che il gneur al va jenfri lis çatis da la vacjute, subite si scjalde.
Ma la vacjute e spere di viodi il so paron,
e alore i dîs a la colombe di tornâ a cjalâ
E ce viodie...

Dôs cjavrutis!
Ma dôs cjavrutis spierdudis
che a son restadis cence pastôr e ancje lôr plenis di frêt, che a fasin brrrrr
«Va di corse a dîsi ancje a lôr, che a vegni chi ! a scjaldâsi»
E cussì la vacjute e scjalde ancje chês.

E dopo la colombe e torne a cjalâ
E a viôt tancj ucjeluts
Che a svolin tal mieç dai flocs di nêf
E vie, ancje lôr li a scjaldâsi
Dentri la stale de vacjute!

Ma il paron ancjemò nol rive
E la di fûr a restin dome lis pioris
E cumò al nevee tant, e alore vie
Clame dentri ancje dutis lis piorutis
“E cumò ce viodistu” e domande la vacjute
“O viôt une lûs, la lûs di une stele!
Une stele cu la code, che si è poiade propite chi parsore!”

“E dopo ce viodistu?”
“OOOOOOOOHHHHH”
E fâs la colombe
Parcè che e veve viodût un Agnul!
Un agnul grant, cun dôs grandis alis
E chel i dîs che al à di rivâ un mus cjariât e strac che al domandarà di jentrâ inte stale

Ma la vacjute e viôt che a jerin in masse
Dentri ta chê stale e alore cemût podevie fâ
A tignî dentri ancje il mussut?
A sarès lade jê fûr da la stale rompint la cuarde che la tignive peade.
Ma ve che in chel la puarte si vierç e al jentre un om
Ma nol è il so paron, ma un altri om, un forest
Che al domande se al è puest par trê!

“Trê? Ma no dome trê!” e dîs la colombe "Cuatri!”
Il mus, L'om, La sô femine e...
il frutin che al à di nassi!
E dutis lis bestiis a son contentonis, di chê gnove, dutis fur che la vacjute che no rive a rompi la cuarde.
Ma alore, ve che chês altris bestiis a disin: "A nin fûr nô, par lassâ il puest" E a tachin a lâ fûr de stale:
Il gneur, lis cjavris, i uciei, e ultimis lis pioris!

La vacjute e je ancjemò peade,
Ma cumò il so flât cjalt al covente, parcè?
Parcè che al è nât un biel frut che al à bisugne di jessi scjaldât!

E cussì la vacjute no je plui di bessole!
A rivin di ogni bande, contadins e pastôrs, par viodi che frut: Gesù Bambin!

_________________
il libri voltât par furlan al è "Una notte, in una stalla"

mercoledì 18 dicembre 2013

Zulugne strache

Zulugne strache,
poie veri sul len ma
nol è un barcon.

domenica 15 dicembre 2013

Il strisson par Udinese - Torin

E vuê si torne al Friuli a viodi l'Udin, sì!
E al è un biel pôc che no si zuie, tal fratimp al è rivât il frêt.
E al è un biel pôc che no si cjate il Torin cun plui ponts di nô.
E al è vignût soreli e la fumate, proviodude, e je lade vie.
E ancje se dopo al vignarà frêt, e somee propit une biele partide par viodi zuiâ ben a balon.
La ultime, cu la fiorentine, e je stade une siore partide, e ancje chê cu la juve e je stade une vore, ma une vore biele.
Cul Napoli no sai, no le ai viodude, ma mi pâr che i nestris a sedin tornâts in sest. 
E vuê o speri intun tocunt di partide di Maicosuel, intun gol di Totò e parcè di nô, che magari al rivi a zuiâ cualchidun gnûf che o vin metût in naftaline, Zielinski o Merkel, par dî un doi, ancje se o ai pôre che ju viodarìn une vore pôc, al Friuli, chescj doi.
Par il cartel o vevi fat dome il disen, ma al jere vueit.
E alore mi soi visât di cuant che di piçui si diseve "acatoro" cuant che si zuiave di corida, cuntune piece rosse e doi dêts tal puest dai cuars. E soi lât a viodi ce che al voleve dî.
"Acà", ven a stâi "qua" par spagnûl.
Ma par furlan si dîs plui o mancul compagn, e alore, mi soi dit: A ca, Toro, al è Udin!

sabato 14 dicembre 2013

giovedì 12 dicembre 2013

Sante Lussie: parcè si puarte i regâi?

Cualchidun al savarà plui di me, ma cirint storiis su Sante Lussie o ai cjatât une leiende une vore biele e verosimile sul parcè che si puarte i regâi a Sante Lussie.
Alore, di vêr al è che a Verone, la glesie di Sante Agnese e je dediade ancje a Sante Lussie.
Vêr al devi jessi che tal XIII secul e jere stade une malatie dai voi che e svuarbave (pensi une infezione, nuie di maraveâsi) soredut i fruts.
A Verone, alore, il popul al à decidût di domandâi la gracie a Sante Lussie fasint fâ ai fruts une cjaminade discolçs e cence manteline...
Si, discolçs a Dicembar, o vês capît ben.
Al pâr che la malatie dai voi e fos passade (nuie si sa di trops che a son muarts di rafredôr e polmonite), ma dopo, clâr, la procession da frutins inglaçâts e je lade indevant.
Ma cemût convinciju che a vevin di lâ indevant discolçs?
Facil!
La Sante, cuant che a saressin tornâts a cjase, i varès fat cjatâ lis scarpis plenis di mangjative (ta chê volte, di bonbons plui tart) e alore si che si leve volintîr, inte atuâl sede dal Comun di Verone, palaç Barbieri. Cheste robe e motive ancje la usance, fintremai di cualchi desene di agns fa, che si metesin lis scarpis lustradis, par cjapâ i regâi di puare Lussie, a cjaval dal so mussut.
Il parcè dal mus, no lu sai, ma disin che a pensâ a une femine che e à di puartâ une vore di pês e a ven dal Paradîs, si stâ pôc a pensâ a la bestie che plui di dutis a covente par puartâ pês... il mus.
E alore, usgnot, Sante Lussie e rive ancje lâ di me. No sai ce che mi puartarà, chest an, purtrop, no à bêçs, e mi sa che mi tocjarà fâi un prestit jo, se ai voie di vê alc. Soi cuasi sigûr che mi vedi cjolt un pâr di mudantis dai cinês, di chês a doi euros, che mi fasin simpri une vore ridi.
Dopo o speri intai datars, e intes fisotis secjis, ancje se mi fasin simpri pedeâ.
Che po, magari, no savês che cu la scuse di Sante Lussie si oten dôs robis: si fâs lustrâ lis scarpis al frut, e podopo se nol va a durmî adore la Sante, se lu cjate sveât, lu svuarbe cu la cinise!
 
Ah, us saludi ancje cunte poesie di Pre Bepo Marchet, une vore anticonformiste :)
 
Sante Luzie benedete,
àò di dile propri sclete?
Jo i vorès dal to bon cûr
un plasej …devantdaûr!

Ce mi zovie mai la viste
su la tiere cussì triste?
Ce ào di fâ mo’ dai miej voj
quan’che il mont al è un imbròj?

Ce biel viodi chês maséris,
chest ledàn, chestis tristeris,
chestis tantis robarîs
par chel mostro di paîs !

Viodi musis rabeòsis,
onglis lungjs e cragnôsis,
balarìns e cjocheljs
ch’a blestemin sot lis stelis!

Ce biel gust viodi frutatis
sgherlis, sòcis, sfazzadatis;
o fantàz cussì dordei
ch’a no san cjatâ di miej!
 
Sante Luzie benedete,
ào di dîle propri sclete ?
No saréssial miej sèi vuarp
e pa l’anime e pal cuarp?
di Pre Bepo Marchet
 

mercoledì 11 dicembre 2013

Une storie par Sante Lussie


Mi capite di lei ai fruts, di cualchi timp in ca.
Jessint che o ai di fâlu par furlan, e che i fruts che i lei no lu capissin cuasi nuie, o cîr di cjatâ cualchi truc. Îr o ai tentât cheste strade:
- o ai voltât une storie di Sante Lussie che o ai cjatade par talian in tocuts furlans
- par ogni tocut intant che lu contavi a tignive sotman un A4 e un penarel neri
- o fasevi un disen une vore sempliç che al contas il test e lu regalavi ai fruts
No sai se al è vignût tant ben, come esperiment. Un frute dopo doi minûts e à tacât a vuicâ "che noiaaaaa... Quando finisce questa storiaaaaa"
Podopo i ai dât il dissen e je e à tacât a vuicâ:
"che noiaaaaaaa, quando dipingiamo questo disegnooooo"
Cun chel o ai capît che e jere fate cussì di defaul e soi lât indenant.
Che altri 14-15 fruts mi pâr che la storie ben o mâl la vedi capide e si no altri son lâts vie cuntun dissen di colorâ.
E alore no mi coste nuie lassâusale achì, juste par inzornâ il blog.

LA STORIE DI SANTE LUSSIE

Cuant che Sante Lussie e jere lade in Paradîs e jere une vore, ma une vore zovine, cuasi une frute.
Instès e veve doi voi dolçs e e jere simpri zentile e ninine.
Parfin San Pieri, che al jere dispès un pôc rabiôs, la veve cjapade in simpatie e la tratave come une pipine.

Sant Pieri al jere vieli, cu la barbe lungje lungje, ma al viodeve inmò une vore ben, e al veve viodût che Sante Lussie no jere dal dut contente.

