giovedì 31 gennaio 2008

Niari - two pulp tales

Jer sere a soi lât là che mi veve conseât di lâ il Dree, a viodi la presentazion dal libri di Fulvio Reddkaa Romanin (za cognossût tor pa la regjon pa lis sôs performans musicâi peadis a l'ambient da l'hip hop furlan).
A dì il vêr soi lât plui parcè che vevi voe di comprâ il libri, che difati al è propit chi denant di me e che pensi learai pene ch'o finis chel di cumò.
La presentazion è stade une robe semplice e cuiete, cence tantis menadis, cun cualchi peraule di Pauli Cantarut da La Comugne, cualchi peraule di Fulvio su ce ch'a la scrit e parcè, e la leture di doi tocs di libri, un par ognune da lis dôs storiis dal libri.
Us disarai subit che il libri a mi pâr un biel lavôr. Sie scoltant i tocs, sie leint un pôc intant che spetavi, si po sigurementri dì che Romanin al à une buine padronance de lenghe e de maniere di contâ. Li storiis, come ch'al dîs il titul, a son "neris", ancje sa no rientrin dal dut tal filon di cheste narative, parcè che mi par di ve capît che Fulvio al à plasè di fa cualchi pontadute tal fantastic e tal grotesc (pensait che ta la prime al à inventât un paisut in Cjargne fra Gjiviane e Rigulât, la che savìn ben che nancje i Rocs a gjoldin!^^). I metarès la man sul fûc (cui guants, eh, s'intint) ch'al lei spes e vulintîr Lansdale e che tal so indaûr al è sigurementri ancje King.
Ad ogni mût, cjacarant dal libri, non si pò no dì che la prime storie a è par furlan, anzit, par cjargnel, di chel arcaic, dut cu le "O" a le fin.
La seconde invezit a è par talian, ma ambientade a Udin.
Zontait ancje ritmo, cadavars, peraulatis e une vore di casin e mi par che i doi lavôrs a devi sedi vignûts fûr une vore ben.
Us savarai a dì cuant che ju âi lets par inter.

Us lassi ancje lis info sul libri
Titolo: Niari - two pulp tales
Autore: Fulvio Reddkaa Romanin
Edizioni: La Comugne Kappa Vu
pagg. 158 - € 10.00
ISBN: 888980828-4

mercoledì 30 gennaio 2008

Il cartel pa l'Udinese cul Inter

Chist sabide no vevi voe di puestâ la foto dal cartel pa l'Udinese e no lu ài fat. Pensavi chìa partàs peule... Invezit, cu l'Inter, al è stade un vie di mieç. Un bon paregjio, ancje se contant ch'a si è fat mâl Mesto e che vin riscjât di pierdi ancje in undis cuintri dîs...Insome, no sai trop ch'al è di gjoldi.
Sperin che vué cul Catania a rivedin adore a saltâ il clap.
Ad ogni mût il cartel di cheste domenie al ere: "C'INTERessa una vittoria INTERna"
e sa vîs voe di viodilu a podês lâ a fracâ chi, ch'a cjatais il video di Striscia lo striscione!
P.S.
Pa la cronache jo a vevi voe di scrivi: "Inter? No grazie. Ci basta Inler"
Ma me pari, ch'al fâs la part di Uomo Del Monte, al à dit di no.

giovedì 24 gennaio 2008

domenica 20 gennaio 2008

Il cartel pa l'Udinese cul Milan


Eco ca in anteprime il solit cartel pa la pardide da l’Udinese!
Sperin di sedi no, il diaul, doman sul campo.
MAndi a ducj e Buine domenie!

venerdì 18 gennaio 2008

Ploie su ploie


E comencìn il vinars, la piçule primevere da la setemane, cun t’un haiku ch’al cjacare di dute l’aghe ch’a è vignude ju in chei dîs a chi sul Friûl:

Ploie su ploie
Pantan che al piture flums
Pocis cui nûi

Bon cum us lassi che âi di cjoli il canoto lâ a vore, se no no cjati parchegjio :)

venerdì 11 gennaio 2008

Agnul e il presepio - seconde part

Lu sai, lu sai, o murivis di gole di sintì ce mût ch'a va a finì la conte.

