domenica 25 dicembre 2016

Il cartel par Udinese - Crotone



Scudielis di scûr


La lune usgnot
Passade
A someave une scudiele
Cul cûl par jú
Sbecât smavît poiât
Suntune stele,
Jemplade di scûr
Avonde 
Par jessi gulizion
Di ducj
Glotude in premure
Cui tant, cui masse
E nissun nuie
Cence abadâ
Che no je taronde
Tant si scugne
E po
Il clip simpri al torne
Simpri
Nus cjôl vie
Sedi nulât, rosade o zulugne.

martedì 6 dicembre 2016

Il cartel par Udinese - Bologne


Suns di Sierade


Un cricâ cjaviestri
Al á poiât il mustic
Figot
Su la stradelute blancje
Dome di non
Che puarte a Torce.

O ai cjatât la plane
Vistude di umit
Voltade di schene
A sbeleâ tal spieli 
Che cence pes e uciei 
Al jere il canâl.

A àn netât i fossâi,
Puartât vie i lens
E lis cjariadoriis
Tant che cûrs
Gla¢adis si smentein di sfantâsi.

Tornant
Mi è vanzât tes suelis
Il sunôr des fueis: 
Di doprâlu come jet
Di doprâlu come filsade.

***

Uno scricchiolio tenace
Ha poggiato il muso
Ruffiano
Sulla piccola strada bianca
Solo di nome
Che porta a Torsa.

Ho incontrato la pianura
Vestita di umidità
Girata di schiena
Mentre faceva le boccacce allo specchio
Che senza pesci e uccelli
Era il torrente.

Hanno disboscato i fossi
Portato via la legna
E i solchi delle ruote nel fango
Come cuori
Gelati si dimenticano di scomparire.

Al ritorno
È avanzato nelle suole
Il suono delle foglie: 
Per usarlo come letto
Per usarlo come coperta.

martedì 1 novembre 2016

Il cartel par Udinese - Torin

Biele partide, e ae fin risultât just, e pobon, cualchidun al à zuiât ben, cualchidun mâl, ma si va in miôr, e che al è vonde. No sin magari ancjemò fuarts di fâ pôre, ma se rivin adore a doprâ De Paul e cualchi altri par la miôr, nol sarà un campionât di faturis.

domenica 23 ottobre 2016

Il cartel par udinese pescara

Biele partide e finalmentri si è viodut un tichinin di balon e ancje se si podeve patì alc di mancul e je lade ben. Zapata e Thereau partidis di grande sostance, Fofana forsit cualchi falopute ma grant lavor tal mieç e Kums aromai al è chel che al dà i timps a dut. E ben widmer, che al à corut tant che un cavret. Bon, il Pescara si è impegnat a regalanus rigors... ma va ben cussì :)

lunedì 17 ottobre 2016

Schenis


A feminis e vielis
No sai dî di no
No rivi
Di voltâi la schene
Che di schene 'nd ai
Dome une
E restât cence mi strissini
Dì e gnot
Tant che un lacai
Framieç lis aruedis
Di machinis e camions
E mai mi cjapin sot.
Ogni volte o rivi
Di chê altre bande
De strade, là che un vieli
O une femine mi domande
Une altre 
Schene.

domenica 9 ottobre 2016

Sunôrs dal cricâ dal dì

Il cricâ dal dì al matee
Al figote la gnot
Par parâle vie cun gracie.
La plete des nulis
Si plate daûr dai cops
E jenfri lis guselis
Di un peç
I sturnei za si preparin
A semenâ zarde
Tal cidinôr da la domenie matine
No sedi mai
Che la samence de Vierte
E cjapi
Su chest Otubar in vuaite
A spietâ la vuere
Di chest Unvier
Cui siei soldâts fats di fuee
Che e criche
E jerbe mute
Che no cisiche plui.

domenica 2 ottobre 2016

Lis pignatis par Udinese - Lazio

Al è di tant che no scrîf lis padielutis par la Udinese.
Chest an mai, e in efiets, ti passe la voie.
Come îr, che si è lâts cjase cu la disperazion, par vê viodût une scuadre inferiôr e un public ancjemò plui inferiôr di lôr.
E alore lis padielutis.

Karnezis 3 su 5.
Parcè che al à cjapât trê goi ma no savarès ce colpe dâi. A jentravin di dutis lis bandis, ce che al veve di parâ lu à parât. Al displâs vê un puartîr cussî brâf che nol covente a nuie. Il cartel al jere par lui, ma no i à puartât fortune.

Adnan 1 su 5
Il problema nol è Adnan. Lui jal à met dute, e se un al dîs il contrari, al è un che a balon nol à mai zuiât. I problemis a son altris.
- Al zuie cu la pôre. Lu sivilin inmò tal riscjaldament. Nol à mai provât un dribbling, ma fat un cross che al vedi un sens (che che i è jessût al è dome stât un butâ la bale tal mieç e vê cûl) e cualsisei zuiadôr, zuiant cussì, al fasarà schifo. Ancje un brâf. Figurinsi un che nol à masse.
- Nol leve metût in campo. Se tancj dal public a àn contestât al è par cheste presince. Sin in 10000 di nô a viodi che nol è bon di difindi e nol è bon di proponisi. No sai se al pues lâ in miôr, par che a mi mi pâr vê limits ancje tecnics (pîts di ghise) ma al reste che Jachini al è mat a metilu (o pûr lu àn obleât, jessint che Adnan al puarte bêçs in dirits dal mont arap che lu cjale)
- al zuie fûr ruole. Simpri. Nol è fat par difindi. Se propit al pues zuiâ al è di ale, cuntun daûr che al à coions di cjapâ ancje il so omp cuant che lu piert.