Cussì la veve clame par domandâi ce che e veve e jê i veve dite che i mancjave di no podê viodi lis cjasis e i puârs dal so paîs.

Sant Pieri, pense che ti pense, nol rivave a cjatâ une maniere par contentâle e alore al veve decidût di lâ a domandâ al Signôr.

Tal puest di une rispueste al veve viodût colâ di adalt une clâf piçule e d'aur. La veve cjapade sù e al veve domandât a ce che e servive.

Il Signôr i veve mostrât un barcon che al deve sul mont intîr e i veve dite di consegnâ chê clâf a Sante Lussie. Sant Pieri content come une pasche, al jere corût come un mat, a puartâle a Sante Lussie.

Insieme, Lussie e Pieri a jerin lâts sù suntune nule e a vevin cjatât il barcon, lu vevin vierzût cu la clâf e Sante Lussie a veve viodût il so paîs.

La Sante, contentone, par un grun di timp e jere stade cuiete e no veve plui domandât nuie. E durmive come intal bombâs dentri di une nule.

Une brute gnot, però, Lussie si jere sveade par che e sintive a vaî e a lamentâsi. I pareve propit che chês vôs a vignissin dal barcon sul mont.

Cussì e jere subite corude a vierzi il barcon cu la sô clâf e e veve scuviert che ducj i fruts a vaivin parcè che a jerin puars e cun di plui i grancj ju tratavin mâl.

E cussì ogni dì e veve tacât a lâ sul barcon e a cjalâ, ma ogni volte e viodeve che i fruts a vaivin di plui e ancje jê, cussì, e jere simpri plui malinconiche.

Il Signôr, alore al veve clamât Sant Pieri e i veve dit che al saveve parcè che la Sante e jere cussì malinconiche: parcè che no podeve judâ i fruts puars.

E cussì al veve decidût di mandâle une volte a dan, propit il dì che e jere lade in Paradîs, a puartâ un pocje di felicitât a chei fruts. Sante Lussie e jere fûr dai semenâts pe gjonde!

Ma ce podevie puartâi a fruts? In Paradîs nol jere nuie, ne negozis di zugatui, ne pasticeriis... Ma Sant Pieri la veve clamade e i veve mostrât un altri barcon. Un barcon tal mieç des stelis.

Cjale là, i veve dit san Pieri, là al è il spazi, ce viodîstu ? E Lussie e veve cjalat e a veve viodût... un balon, un cjavalut, un trenin, une pipine...

A jerin i zugatui che i fruts viziâts e mai contents no dopravin plui, chei che non vevin plui bisugne di lôr... Sante Lussie e veve tacât a cjapâju su.

E veve jemplât cussì une vore di sacs di zugatui, ma cemût podevie fâ a puartâju ai fruts? A pesavin masse ! "Cui la jude", al veve domandât Sant Pieri.

"La judi jo..." e veve rispuindût une vosute, e al jere un mussut, piçul ma une vore ninin e plen di voie di judâ la Sante... Va ben! I veve dite Sant Pieri.

E di chê volte, ogni gnot devant dal 13 di Dicembar, la dì che e jere lade in Paradîs, Lussie e il so mussut a puartin i regâi a ducj i bogns fruts!

martedì 26 novembre 2013

I cuistionaris su la lenghe furlane 4/4

Vuê e je la zornade decisive. 
O ai cjapât feriis di pueste par fâ chel lavôr achì. Vuê e doman.
Il programe al è, la ju in tarde matine a Prata di Pn. comun numar doi. E dopo vê provât ducj i 10 nons di Prata (e vilegnove, e ghirano) là a Porcie, e podopo, a sere tornâ a Prata par tornâ a provâ.
Ae fin de zornade tirâ i conts e viodi.
Poben, chest ce che al è sucedût.
1) ghiran. paîs mai sintût in vite mê. O cjati la mari dal interessât. i lassi il numar, lu si cjate dopo sîs e mieze siete... bon, vie cul prossim paîs, Vilegnove.

2) vilegnove. achì pensavi di vê dome doi di lôr. Il prin o cjati la cjase, ma la puarte e je un puartoncin di len. di dentri si sint musiche. o suni, une volte, dôs. insome. o nol sint o nol ûl sintî. la musiche però mi pâr buine. Rock agns setante, mi pâr, al à bogns guscj, se al è lui. podarès scrivilu sul cuistionari, ma no lu domande. pecjât... o voi la di chel altri.

3) vilegnove. Chest o fâs une fature bestie a cjatâlu. O ai zirât un cuart d'ore. al è il numar 18, al è il 24, tal mieç e je une cjase ma cence numar. o suni un pâr di voltis. nuie. voi su e jù. nuie. denant al è un nezozi di eletroodomestics. ce fasio? jentrio a domandâ? intant doi cjans cuiets come il kraken a van indenant a manifestâ la lôr gjonde. fintremai che a vegnin fûr mari e fie di una cjase al numar no si sa cè e i domandi. Ma al è clâr dulà che o cjati cui che mi covente! dentri tal negozi di lavatricis! stupit jo a no pensâi prime. claramentri chi cjacarin ducj talian. nol à timp. stoi cjariant... sì, o ai viodût, doman? mmm no mi va ben ma i dîs di sì. Aes 11 e mieze. pobon, o vevi voie di lâ sù plui tart... nuie, o restin dacuardi cussì e o voi... niente di fatto. :(

4) prata. o provi une cuntun non che no devi jessi masse taliane. difat no lu è. però e je cjase. jê l'om e une vore di altris... e je zentile. mi capìs une vore bene e mi dediche mieze ore (si stâ al minim mieze ore, e no 20 minûts) e o scuvierç che l'appolo al è il dialet de costa d'avorio. Nô o vin furlan talian, lôr a àn appolo-francês. almancul vuê o ai alc di salvâ. ancje trop che a puce dut, li dentri, un odôr che no capìs ma che nol fâs par me, ma insome. al è il prin cuistionari de zornade, il numar 4.

5) prata, ma in cûl al mont. un cjasâl tal mieç dai cjamps. o fâs amicizie cun sô pari. il fi al è a vore pai cjamps. o in fabriche. nol sa, i lassi il numâr. mi domande se ae fin o ai di vendi alc. i spieghi di no. nol è convint. al à fat il militâr a udin e al sa dî mandi. o tornarai, i dîs.

6) prata, stesse vie di un di prin, li che o ai fat. o rivi a cognossi prime la mari, dopo l'om. la fie e reste platade in cjase. l'om mi dîs che o pues lâ dome in sô presince (no dubiti, soi biel come il soreli, probabil che i varès taconade femine e mari dut un colp) pecjât che cumò lui al à di lâ a vore, fasin usgnot dopo siet e mieze... mmm no, anzi, no usgnot (nol podeve) ti clami jo, lassimi il numar. i lassi il numar. nol clamarà.

7) secont cuistionari. una insegnante precarie plui o mancul de mê etât che insegne lenghis. la figate e je che a sarès stade perfet se il cuistionari al fos stât sul ûs dal venit. no interesse. mieze ore e fate. numar doi de zornade. in trê oris e 120km

8) prata. cjase normâl, nol rispuint nissun, o lassi il biliet.

9) a chi si rît. mi àn dât l'indiriz cence numar di cjase. sperin che al sedi intune vie curte... macchè, lungje doi chilometros. o ai domandât che mi dedin il numar, ma nissun mi à cagât ancje chi. e dopo un al à di meti impegn... poben. o ai simpri vût ampie capacitât di problem solving ven a stâi che o tachi a cjaminâ pe vie, cu la pipe e la lint di ingrandiment. o ai un indizi: il non al è plen di k e di u, e al finis cuntune consonant. o cîr un neri. o cjati une cjase indiziade. o domandi a une siore che passe. Si, mi dîs, li son plen di indians... BINGO! o voi a lei i campanei... nuie! mierde. pobon,. provi a cjaminâ ancjemò... e ve li che o incrosi un neri in machine. Al è di là che al è vignût. o voi, o cîr e ve che mi cole il voli suntune cassete de pueste. a penarel al jere scrite une robe che podeve someâ chel cognom... o suni, e nol è nissun. ma o soi cuasi sigûr... al jere chel che o ai incrosât! si no altri o ai scuviert il non.

10) ultin di prata, chel altri cence numar. ancje chi al è impussibil cjatâlu, a meno che no si vedi un cûl stratosferic, e jo, in gracie che a son dôs setemanis che no voi a cori, lu ai! lu cjati al tierç condomini che o cjali. al ven fûr e al è un cun cualchi probleme (mi pâr un down, a viste) però al è lui. mi domandi ce raze di sfighe cuant che o ven fûr la sôr, modello iene, che mi dîs che no à intenzion di fâ nuie e che e je la curadore legâl e bla bla bla. poben, amen. Pecjât par il spreco di cûl. O incassi il gno prin rifiut.

Soi un pôc smonât. Un pôc tant. Ma provin a porcie. però cumò us al à fâs curte.
1) porcie.  nuie, nol è nissun.
2) porcie. no esiste nancje la vie!!! no sul gno navigadôr, almancul.
3) porcie. e je talmentri fûr porcie che de cjase di prin a son siet km! la siore no je. almancul cheste e je la uniche che mi clame, par dîmi che no à timp, ni a pense di centrâ cun cheste robe. Jê e je venite, punto.
4)  nol è nissun.
5) no cjati la cjase. no, sul serio. no soi rincoionît. 40 al è, 40A al è. ma il 40 B... no, nuie. o suni il campanel al 40A, o domandi a une siore se sa dulà che al è il 40B, o se cognos chê persone. No une no chê altre, mi dîs. Mi tocje lassâ pierdi e lâ vie.
6) nol è nissun. 
7) o cjati la mari, il fi lu si cjate dome sul misdî, doman... si, cioè no, par chè sul misdi o varès di là dal unic apontament, a prata. ma a chest pont o ai cjapât la mê decision.