Ve chi il secont toc. Sperin ch'a us plasi. :)

...

– Tu hai peccato, donna impura! – a busine cun t’une vôs di çuite – Che per le impurità compiute prima del sacro vincolo tu sia punita: un segno sul volto per ogni volta che hai peccato!
E in chel, su la muse di cheste fantacine, che ducj a crodevin sedi une di chês che i uciei iu veve vedûs dome sui morâi, a tachin a cressi bufulis gresis come coculis; une daûr che altre!
In doi minûts, ta la maravee di ducj, la puarete a veve una muse ch’a samee un plat di gnocs cul sugo. No si vedevin nancje i voi!
In chel, prin che la int rivas a capî adore ce ch’al sucedeve, San Josef al à tirât su il baston par aiar.
– E con te paghino tutte le donne impure in questa chiesa! – al à dit businant di fa tramâ i veris.
E in altris doi minûts dutis lis feminis da la glesie si son cjatadis cun t’une muse di fa pore. Parfin a Mariute, la muinie, a jere cressût un bugnon sul çarneli!
E prin ancjemò che la int a si rindès cont di ce ch’a capitave, la Madone a tornât a pontâ il dêt cuintri un altri zovenot dai prins bancs.
– E tu, uomo impuro, hai disperso il tuo seme! – i à businât cun che vosate di prin.
Ma prin ch’a rivàs adore a maledilu si è sintût une puarte ch’a sbateve e un casin vignì da l’altâr.
Ducj si son voltats, ma àn rivât dome a viodi un sdrondenâ di cjandelis ch’a colavin e la palandrane dal plevan ch’a svualave vie.
Cuant che San Josef, pa la seconde volte, al â jevât par aiar il baston, Don Agnul, come un sfolmenât, al jere za un pâr di chilometros lontan!

giovedì 10 gennaio 2008

Agnul e il presepio - prime part

Soi tornat!

E ce isal di miôr di une conte post-natalizie, par comenzâ il 2008. Però in doi tocs.
Il prin vuè e un atri vinars. Cussì us ten un pôc cul gust a lunc!

Agnul e il presepio - prime part

– Ce strache! – al pensave Agnul distudant lis cjandelis da la glesie, la sere de Befanie.
Cuant che finissin lis fiestis un plevan al è simpri strac. Messe vuê, Messe doman, Messe a matine, Messe di sere. Zonte ancje un paneton e un tai di spumant di masse, altri che disfâ il presepio e gjavâ lis lusutis che i fruts a vevin picjât in sagristie. Al veve dome voe di lâ a durmì, e cussì al à fat, tirant in dilunc il vot, il nuf e il dîs di zenâr.
– Tant – al pensave, cjalant lis statuis da la Madone e di San Josef – pos crodi se il Signôr nol capis che ancje un plevan al â bisugne di un po di pigrissie, ogni tant.
E cussì al faseve un segno di crôs a la svelte e vie in di lunc a cjase, a cjalâ un pocje di television prin di pojâsi tal iet.
Ven a stai però, che la domenie daûr da la Befanîe, propit a Messe Grande, juste tal biel mieç da la predicje, par no viodi lis tonsilis dai cristians dal prin banc ch’a sossedavin, Don Agnul al cuche cu la code dal voli un moviment ta la capanute dal presepio.
Si volte juste in timp par viodi la statue di Marie ch’a si môf!
Al in prin al crôt di vè esagjerât cu la sgnape t’al cafè, ma podopo, cuant che ancje Josef, ch’al jere cugulât, al jeve impins, ancje la int ch’à ere li dongje a tache a berghelâ e a maraveasi.
Pos crodi: cualchidun ch’al busine “Miracul”, cualchidun ch’al vuiche, cualchidun ch’al crôt ch’al sedi un mateç o une candid camera! Catine, la vecjute ch’a ven a Messe fieste e dîs di vore, robis ch’a no i vegni un colp! A e montade subit inpins sul banc e a tacât a preâ come une mate!
Agnul, no savint ce fâ, al restave imbambinît a cjalâ chestis statuis, altis tant che i soi zaghetos, ch’a cjaminavin viers la int.
A un cert pont, la Madone a ponte il dêt cuintri une fantacine.