martedì 29 dicembre 2009

Cuant che il blog al tire flât a grops


Chest al è l'ultin post par chest 2009 e a lu dopri par fâ une cjacarade far me e me su chest puar blog.
Il fat che al tiri flât a grops nol è un misteri.
Si lu viôt dal numar dal post che al è calât, ancje se planc planc, si no altri, o scrîf plui coretamentri.
Il merit e la colpe di dut e je la ostarie, che mi gjave scuasit dut il timp di blogarin furlan.
Nuie di mâl, intindinsi.
Dome che a mi displâs lassâ masse vueit chest puâr cîl glaçât, soredut cumò che a mi sarès facil distrigâmi a scrivi in marilenghe.

Ce fasio? Lu sierio? Lu tegnio viert?
Plui che altri al merete di restâ viert par che mi va ben di meti i cartei de Udinese.
Contis al è un pies che no met (che no vul dî che a no li scrivi eh) e poesis e haiku a podaressin ancje vignî, ma disin che pes poesiis o dopri ancje masse il me diari personâl. Di fat, se la naturalece tal cjacarâ le ai in marilenghe, la paronance lessicâl le ai par talian. 
Nuie di mâl nancje chest, ancje par che la paronance lessicâl in marilenghe la stoi planc planc tirant fûr.

L'amôr par lis peraulis, di fat, lu ai simpri vût.
Tant al è vêr, che invezit di pensâ a inzornâ chest blog, o ai pensât a vierzi un altri (par afars che no us stoi a contâ) che al è destinât a murî, almancul che cualchidun nol vedi voie e cûr di cjapâlu in man.
(il blog al sarès pensât par un lavôr di fâ cui fruts di scuele, a dì il vêr). A ogni mût se a cualchidun i ven il mat di lâ indenant... ve chi, baste che mi domandi e i cêt il blog.
Ah sì, lu ai clamât la tane des peraulis... par salvâ lis peraulis furlanis in vie di estinzion. :)

Pal rest ce altri?
Nuie.
Un auguri di bon 2010 a ducj chei che par gust o par câs a passin par chi.
Mandi!

Zulugne pardut


Zulugne pardut
Nuviçade la jerbe
Piâts i morâi

mercoledì 9 dicembre 2009

Raiz Friulana, la maravee platade dal Friûl


Al è un pôc che no inzorni chest puâ blog e mi displâs.
A romp il cidinôr dome par une segnalazion, di un sît che ancje se no us interesse al merite di fâi une riflession parsore. Un dai frecuentadôrs de Ostarie Contecurte al è Eduardo Basquera, che al cjacare furlan e, di ce che o ai capît, lu à imparât di Galliano De Agostini.
Dut normâl, noh?
Bon, nancje tant, a dî il vêr, se a tignîs cont che Eduardo e Galliano a son di Buenos Aires!
Si che ve chi la segnalazion che us fâs.
I vons di Eduardo a son di Braçà e lui, intal 2006, al è vignût chi in Friûl par viodi la tiere di so pari.
Cussì al à pensât di ripuartâ dut sul web, intun sît che a podês cjatâ fracant achì, e che al à une particolaritât bielonone: al è trilengâl!
Sì: spagnûl, talian e... ...  Furlan!
Sì, propit il bon Eduardo, judât di Galliano (che ancje lui al à un blog, o ancje plui di un), al à metût adun un lavoron, contant dal so viaç inte nestre tiere e us disarài che al da di insegnâ.
Masse spes nô o spudin tal plat dulà che a mangjin, o pûr, se al va ben, a no i din nissune impuartance. Al è une vore biel lei cualchi rie di chest diari e viodi trope bielece e trope maravee che un fi di emigrâts al cjate in tal nestri friûl e inte nestre lenghe. Se pensi a ducj chei che la sbelein, a confront di lui che a la impare... ben, al è pôc ce dî.
Dait un cuc, se us capite.