VONDE.
Par fâ 5 cuistionaris o ai fat 314 chilometris, spindint 21.1 litros di benzine, e 13 oris di lavôr, plui 2 de murose che mi à judât a cirî in internet indirizs e numars di telefono. su 37 tentatîfs a son saltadis fûr 5 intervistis e 2 refudadis (che no valin, eh). Cuntun calcul matematic, moltiplicant par 6 (jessint che 'nd ai di fâ trente) al salte fûr che o varai di fâ plui di 1800km e quasi 80 oris di lavôr. 
Une spese di 1000 euros e plui a front di mancul di 700 che o vignarès a cjapâ.
Mi displâs. Probabilmentri lis intenzions organizativis a volevin fâ par la miôr, ma no è une situazion gjestibile. Se o zontais che o ai sputanât feriis e timp e benzine par fâ chel pôc che o ai fat, disin che no mi sint in colpe. Cun cheste o moli dut e finide chi. 
Cheste modalitât organizatîve no à nissun sens. Mi displâs.

lunedì 25 novembre 2013

I cuestionarîs su la lenghe furlane 3/?

Vuê une serie piçule di tentatîfs... o lavoravi la matine e dut il daspò misdì, ma jessint che o vevi dôs oris di 11 a une o ai tentât...
Il prim tentatîf al jere di gnûf a Puçui, cuntun non di chei plens di Z e K e H che magari di furlan no i interesse nuie, ma magari ju cjati cjase. Ma cè... cjase cence campanel, cence puarte. Dome un puarton sierât e une buchete des letaris inrusinide cun dentri, di traviers, un targhete di fier. Li dentri al devi jessi un pies che no metin pueste. La tiri fûr e al jere chel non. Pobon... o met lo stes l'avîs cul gno numar di telefonin, ma o ai une vore di dubis che al vegni let di cualchidun... e po, no sai, mi somee che dentri di chê cjase al è miôr fâsi compagnâ di cualchidun... Bon, o clami i ghostbusters e i lassi un messaç in segreterie!

Po dopo o voi intune cjase dulà che o soi stât bielzà trê voltis. La siore e fâs la professioniste a cjasi, ven a stâi che mi à dit che no sa mai cuant che e je libare e se e stâ lavorant no pues fa la interviste. Cuindi o sin restât dacuardi che o provi random, cuant che capite. A mi mi è someade une maniere par no fâle, ma va ben. 
O suni il campanel, mi viôt, e pobon, mi mostre lis man cui guants e mene il cjâf. Mandi a la prossime, siore.

Tierç tentatîf, che in realtât al è doi intun, parcè che cjalant chel mi inacuarç che chê vie li e je propit daûr a chê vie de cjase inestistente, chel famôs numar di çuian che nol esist... magari lu cjati, mi soi dit. Putrop nuie di fa. La mari dal intervistât dal numar normâl mi dîs che no sa cuant che lu cjate cjase... al va, al ven, si ferme dome un moment... insome, praticamentri al è il gno identikit, ven a stâi che no mi sint di dubitâ. I lassi il numar, ma ancje chest, mi sa, che no mi clamarâ... E par chê che rivuarde chê altre cjase fantasime, nuie. La cjase no esist, ni devant, ni daûr. A chest pont e sarà une falope di batidure, crôt, e i ai scrit inmò trê dîs fa par savê se al jere cussì, ma nissun mi à cagât. Amen... I furlans a son fantasimis, chest al è il risultât, par cumò.

domenica 24 novembre 2013

Lis pignatutis par Udinese - Fiorentine

Brkic 3.5 pignatutis su 5. 
Lui al è fat cussì, al à bisugne di stimui di cussience. Alore ce al fasial? Dopo 20 minûts di partide i passe la bale a un de Fiorentine, cussì, tant par viodi ce che al sucêt. Par furtune nuie, ma di li, sicome si sint in colpe, al tache a parâ dut. Soredut la parade su Cuadrado, nus à salvât il cûl, e a nol è facil là jù cussì svelts par un puartîr cussì grant. Brâf!

Domizzi 4 su 5
Vuê al à zuiât ben, e no mi covente che al sedi elegant, che al fasi just ducj i passaçs... nol è mica Scirea?! Al è Domizzi, i met i cûr e cuant che nol rive cu la classe si jude cu lis mans e la furbizie. E vuê al à evitât doi gôi, tal prin timp. Un Domizzi in campo al è un secont cjapitani, altri che balis.

Heartaux 3 su 5
Se nol jere lui, no varessin vint. Ma prin Cuadrado i à fatis viodi di ancje... i è coventât un timp par capî cemût (no) marcjâlu! Pecjât che cuant che lu à capît si è fat mâl. Sperin pôc, parcè chest al è un nestri difensôr titolâr

Danilo 3 su 5.
Biel tornâ a viodi il difensôr di une volte, che al sa cuant butâle vie e cuant zuiâle. Nol imbroche ogni robe, ma insome... no zuiavin migo cuintri dai mones!

Gabriel Silva 4 su 5
Allan, profitant di jessi in panchîne, e plui rilassât, prin de partide i à cjolt il tacuin e i à mostrât la sô cjarte di identitât e i à dit: Gabriel, cjale! Tu sês brasilian! Pardabon?, i à rispuindût lui. E si è visât di jessulu e al à zuiât come che si conven! 

Allan 4 su 5
Gabriel Silva i à tornât il plasê e i à dit: "Cjopo, bigul! Tu sês brasilian ancje tu!" e ancje Allan si è visât di jessi brasilian e par di plui di savê il dribbling... di fat, a un ciert pont 'nd à fat fûr trê di lôr che a son ancjemò plens di mal di cjâf.

Pinzi cence pignatis
Fin li al veve zuiât ben, grintôs e ancje eficaç, ancje se nol veve rivât a cjapâ man là tal mieç (ma disin ancje che Valero e Pizarro a son doi siôrs zuiadôrs) purtrop al à fat mâl... ma dome par fâ zuiâ Allan, dopo che al à savût che cuistion dal brasialian...

Bruno Fernandes 5 su 5 
Miôr in campo insieme a Pereyra. Ae fin de partide son vignûts a consegnâi une medaie... al à fat 42 km cuntun timp miôr che intune Maratone! Cun di plui, al à recuperât balons, al à fat un pâr di passaçs in verticâl che o vin bisugne come la man di diu, di vêju... insome. Un zuiadôr cussì al è inmò ingjenuo, ma boia cane, ce bulo!

Pereyra 5 su 5
Al pâr che tai spogliatoios de Fiorentine a vedin lassât un cartel cun scrit sot "Wanted - Dead or Alive". A son inmò che lu cirin...

Basta 4 su 5
Se Fernandes al è rivât ben, inte Maratone, Basta subît daûr. Nol varà fat i cross, ma si pues finalmentri dî che al tornât une furie... Ben Fate!

Di Natale 4 su 5
Al è stât sfigât, ma al è tornât lui. Al à corût, al lave su ogni balon, a li à provadis dutis ma nol à mai vût une bale facile. E pûr al riscjave di fâ un pâr di goi che a saressin stâts i plui biei de zornade di A... no i è lade ben, ma un Di Natale cussì, al vâl 5 muriei... di luanie!

Widmer 3.5 su 5
Jentrâ e pensâ che al podeve capitâti di marcja il Cuadrado viodût fin chel moment, jo mi sarès cagât intor... invezit al à fat la sô partide, e usgnot e al à parfin cumbinât di cenâ, cul gôl che si è mangjât... la siorute di 125 agns dongje di me e à dit che e segnave ancje jê... No mi soi sintût di dâi tuart.

Muriel 2 su 5
Muriel al è potenzialmentri un Cuadrado, ma cun cualchi chilo di masse, cun mancul voie di cori e cu la idee che al baste cori un pocut e si cumbine dut. A varessin di spiegâi che cuant che ti disin: scjalditi, che tu jentris, no tu âs di freolâti lis mans e soflâ parsore... Al ven gnervôs a viodi cemût che o vin un campion, ma no sin in grât di doprâlu. A chest pont... dentri Maicosuel!

In ogni câs, al di là dal risultât, vuê o ai tornât a viodi zûc e une bielissime partide. Fiorentine grande scuadre, cun bogns zuiadôr e un parsore di ducj, parcè che Cuadrado al è di una altre categorie. 
Podopo, e jere ancje ore di viodi il soreli, a Udine, e insome... cjalait chi ce spetacul:

il cartel par udinese fiorentine

Vuê no ai timp di nuie, rivât cumò di bologne e dal conciert dai placebo, e juste il timp di cagâ, lavâmi e vie al stadio a viodi la partide.
pocje fantasie par il cartel, ma sperin di vê furtune...

note:
purtrop o vevi dismenteât la machine fotografiche cjase e il gno telefonin al è malât. la foto e fâs schifo, però jessint che ae fin de partide lu àn fotografât une grampe di lôr, se mi mandais la foto magari!

sabato 23 novembre 2013

I cuestionarîs su la lenghe furlane 2/?

Ben po... vuê zornade memorabile: e je saltade fûr la prime interviste!
Incredibil.. crodeimi, o stavi par paiâlu, il siôr che me à fate.
Un pensionât che al steve fasint un lavôr suntun barcon intal garage di cjase, cuiet e beât. Furlan su dute la linie, ancje parcè che inte letare che i è rivade no vevin neancje metût il gno non e jo podevi jessi cualsisei matuç. Di bon che si sin dits in doi: cirìn di fâle curte (ancje se mancul di mieze ore no si stâ) e si sin disbrigâts. I varès dât une man volintîr a comedâ chel barcon, ma mi pareve che al fôs plui brâf lui. Ma a nin par ordin.
Prime tornade, a matine.
Des 10.00 fintremai a midsì e mieç. O ai fat 50 km, ducj tal comun di Puçui. Parcè? Ma parce che clarementri, di chei 11 che o ai di lâ a cjatâ, 'nd è a Puçui, a çuian, a samardencje, a terençan e Cjargnà... doi par bande, in pratiche. E cuant che tu vâs aes 10 intal puest A par viodi de persone 1 e 2, ma 1 no ti rispuint, ma 2 al torne cjase ca di un pâr di oris ce fâstu? Tu vâs di une altre bande, par tornâ a lì plui tart, dome che intune altre bande al vûl dî intun altri paîs, dulà che dut câs ti capitee compagn... insome. soi lât dôs voltis par paîs, rivant a cjatâ un sôl e a cjapâ un apontament par doi altris intal daspò misdì.

Seconde tornade, pene dopo gustât... par fortune int simpatiche, e je scjampade ancje une gote par digjestîf, che mi coventave, jessint che in vincj minûts o vevi mangjât come par cuarante :)
Bon, trê intervistis, finalmentri... ciert... 80 chilometris fats e plui di cuatri oris di lavôr, ma magari o sarai plui fortunât la sere... 

Ma ce! Une no veve nancje ricevût la letare e mi à cjalât come il piês dai delincuents (che po, e à reson, ma insome), un altre mi veve dât apontament, ma e à scuegnût lâ vie, e il tierç tentâtîf, a siet sot sere, al veve dut il dirit di jessi ator a bevi, jessint che al jere vinars.
Nuie di fâ invezit cu la cjase in vie Basandiele al numar 80 e passe, che jessint che la vie e finìs al nr 72, e devi jessi sprofondâde dentri di un cjamp di menighe insieme cu la int... cuissà se là sot e cjacarin par furlan...

Pobon, cu la seconde zornade, mancul 27 al cricâ dal dì, ancje se la domande che va fasintsi strade e je... - se e va indenant cussì - parcè varessio di pierdi bêçs jo, par fâ chest lavôr?

domenica 17 novembre 2013

I cuistionaris su la lenghe furlane 1/?

Si visaiso di chê letare vierte sui criteris di sielte e bla bla bla...
Al jere un erôr materiâl (cioè, falât a scrivi e a fâ i conts) e lis ai ancje sintudis di Cisilin che mi à dât dal solit furlan contestadôr e che al à di fâ maravees, ancje se invezit jo o vevi bielzâ acietât, di bon furlan sotan, la sielte de comission. Cun di plui a àn di spiegâmi cemût che un al varès di vê savût subit che "al jere un erôr materiâl".
Poben, ma dopo la reintegrazion, cumò mi tocje fâ i cuistionaris...
E sicome îr o ai scomençat e mi soi cjatât intune situazion  a dî pôc kafkiane, o ai decidût di tignî un diari cun voaltris, su chestin intervistis.
Pronti? Via!

Sabide. ore 17.30.
O ai trê comuns e trente intervistis di fâ. Il prin comun al è dongje, Puçui.
O partìs cul prin non e scuvierç cun mê grande simpatie che Cargnà al è dal comun di Puçui.
O rivi intune vie e o cîr o cîr o cîr il numar 14. Nuie di fa. Anzit, al è il 14/1, ma la vie che il navigadôr mi à puartât e à dome 10 numars... bon, mierde. Al è scûr, tornarai cul lusôr, che a son passâts i vizii e mi àn cjalât stuart (un cuntune carteline in man che al cuche sui campanei fasintsi lûs cul telefonin nol devi fâ une biele figure.)
Il secont mi va miôr... mi pâr. La vie e je, e à il numar.
O voi devant de cjase e... insome, fatiscente? Disin che se cualchidun al vîf li dentri, no je persone vive. Baraçs devant de puarte, scûrs fraidîts... tal ort mi pâr di viodi i vuès di un dodo. O decît di tornâ une altre volte insieme a un medium e a un esorcist.
Cambin paîs.

O scuvierç cun sorprese che ancje Zugliano, çuian, al è un paîs di Puçui. Poben... nin al numar 80. Il navigator mi puarte in mieç de campagne.
E pûr la vie e cheste. torni indaûr. Numar 30... 50... 60... 70... 72... vonde. fine. Si zire di une bande e je une altre vie. Simpri dret dome campagne. Insome... cheste cjase no esist. O decît di tornâ ancje li cuntun medium e o voi intune cjase dongje, simpri a çuian. La mê liste di nons a scomence a procupâmi, ma chest colp o cjati la cjase. Nol è nissun interni, nissun A e B o 1 o 2... dome il numar. 17. Nol puarte ben, e difat al è dut scûr. Provi a sunâ il campanel e un vecjut, de cjase di front, al tire la tende e al cuche. Mi spieti di un moment a chel altri che mi dîsi che no je domenie matine, i testemonis di geova ju spiete par l'indoman. Nuie. Nin vie. Nin a Terençan.
Li e je facile... o speri. numero 19/1 (e dai cun chei /alc)
o parchi la machine denant dal numar 18. Cualchi metro a pît, tal scûr e tal frêt, no mi dâ fastidi. 
18a... 18b... 18c... 18d... o comenci a pensâ che e sedi une candid camera dopo che il 18e al rive e di gnûf a rivin cjamps. cjamini... cjamps. Cjamini tal scûr, strade blancje, e cjaf dentri intune poce!
porcodemoni! nie. E pûr... torni indaûr. voi indevant un centenâr di metris e ve li, il 19!
O cîr il 19/alc e induvinait? Al è un dentist! 
O cjaparai un apontament.
vie, intune altre cjase, altri no. Chest al è dongje, voi, parchegji denant. 
Finalmentri une cjase normâl. Pecjât che no cjati nissun. O lassarès il bilietut par jessi tornât a clamâ, ma a) vuê matine mi si è rot il telefonin b) mi secje che a vedin di spindi lôr par une robe che o ai di fâ jo.
Poben, torni cjase. O passi in vie cavalleria, a Puçui. Al è un non ancje li, ma sinceramentri a son 7 di sere. La int e à dirit di cenâ e jo ancje. O lassi pierdi e voi cjase.
sei tentativi. 0 interviste.
Ancjemò 30 al cricâ dal dî!
 

mercoledì 6 novembre 2013

Za cricât il dì

Za cricât il dì
Une striche di lusôr
E figote i cjamps

martedì 5 novembre 2013

Pignatutis par Udinese Inter

îr, cence dubis, tra lis plui brutis partidis che jo vedi viodût a Udin, tal sens che l'Udinese e à zuiât malissim, l'Inter, al à fat il so, ma jessint che no coventave fâ di plui si è limitàt al minim... Cun di plui... al ploveve!
Pignatutis curtissimis alore.

Brkic 2 pignatis su 5. Al è ancjemò là, che al cjale chê bielissime pavee che al à cjapade tal prin timp. Brâf e vonde, al è rivât a gafâle prin che i rivi il balon intor! No sedi mai che Ranocchia, che al jere li dongje, al tiri fûr la lenghe e la mangji!

Danilo 2 pignatutis su 5. Pobon, chei dal inter no son brocs, e nol è facil marcjâju, però, nancje lui nol è un broc. Podopo o ai di capî cemût che un brasilian al pues vê chei pîts di ghise li.... misteri...

Gabriel Silva 2 pignatutis su 5. E pûr al someave di viodi che al cirive di cori, ma mai un dribbling, mai alc di pericolôs... mi sarès contentât di une pidade tai sghirets di un cualchidun, juste par dî di jessi in campo.

Naldo 2 pignatutis su 5. Anche chest, brasilian dome di passepuart, il pît al è cjargnel... Heartaux ce lu tignino a fa?

Domizzi 2 pignatutis e mieze su 5 tal prin timp al ten bot, podopo su bute jù. Ae fin ancje lui al cumbine di ancje, ma almancul tu lu as viodût provâ a inventâsi alc.

Widmer 3 pignatutis su 5. A saressin 2 e mieze, ma e je la prime partide, e al à zuiât miôr di altris. Al pues dome fâ miôr.

Pereyra 1 pignatute su 5. Al jere Halloween, e lui si è travistût di fantasime! Brâf... a travistisi!

Allan 1 pignatute su 5. Nuie di fa, al cor a vueit, al piert cuasi dutis li balis, e chest colp no 'nd à nancje cjapadis. Cuinti zuiadôrs di cualitât al varà simpri di pierdi, se nol cres. La voie, a dî il vêr, la met simpri.

Badu 3 pignatutis su 5. Miôr in campo. Tante, tante voie. Nol à mai molât. Par sigûr, nol è lui chel che al à di dribblâ e segnâ. Ma forsit, a lassâlu tirâ ogni tant, a varessin cualchi gôl in plui. Secont me, un cussì, nol è mai biel vêlu cuintri.

Di Natale 2 pignatutis su 5. Al zuiave di bessôl o dongje dai muarts. Par me cont al à fat ce che al à podût. Però ancje lui si è scoionât dopo i gôi e si viodeve.

Muriel 1 pignatute su 5. Muriel di luianie, o Muriel budiel- Ogni tant, nomen omen. Al jere miôr che al fase la fantasime ancje lui. Invezit al à sielt di fâ il zombi. Biel travestiment ancje il so... perfet!

Ranegie 2 pignatutis e mieze su 5. Bisugne jessi onescj. Nol è facil jentrâ intune partide cussì, ma lui al è rivât almancul a spiçâlis dutis, di testa, e lu si è viodût cori. Nol segnarà mai, ma bisugne dâi merit di jessi jentrât in campo.

Bruno Fernandes. 3 pignatutis su 5. Al à fat viodi di jessi.
Nico Lopez 2 pignatutis su  5, nol à fat viodi di jessi

Guidolin...cence tapon. tant buine e jere la scuadre cu la Rome, tant falade cheste. ma al va dit che se tu cjapis doi gôi su bale ferme par capelis dai zuiadôrs, l'alenadôr al centre une vore pôc.
.


domenica 3 novembre 2013

Il strisson par Udinese - Inter

Ma bundì!
Al plovie? Mah... ancje se o speri che i metereolics a cjapin dal mone e che nol plovi, o ai pôre propit che la partide cul Inter, vuê, e sarà bagnade...
E sperìn che a sedi fortunade, alore, parcè che se ai di jessi sincêr, un Inter che al zuie ben, cui zuiadôr che al à, di Udin nol va vie cence ponts. Purtrop la partide di miercus, cul Sassuolo, mi à fat capî che il Sassuole e je pocje robe, come scuadre, e l'Udin al è pôc di plui.
E pûr i zuiadôrs ju vin!
Vuè cun Brkic in puarte, che al à mostrât di jessi un portîr cui coions (e si visaisu trop che lu criticavin, cuant che al à tacât) o vin, in ogni câs, za une possibilitât in plui di no cjapâ gôi, soredut se in difese Danilo, Domizzi e Heartaux (al zuiarà lui, soi convint) a zuìn al miôr.
Tal mieç soi una vore displasût che nol sedi Basta e nancje Maicosuel, ma o vin Badu, e dai, magari e je la volte buine che o vedin cualchi muse gnove... Merkel, Widmer... no vino di provâju, prin o dopo?
Devant nus tocje viodi Di Natale e Muriel... un siôr atac, al è clâr, ma che al stâ zuiant vonde malut.
E ma miercus a àn pûr segnât....
Sumò su, cjalintsi tai voi... Totò se a nol jere par il rigôr, no la butave dentri nancje se o levi jo, in puarte, e Muriel al jere completamentri inutil e anzit, dai soi pîts e je partide la azion dal paregjo dal Sassuolo. Se al stes sintât, o vin une vore di int che nd à voie di cori (zielinski e nico lopez su ducj).
Bon, ma no stin fâsi masse fastidis, Guidolin al savarà miôr di me lis robis, e se al met in campo une scuadre come cu la Rome, a mi mi va benissim!
Mandi a ducj e buine partide!

venerdì 1 novembre 2013

Lis pignatutis di Sassuolo - Udinese, un pôc tardis

Alore, miercus di sere, intant che o fasevi lis cocis pe vilie de fieste dai Sants, o cjalavi la partide. O pûr o cjalavi la partide e intant o fasevi lis cocis... insome, me soi cjalade dute.
E alore mi va di dâ lis pignatutis.

Prin di dut... metìn in clâr che domenie stade a vin cjapât 0 ponts e a meretavin almancul 1, miercus 'nt vin cjapâts trê ma a meretavin almancul doi di mancul.
E cumò lis pignatis!

Brkic 4,5/5 pignatutis. al à cjapade une pavee e riscjât di dispicjâ Zaza, ma al à fat dôs paradis che, o scomet almancul tre chilos di nutella, Kelava nol varès mai rivât. Si clame jessi svelt, e cuant che un portîr al è alt come lui, ma al va par tiere come une bilite, invezit che come un sac di patatis, al è fuart.
Danilo 2.5/5 pignatutis.. No i doi colpe sul gôl. No le à. Ma une difese che e patìs cussì no pues jessi dal dut lontane di chel che al à il compit di regjistrâle. Podopo, cuant che si sgance (e al à cualitât) al è simpri dibant..
Domizzi 3/5 pignatutis. Al covente. Ripet.. al è come meti un tratôr a fa rally cuintri lis motos... no i sta daûr, ma a rive dulà che al à di rivâ e al è miôr no stâi masse dongje (domandâ a Schelotto par referencis).
Naldo 3/5 pignatutis.. Se chel li al à i pîts brasilians jo soi Obama, no, no il gno cjan, il president. Ma no mi pâr di vê timp di pierdi a scoltâus al telefonin. 1,5/5 pignatutis. 
Gabriel Silva 3/5pignatutis. Mi è plasût, finalmentri un pôc di snait! e cun di plui de sô bande no jerin tancj fastidis.
Basta. 3/5pignatutis. Si, al à vût sfighe di ogni bande. Prime lu àn çuetât, podopo Danilo i creve lis cuestis... ma dut câs al è tornât a cori. Cjalait il rigôr, il Basta di dôs setemanis fa al sares stât doi metris indaûr e al varès fat fal lui.
Pereyra 4/5 pignatutis. Il miôr in cjamp dopo Brkic. Finalmentri al à capît di jessi bon di schiribiçâ l'om. E cuant che lu fâs e dopo la dâ, invezit di pierdile, a son fastidis... par chei altris!
Lazzari. 3/5 pignatutis. Soi une vôs fûr dal coro, lu sai. Ducj a cjacarin mâl di lui. Jo invezit o ai viodût un bon Lazzari, par la condizion fisiche, e finalmentri un Lazzari che al à capît che a chel centrocampo i vûl dât cualitât e timps. Purtrop, nol è il zuiadôr che al fasarà vinci lis partidis al Udin. I mancjin lis ideis e la capacitât di meti l'om in puarte o in fasse in verticâl. No rivi a capî parcè che l'an passât lis veve... Jo ai la mê idee, sul centri dal cjamp dal Udin... se no si cjate un "asamoah/pizarro" no si va in niò! E provâ un Zielinski, ta chel puest?
Allan 2/5 pignatutis. Nie di fa, chest an Allan al fâs fature. Lui al cor e al recupere balons come simpri, ma ju piert cuasi ducj. Forsit al stâ lavant lis scarpis cul savon, ma cence resentalis...
Di Natale. 2,5/5 pignatutis. Ae fin al à fat la sô oneste partide. Bon. Par un zuiadôr come un altri al sarès vonde. Ma no o vin un fuoriclasse. Chês da l'etât a son coionadis. un come lui al pues zuiâ di fer! il miôr de partide, par dî, lu à dât cuant che al rientrave a cjoli bale tal mieç dal cjamp e al vierzeve il zûc... no va ben. chel lavôr li al à di falu cualchidun altri. O ai cjalât, invezit, che al va pôc su lis fassis... e lui cuant che si sposte in fasse cuasi simpri al rive a fâ fur l'aversari... sùmo su, totò, met dentri doi gôi domenie, che tu tornis chel di l'an passât intune partide sole!
Muriel 1.5/5 pignatutis. Al à segnât, e alore? Daimo dai, no stin dî coionadis. Al è stât come zuiâ in 10 par dute la partide. Nol jere. Podopo chei da Sassuolo àn pensât ben di no marcjâlu e al à metude dentri une grande bale dal tucuman... ma nol baste. zuiâ in 11 al rint di plui di un gôl fat.

Bon, vonde.
Domenie?
Domenie mi plasarès viodi zuiâ muriel e merkel. Herataux tal puest di Naldo e parcè di no, un zielinski se propite no vin voie dal mago. Baste che il Guido no mi vegni fûr cuntune scuadre a une sole ponte... Ah, Totò e Muriel, se a zuin come miercus, cul inter, no viodin nancje la puarte!

domenica 27 ottobre 2013

Il strisson par l'Udinese cu la Rome

Vuê no ai masse ce dî, sul Udin...
Sabide passade mi soi smonât... la partide e jere brutissime e costruide mâl, pues sucedi, ma sintî che di ogni bande (fûr che di chei che le àn cjalade) si diseve che l'Udinese al veve zuiât ben e no jere lade cussì mâl e bla bla bla mi à fat pensâ che in ciertis bandis a fossin des diretivis di parsore par fâle viodi intune cierte maniere.
E mi soi sintût cjolt pal cûl dôs voltis.
Mi àn dât fastidi, ancje, lis peraulis di tancj tifôs che magari no àn nancje cjalade la partide ma che di bot al pareve che Guidolin al fos il piês alenadôr dal mont e i zuiadôr ducj cence voie e vie indenant...
Però chel al è un presit di paiâ... nô tifôs, in medie, o sin stupits, cuant che si piert.
Pobon, in ogni câs, o leievi la formazion de Rome, e viodint il stât di forme di cierts zuiadôrs (pjanic, maicon, de rossi, benatia, lijaic...) podaressin dî che l'udin di chest an nol à sperance... veramentri... ancje chei che a devin plui sigurece (un Basta, par dî un) chest àn no àn verve, son plens di pôre...
Invezit di tirâ fûr i coions a stan a spietâ.
Jo pensi che un che al à zuiât di balon al cognòs chê maniere di zuiâ... ti capite cuant che tu pensis che tant, lant indenant cussì, il gôl al vignarà, une ocasion a vignarà, alc di bon al vignarà... parcè... parcè che tu vegnis di un periodi o di un àn dulà che chest al sucedeve (come l'an passât)
E invezit no. Nol capite.
Forsit al à reson Benatia, a dîsi che il mâl di chest àn al è di no vê vendût...
Cjalait Gabriel Silva, o Pereyra... mi somee che cuant che a zuin, cence volêlu, a disin... o, jo soi fuart, cumò lu savês, l'an passât... e cussì no fasin un caz.
Trops dribbling i sono vignûts?
Forsit un par om... dal inizi dal àn.
E pûr a varessin di visâsi cemût che a son deventâts fuarts... 
E alore insome, jo vuê o speri di viodi alc e altris... o vin une scuadre che se a vessin chei zuiadôrs li il Sassuolo o i Livorno o la Samp a saressin simpri titolârs e fasaressin faliscjis! Coventie fâ i nons? Fasin i cognoms! Zielinski, Maicosuel, Merkel, Nico Lopez, Bruno Fernandes... us parino brocs?!
Sumo su... viodin di fâ colâ chest imperi roman... almancul cuntun paregjo!

sabato 19 ottobre 2013

Lis pignatutis di Milan - Udinese

Alore... sì, vuê o soi stât cjase a viodi la partide... a proposit, cuant scomencie? Cemût? E je za finide?! Ah, no mi jeri inacuart... spiete che o voi a viodi i highlights...ve chi, 30 seconts di moments impuartants... un gol e une travierse. Benon!
E alore vuê si stâ une vore pôc a fâ lis pignatutis par l'Udin, e lis fâs.

KELAVA: e pensâ che a inizi campionât al jere chel che nol lave... al è l'unic che al pare ce che al à di parâ e nol pare ce che no si podeve parâ. Ciert... viodint la scuadre che faseve fature al veve di movisi di plui e cirî di lâ a fâ cualchi cross... magari vuadagnâ cualchi punizion dal limit... dai, la prossime volte.

NALDO: Al varès di jessi brasilian, nomo? Bon... il colôr al è just, il pît al devi jessi da la Terra del Fuoco, difat, ogni volte al somee che la bale e sedi bulint

DANILO: ma, no sai ce dîsi, ancje lui al rive a sbaliâ i passâçs, ma o pensi che al devi jessi par che al è un bon frut, e al voleve jessi solidâl cun ducj chei altris.

HEARTAUX: ae fin forsit al è l'unic che al à capît di ce bande che e jere la puarte dal Milan... se no altri al à capît la direzion, dai.

GABRIEL SILVA: al devi vê pierdût alc li dongje de linee di metât campo: ogni volte che la passave al tornave indaûr cul cjâf bas a cirîle... se no altri, vuê, no vint fat nissun cross, nol à sbaliât nissun cross.

BASTA: al partìs e nol sa cefâ, si ferme, al zire tor ator la bale, fai un salto, fanne un altro, e tutti giù per terra... bon, dai, al à un zimul, no pues crodi che al sedi chel Basta che o cognossin. Il zimul, dut câs, nol è mâl... al pues benfâ in prime categorie... che nus torni a mandâ so fradi

PINZI: al è un zuidarôr onest, onestissim. Vint fat un fal di esplulsion,  lui di chel moment al zuiave come se al fos stât esplus. Se al cjapave la bale, la deve subite a chei altris, o pûr al cirive di lâ dulâ che no podevin passajale... un vêr om!

ALLAN: al è vignût fûr dal campo rabiôs come une bilite! Al veve rivât a sbaliâ ducj i passâçs, percentuâl dal 100%, ma propit ae fin al è sbrissât suntune spudade di robinho e le à passade a un dal Udin... pecjât!

LAZZARI: plui chê altri, Lazzaron, ancje se al è l'unic che forsit al à provât a meti un pôc di ordin, dome che insome... sì, a fuarce di lançâ par Totò al jere Silvestre che i domandave se par plasê al podeve fâ zuiâ ancje un pôc chei altris de so scuadre.

PEREYRA: Par impegnâsi si impegnave, al coreve, no dîs di no, ma Guidolin al devi vei dite di zuiâ "tra le linee", e lui al devi vê capît mâl e al tirave liniis tor pal campo, ma cence pensâsi di spietâ il balon...

DI NATALE: ma insome, ae fin, a zuiâ di bessôl, cuintri une difese interie, ce si ajal di dîsi... si scoionarès chiuncue, difat, i jerin cussì zirâts i codumars che sui corner al cirive di copâ l'om sul pâl, invezit che metile tal mieç

MURIEL: Ancje lui al è un bon frut... tu lu viodis in muse, no i leve di fâi fa brute figure a Basta, ven a stâi che al à zuiât piês... biei soredut i siei dribblings... cemût? no 'nd à fats? Apont!

ZIELINSKY: No esistin zuiadôrs che a jentrin a 10 minûts de fin dulâ che a zuin in 2 o 3 su 11 e cambin la partide... (gjavâts i câs dulâ che a fasìn 3-4 autogôi). E cui al jerial lui par gjavânus cheste convinzion? Al fâs viodi, se no altri, che al à cualchi idee di dulà che e je la puarte e cuâl che al è il balon...

RANEGIE: metilu dentri tal recuperi al vôl dî cjoli pal cûl... al è brâf a jentrâ cence mandâ a cagâ nissun e a dîle dute al veve cjapât ancje un rigôr, che in ogni câs no si meretavin.

MAICOSUEL:Brâf! Di bessôl al à fat tant che ducj i tîrs in puarte di dute la scuadre e ancje il stes numâr di dribblings... cemût? Nol è jentrât in campo. Bon, no impuarte, ce che o ai dit al vâl distes.

GUIDOLIN: nuie di fâ, la pome no cole lontan dal morâl, e cheste udinese plene di pôre, che no olse nuie, che e zuie come se stes vincint 2-0 ancje cuant che e piert... ben, e je la pome.

venerdì 18 ottobre 2013

blave, cash, favitis e vinars

Ma si puedial scomençâ un post cence vê nuie di dî?
Ma... Jo lu comenci istès, ancje par che mi da fastidi viodi chest puâr Salvadeat che nol ven inzornât se nol zuie l'Udin...
Vuê al è vinars.
Vinars e je la piçule Vierte de setemane, lu dîs simpri.
E vuê, ma ancje îr, e intant che o jeri a passâ blave o pensavi, come che simpri o pensi, ce vite misare che o vin, che cuant che a son chestis zornadis, no saressin di butalis vie par lavorâ, stâ sierât denant di un ordenadôr o un imprest o un cualsisei argagn di fier, ma al sarès di gjoldi, di stâ fûr, magari sì, vivi cun mancul, ducj, e invezit... ma pobon, al è un discors che al larès fat cu la eternitât e la gjenie umane dute.
Insome... us disevi se si pues scrive cence vê di scrivi... sì, ae fin, ancje chest blog al à come smire di sparniçâ bielis robis e alore jo us dîs:
- che se o vês voie di lâ a mangjâ a la favite, come che soi stât a mangjâ jo, sabite stade, vait che mi soi cjatât ben, e ancje che la favite, par talian, al è il "scricciolo";
- che Cash al fâs cover che a son miôr o compagn dal origjinâl... ducj magari a cognossês chê dai nine inch nails, ma magari us è scjampade chê dai soundgarden, maraveose, o chê di Bonnie Prince Billy, ancjemò plui maraveose...
- che usgnot, ancje se o ai cincsietcutuardis ponts in bocje o voi istès al prin apontament di teatri par lei ai fruts... sperin di cumbinâ...
- che o sopuarti simpri piês lis derivis di coions dai furlans... jo soi cressût zuiant di balon, o ai vût tancj alenadôrs, e magari si rît e si scherze, sui aversaris che si fasin mâl, ma mai nissun mi à insegnât a sperâ e a gjoldi par chel. Anzit... ognidun che o ai vût al à simpri vût voie di vinci cuintri che altris cuant che son fuarts. Disìn che mi àn insegnât a no vê pôre, mai. Ben po... viodi che ducj i coments dai furlans sul infortuni di Balotelli a son o di rabie, o di Ce gust, o di insults mi fâs capî che o sin un popul di sotans, stupits e sotans. No rivarin mai a vinci nuie e al è just cussì.
E vonde cussì, dai. voi a mangjâ e mandi e bon fin di setemane...

domenica 6 ottobre 2013

il strisson par Udinese - Cagliari

E vuê o si cjacare un pôc di Udin, va. 
Ciert, al sarès biel domandâi a chel dal messagjero che mi invidave a segnalâi lis falopis dal gjornâl cemût mai che l'incident di Bertiûl al è stât spostât a Porpêt, ma bon, no stin pierdisi daûr di chestis robis e pensin al Udin...
Vuê o voi al stadi, sì. O voi ancje se mi ven pocje voie, chest an.
Vûstu par che l'Udinese no je tant di gjoldi, cjacarant di voie. Lassin stâ la partide di Bergamo, che o ancjemò tai voi i stops sbaliâts e i cros a tirâ jù çoris e corvats. Fasìn fente di nuie e viodìn cui che al va in campo vuê...
Mi spieti ancje jo Nico Lopez... ma dome se Muriel nol è. No che o pensi che chest Lopez al sedi miôr, ma mi pareve l'unic, che altre sabide, insiemit a Maicosuel, che al veve voie, rabie, cussience che par vinci si à di cori e di riscjâ.
Chest àn o viôt int che mi somee che a sà za di vê il puest in scuadre e che al baste zuiâ li, cuiets, cence fâ masse robe, che prin o dopo lis partidis si vincin... possigûrpo!
Ancje chê ultime volte in cjase, no stin dismenteâsi, l'Udin al à vint su autogôl a 10 minûts de fin... e la partide e jere stade dominade, sì, ma a part une paradone dal lôr portîr, nol è che i vevin fat masse pôre a un Bologne che nol è cuissâ ce e che al jere vignût chi dome par no cjapalis.
Pobon, la mê prevision?
A zuin Totò e Muriel, se al il colombian al stâ ben, si no o viodìn chest Lopez. Il mago o ai pôre che al tornarà in panche, pur jessint stât tri miôr in campo cuant che al à zuiât... purtrop, metintlu li, nol è zûc par lui. Tal mieç Lazzari, e se al stâ ben Pinzi, Badu si sente, e Pereira, boh... no si capìs nuie di lui, e forsit ancje chel sintât. Daûr naldo-danilo-heartaux, e sperant che si dedin une regolade.
Kelava, o speri che chel del radiocronache nol fasivi come ogni volte, che dopo cinc minûts di partide al tache a clamâlu Kevala, che mi somee il non di une midisine, un une arme di len del Papua gnove ghinee... ve lì il cagliari, tiri il kevala!

A proposit, vuê us met ancje une foto dal manovâl, che dopo al esponarà il cartel...
Ve chi gno pari, daûr a lavorâ!


lunedì 30 settembre 2013

Lis galeriis fotografichis dal Messagjero

Vuê o vevi voie di cjacarâ dal Udin... îr o ai viodût dome il secont timp, ma 'nd jere vonde par fâ padielis e pignatis dai zuiadôrs.
Podopo mi rive la rispueste vie muselibri dal bon Messagjero Venit che une vore stiçât di un gno coment, forsit un pôc impulsîf, sul incident mortâl di vinars stât, ma probabilmentri infastidît di ducj chei altri coments, a scomençâ dal "femminicidio" che a nol jere tâl ma che lôr - e dome lôr - a vevin clamât cussì, stiçant un flame no di pôc che no ai seguît.
A ogni mût o ai dî che soi propit stât un pôc salvadi, a comentâ la lôr galerie fotografiche in cheste maniere:
come al solito ecco spuntare la vostra inutile, becera, vergognosa galleria fotografica... grande informazione #menzogneroveneto
Pur trop, dopo vê viodude chê de fantacine che si jere picjade (plui di 80 fotografiis?!?!) chê dal muart di incident di vilevuarbe, che de puare zovine copade su la ippovie e cheste, o ai di dî che mi vâ il sanc tal cjâf... Par gno cont nol è util, ni informatîf, meti une sdrume di imagjinis dal lûc de disgracie, cun tant di poce di sanc, di int che e lavore (carbinîrs, vizii, 118...) e di int che e cjale (comprendûts fruts, che no si varès, ma chel nol è nuie di ce, pazience). Jo lu sai, o soi tal web di tant timp, che fasint cussì tu sticis la morbositât de int e tu cjapis target e clics... ma o pensi ancje che il gjornalism, la informazion, e insomp, la culture, a son lis robis che nus puedi salvâ, in cheste epoche di decadince e fastidis, soredut morâi. Un clic di mancul, ogni tant, al pues volê d
Us dîs cence fastidis che a mi, viodi cambiâ il titul de fantate de ippovie di "omicidio" in "femminicidio" dopo cinc minûts che al jere stât publicât l'articul, no mi è plasût... anzit... lu ai cjatât un at vîl e une vore bas, che chei altris gjornai, ni il gazetin, ni udinetoday, ni udine20 no àn fat (altris no cjalavi). Bon. ma insome. fasinle curte, ve chi ce che mi à rispuindût il messagjero

6.607 persone che hanno visto la galleria evidentemente non la pensano come lei. Nessuno la obbliga a guardare o a iscriversi a questa pagina. Saprebbe, gentile signore, elencarci le "menzogne" che, secondo la sua visione, avremmo scritto? Restiamo in cortese attesa...
Insome... ve chi, come al solit, mi soi lassât puartâ dal fastidi, e o ai dît masse, ma dopo o ai tornât a cjalâ imagjinis de galarie... come cheste, cuntun frutin in prin plan che al cjale:
 o come cheste altre cu la poce di sanc dal siorut di Manzan che lu àn cjapât sot straviersant la strade:
E mi soi dite che no, jo no rivi a pensâle come lôr, ancje se o soi un di chei 6mil e passe che a àn cjalât lis fotos. E anzit, propit par chest ategjament, no mi plâs il lôr Barilla style dal tipo "quelli che non la pensano come noi non ci seguano"; no fintremai che su sês sul web e tu fasis informazion, che je rivolte a ducj, e e je alc che al forme il mont dulà che o vîf ancje jo. I ai rispuindût cussì, al è dut su facebook, ven a stâi che o pues publicâlu chi sot:
L'italiano, come sappiamo, non è un'opinione: inutile, becera e vergognosa sono termini che nulla hanno a che fare con le menzogne che citate, addirittura tra virgolette (sorge il dubbio che abbiate sbagliato commento). Se vi riferite all'hashtag, era già esistente, a quanto pare, quindi non certo di mia responsabilità. Il numero da voi indicato è proprio il motivo per cui non si dovrebbe utilizzare, o utilizzare con molta parsimonia, fotografie ripetute in gran numero, alcune in cui compaiono persone non famose (mi auguro tutte maggiorenni, anche se già guardando questa foto non si direbbe, ma la 196 la conoscete voi meglio di me, quindi non metto in dubbio.), spesso poco utili e di vero cattivo gusto per parenti e conoscenti del deceduto e del coinvolto. A quanto pare, invece, aver stuzzicato la morbosità di chi clicca per vedere una macchia di sangue, un cadavere, l'albero dell'impiccata, e via dicendo, sono motivo di vanteria... Va benissimo, prendo atto della vostra linea editoriale riguardo a questi eventi, ma mi permetto di pensare l'informazione in modo diverso, e trovare 11 foto (e qui erano anche poche) che ritraggono spesso la stessa scena non funzionali a una informazione che mi piacerebbe avere. Sappiamo benissimo che la morbosità è leva per l'attenzione, ma sta proprio a chi offre l'informazione avere una misura e sapersi gestire. Pace, la pensiamo in modo diverso.
Il discorso del "chi le dice di guardare la pagina" non lo capisco: se non volete le critiche e i commenti negativi, chiudete la possibilità di commentare. Non ho il diritto di giudicare l'informazione che ricevo? Una degna informazione non è forse bene per un intero Paese? Sono uno che acquista il vostro giornale, ma la galleria di decine di foto che vivono di una disgrazia altrui mi è indigesta e penso sia attività inutile (una foto dell'auto incidentata nessuno nega sia dovere di cronaca, una decina, quasi tutte uguali, è per lo meno discutibile), becera, in quanto degna di bassezza, così come ogni sfruttamento di evento negativo o tragico a proprio vantaggio, e vergognoso, in quando degno di vergogna, in questo caso non mia, ma per un atto che nel mio sentire è sconveniente.
Comunque, essendo lettore accetto volentieri il vostro invito: sarà mia premura segnalare ogni informazione inesatta che incontro, ditemi voi il modo che vi è più congegnale. Comincio chiedendovi il permesso di riportare sul web questa conversazione.
Ora che so che avere numerosi accessi alla galleria fotografica degli incidenti mortali è motivo di vanteria per il
#messaggeroveneto, mi asterrò dal commentare negativamente tale costume, pur continuando a pensarlo sconveniente e di cattivo gusto, ma vi ringrazio per avermelo comunicato.
Saluti e buon lavoro. :)
Insome, par gno cont la cuistion e je sierade. No larai plui a dî che lis galeris fotografichis su lis disgraciis no li sopuarti e che o spresei un che si svante di vê vût tancj clics stiçant il morbin de int.
Par gno cont, fotografichis di desenis di imagjinis come chês chi no puartin informazion, o in ogni câs no une informazion che mi plâs a mi. Amen. Il messagjero o voi indenant a comprâlu, aromai al è une tradizion, cjase mê si lu lei di trente e passe agns, ma si tignarìn ognidun la nestre reson. :)
Ve chi, propit cumò invezit, mi rispuindin, clarementri in maniere simpatiche e ribadint il conciet che se no mi va ben cussì che cjali di altris bandis... Cjalait ce simpatics...

Non è motiva di vanteria. Vuol solo dire che i lettori cercano anche questo tipo di informazione. Se non le piace può benissimo astersi dal leggerci... I commenti, soprattutto quelli negativi, neritano sempre attenzione perchè ci aiutano a migliorare la nostra offerta. Ma se i commenti negativi sono uno su mille, forse non è il caso di cambiare. E comunque il commento, anche negativo, può essere sempre fatto con educazione e rispetto. Ammesso che si sappia cosa siano.
E sicome soi simpatic ancje jo:
Quindi mi state dicendo che io non so cosa siano educazione e rispetto? Complimenti, un bel modo per essere educati e rispettosi :)
Domanda 1: io sono uno di quei 6700 e rotti che ha cliccato, come sapete che gli altri sono tutti d'accordo solo perché hanno cliccato? Io, magari sbaglio, ma nelle gallerie di numerose foto su incidenti e fatti di sangue ho letto solo commenti negativi, non mi pareva di aver visto i commentatori sperticarsi in lodi. Nemmeno uno. Ma sicuramente sono io che sbaglio, in quanto, come lasciate intendere, sono irrispettoso e ineducato.
Domanda 2: perché dovrei astenermi dal vedere le gallerie? Non mi sto riferendo al vostro quotidiano cartaceo (e comunque, trenta e passa anni di acquisto quotidiano del giornale mi darebbero ben un minimo di motivo di leggervi ed eventualmente esprimermi su una aspetto su cui non concordo) ma a fotografie che sono sul web, che vengono linkate e condivise, che ritraggono persone (tra cui, due settimane fa, la mia stessa). Non è il quotidiano, che potete invitarmi, giustamente, a non comprare più, se non è di mio gradimento. C'è differenza, mi sembra.
Comunque non ho né tempo, né voglia di fare flames inutili, ci mancherebbe. Mi tengo l'ineducazione e l'irrispettosità di cui mi accusate e me ne faccio una ragione. Purtroppo non la vediamo allo stesso modo, amen. So che il mondo pende da quella parte e non ci si può far nulla, come dite voi, se piace a tanta gente, bisogna offrirlo, e da molti punti di vista è giusto così, saranno tutti d'accordo. Da quello mio, anche se come dite voi sono uno su mille, no.
Insome, in conclusion, lôr a crodin che ducj chei che i clichin une robe, i plasi chê robe, che se la int e je plene di morbin, alore bisugne dâi di passisi, e che se cualchidun, un su mil, inedûcat e cence creance, no la pense come lôr, che al cjali di une altre bande... ancje se tu publicheis robis sul web, che a viodìn ducj...
Voaltris 999, lâ di fûr, ducj dacuardi cu lis galariis, imagjini.. :)
 
 

martedì 24 settembre 2013

Il cartel par Udinese - Gjenue

Alore, lu viodêso che segnat jenfri la L e la E, che al somee un pêl di cûl di un orcul? Ben po, mi domandâvi, ce isal? Gno pari si isal rincoionît? No, parcè che magari no savês che la il strisson pe partide dal Udinese si compon di difarents contribûts...
A seconde dai timps, jo o pensi la frase, su sugjeriments di gno pari e mê mari, podopo la scrîf a matite e dome i ôrs des letaris e - se al è timp e o ai coions - a fâs un dissen e lu pituri cui pastei a cere, magari obleant la frute a piturâ ti tocs plui grues, se invezit no ai timp, dome la scrite, di gnot o a matine adore, e dopo gno pari al piture.
Ben po, insome, o pensavi che al vès falât di brut a fâmi chel schiribiç li, invezit, al è dome un elastic!
Ma vignin ae partide... jo usgnot no ai masse voie.
Il puest gnûf in curve sud mi fâs cagâ, il zûc de udinese ancje, la voie che i àn metût sabide, lassin pierdi. No met in discussion la scuadre. Jo o concêt vulintîr lis scusi a Kelava, (però al è lent tal lâ par tiere, e chel nol centre nie cu la inesperience) e a Bubnic (che un vieli come Pelizzoli lu mene pal cûl tant che al vûl) però viodi un Lazzari a dî pôc inutil, un Muriel che al è une fantasime (cuasi fastidôs) e un centri dal cjamp cence ideis, cun Maicosuel straçât a fâ il median, e badu... dome voie ma nuie sostance, insome... no. Varès voie i viodi une altre udinese.
La veretât e je che tancj a li dentri si sintin sigûrs dal puest... ma schercino?
Su mo su mo! O tignin in panche un merkel, un zielinski, un lopez e altris che no podin fâ piês de Udinese dal prin timp di verone... ancje un dordelon come ranegie a zuie miôr dal muriel di sabide stade. Bon... però, jo o pensi che al basti une vore pôc a tornâ a cjapâ il zûc, e alore, usgnot UDIN AL-E', e dinsi une mote!

domenica 15 settembre 2013

Il strisson par Udinese - Bologne

Ve chi il cartel par l'udin di vuê... sì, lu sai, al funzione ben dome se la Udinese e vinç
ma boia cane, no vino di vinci!?
E sperìn che al torni a segnâ Totò, che al à bisugne.
E che Pereyra al torni chel di l'an passât
e il puartîr al comenci a cjapâ man e in man la scuadre
E magari, jo speri simpri, che il Mago al segni il so prin gol, che chel li, al è bulo, ma bulo fuart... i baste un colp di cûl e il zuiadôr al devente...
bon, vonde, viodin se vuê, almancul, che daûr de schene no rompin i coions di no tirâ sù il strisson e no tirâ cjartis, che mi cjatin di lune juste. Se viodês svualâ un par i scjalins, o savê cui che lu à butât. :D

Gjornalism di rive jù

Jo no sai se cualchidun si è inacuart de direzion che al à cjapât il Messaggero Veneto di ca di un pôc.
Ir no podevi fâ di mancul di marcâ chescj doi cartei, un di front di chel altri, ancje par che, il titul pari pari lu vevi let sul Messaggero la matine, in prime pagjine, e mi veve dât fastidi. 
O vevi sintût la gnove al TG regjonâl e disin che e je un cierte difarence jenfri la version di un feriment - e magari ancje grâf - e il tiarmin "dilaniato". 
Ma lu sano il talian? mi soi domandât? O nus cjolino pal cûl.
Ancje par che, che il furlan no i plasi, al menzognero, lu ai capît di cuant che o ai tacât a fâ i cartelons pal stadi par in marilenghe, che mai une volte ju vedin pandûts, ma che al comenci a no jessi un bon amì nancje il talian... bon, disìn che la robe a scomence a dâmi fastidi.
Ancje parcè che al è za di cualchi timp, che a va indenant cheste ande.
Che altre setemane si cjacarave di un, par incident a vore, che lu àn fat finî in coma, plui di là che di ca, ma invezit nol jere par nie grâf in chê maniere, e i parincj, disin, no jerin masse contents..
e setemanis prime,
sedi pe frute che si è copade, sedi par un incident di machine mortâl, a àn rivât a tirâ fûr une "galleria fotografica" degne da lis miôr seradis di apericena estîfs... vêso presint, cu la inte che a condivît e si taghe sul muselibri. Eco, compagn. Une ventine di fotos de machine ribaltade tal fossâl e robis cussì!
Insome, jo no sai, lis robis a son dôs:
1) lu fasin in malefede. Titui sensazionalistichis e scorets, fats par tichignâ la morbositât de int, che a lei di un feriment, si interesse, a lei "dilaniato" e cor a viodi spietant i budiei che a vegni fûr de pagjine.
2) son ignorants. Tal sens che no cognossin ben la lenghe taliane, e no san ben il significât des peraulis. par chest cont, o varès di vê un vocabolari che mi vanze, tal scansel.
Bon.
Vonde cussì par vuê. Ma pensi propit che in curt, se al va indenant cussì, il Messaggero al varà un letôr di mancul, ancje par che di ogni gnove o varès di fâ la tare, e jo no ai timp di pierdi. :)

lunedì 2 settembre 2013

Il cartel par Udinese - Parme

E îr al è començât il campionât in cjase. No vevi timp par fâ disens, ni par pensâ un cartel miôr. Nancje jo o jeri content di vê viodût une scuadre come chê di joibe stade, ni di jessi lât fûr de Europe. Ma o ai pensât che o varin za plens i coions a smaltî zuiadôrs che al è un pecjât dâ vie (Maicosuel, par dî un, a dâlu vie al è di stupits, ma ancje a tignîlu cence che al zui, al è pecjât) ma cjatâ lis motivazions al è dificil.
Cussì, o vevi pensât di scrivi "Volarà dî che o cirarin di vinci il scudet", ma podopo o sintivi bruntulâ par dut. E al è di ridi che par une volte che Pozzo nol vent nuie, al va dut stuart. E alore, vonde rugnâ, nin indevant e profitin di jessi lâts fûr de Europe par rivâ ben in campionât e magari, cirì di rivâ adalt in cope Italie... no come ogni an che o nin fûr come çus!
E alore, Fuarce Udin!

giovedì 1 agosto 2013

Plui biei des stelis

Chêste e varès di jessi la Lune.
La lune no ven fûr tes fotografiis, no cun chês di puârs mortâi
che o pues fâ jo.
Par fotografâ la Lune a coventin bêçs,
ma forsit
al è just cussì.
Chê al resti alc che al miôr cjalâ e visâsal
Chê altre gnot no jere plene dal dut,
forsit un di prin o dopo
O forsit no
Al è compagn
Soi lât a cjata la frute a pît
Pai cjamps,
Passant dongje doi simiteris
Al jere cjalt, come jù pal dî,
E jo, pai cjamps, sintivi musiche,
Al è clâr,
ma un moment, un moment sôl,
viodint i pins dal simiteri denant de Lune
O ai scuegnût studâ
sintî i gris
chel sbisiâ des bestiis di gnot
te jerbe
che no tu sâs mai se al è un surisin o un elefant
e mi soi domandât ce che o fasevi,
pai cjamps
a miezegnot passade
a pît
dongje di un simiteri
a cjalâ la lune plene...
e come in dutis li robis de vite,
de mê,
mi soi rispuindût
Boh... e ce utu che sepi jo!
e ai tornât a tacâ i Alice in chains
e a cjaminâ
e i lumins
o ai scuviert
ogni tant son plui biei des stelis.