Heartaux 2 su 5
Grant impegn, ma i mancje la velocitât e no tu puedis dai di marcjâ keità. Però dut ce che al podeve falâ, in fase di poiâ la bale, lu à fat. E alore... di ce stino a cjacarâ. Cjatâ alc altri? Angella al fasial cussì schifo? Sumosù---

Felipe-Danilo 2 su 5
Nol è facil zuiâ cence centricjamp. zuiâ che a àn simpri la bale chei altris. Però a son difensôrs che a valin di plui di ce che a àn fat viodi îr. O almancul, une volte al jere cussì.

Badu 2 su 5
Ancje chi, grande voie, ma no si cjate e il puest che al à tal campo di cuant che a si zuie cun kums, nol è plui il so. Ma provin a resonà cussì: e se lu vessin metût tal puest di Adnan o di Heartaux? Ma nol è un difensôr... E alore?! Al varès fat un figuron. In ogni câs, no si capis parcè che Fofana dopo dos bielissimis partidis al fas panchine...

De Paul 2 su 5
L'unic cui pîts bogns. gjenerôs, par che al cor tant. Ma un che intune scuadre cussì puare tecnicamentri jo no gjavares mai. E son 2 voltis che Jachini lu gjave prin di ducj... cence peraulis.

Kums 2 su 5
Il zuiadôr al è. Inutil, intal prin cuart d'ore al pareve pardabon vê cjapât in man la scuadre. Dopo al è sparît. Pierdût. Ma no mi sint di dâi tante colpe... Se si à voie di fâ sù alc cun lui bisugni disegnâ la scuadre intune cierte maniere.

Perica 2 su 5
Jo soi content che lui al fasi viodi che al à voie che si impegne che al cor come un mat e che ducj i batin lis mans e viva perica di ca, viva perica di là. Ma ancje chi, un che al zuiât a balon al sa che cori dibant nol covente a nuie. Miôr cori ben, cori cuant che al covente. Il torel tu puedis falu in alenament. Magari ti bataran lis mans un pôc mancul, ma tu fasaras cualchi gol di plui. Perdonabil parcè che al è zovin. E in ogni cas il mior in campo.

Zapata 2 su 5
Al sta zuiant ben, e al prove a fa ce che al à di fa. Ma fantats... cence fassis, un zuiadôr come lui al è inutil. E no îr lis fassis no lis vevin.

Konè 2 su 5
Tante voie. Masse voie, cualchi volte. E dopo tal secont timp, sparît. E al è cussì di un pies. Nol leve fat zuià. Al veve di jessi cambiât subit dopo tal secont timp.

Jankto e Penaranda 2 su 5
Tai pulcini al jere un frut une vore brâf a schivâ ducj. Al cjapave il balon e al tacave a driblâ ducj chei altris fin a stufâsi. Al segnave ancje, ogni tant. Eco. Tai pulcini. Chel frut cumò al fâs felicementri il contadin.

Jachini. 1 su 5
Ricapitolant.
Adnan e Kone no levin metûts e a levin gjavâts il prin pussibil.
La scuadre no à un modul o un schema o no à une idee di zûc.
Int come Fofana, o Angella, no si capì ce che a fasin in panche
Int come Balic no si capis ce che ju vin cjolts a fa
dopo il doi a zero no si capis ce che al spietave par cambiâ zuiadors che a jerin penôs
e ancje come preparazion atletiche, ducj che de Lazion a radoplavin, a corevin plui svels e no sbaliavin un passaç par che si no altri a vevin cualchidun a cui dai la bale.
A vevin cjolt un alenador, par il dopo guidolin, che al jere zovin, biel, cuntune idee di zûc e inteligjent. Si clamave stramaccioni, e cumò o rivin a capî che (al veve zuiadôrs piês di chei chi) trop ben che al veve fat.

Tifôs. 0 su 5
Se i zuiadors  no vegnin a domandâ scuse e meti la muse ju insultin e scandalo scandalo vergogna
Se i zuiadôrs a vegnin a falu a fasin compagn.... Ma ce voleso?
A crodin di jessi a rome milan torin o ju di li, che si conteste dopo une partide lade mâl cence rindisi conte che int come Immobile, Keita, Felipe Anderson a son zuiadôr tecnicamentri e taticamentri superiôrs ai nestris e si varès di sostignî e no dai pal cjâf a un operaio che al cir di stai daur a un siôr.
Podopo a fasin cagadis come lâ vie dal stadio (vergnognôs, par che cussi tu insultis l'Udinese, e no i zuiadôrs o la dirigjence) un at di viliacherie cence pari. Robis copiadis dai scuadrons di fighets par simiotâ
A cjantin robis come no stranieri che le varan sintude di chei coions de television che a batin simpri il clout su chê robe (salvo dopo sivilà Lodi se al ves di zuiâ, o pûr bati lis mans come mats a Perica par che al cor dibant). Un zuiadôr brâf al è un zuiradôr brâf. Nol à colôr ni bandiere. Sarès ore di començâ a capîlu.
Insome. O sin l'Udin. O sin une scuadre che e à di salvâsi. Cun zuiadôr che no son i plui fuarts dal mont. Se tu âs voie di vinci ogni domenie tife juve, e stin ducj miôr. Tant il colôr al è chel.
E sarès ore di finîle ancje cul devi spendere, coro avonde ridicul e ofensîf par zuiadôrs che a puedin deventâ bulos ma cussì, cun cheste tifoserie, no lu deventaran di sigure. (Jo mi visi simpri che Sanchez (Sanchez!) lis primis voltis che al zuiave e al tignive dome la bale al vignive sivilât)

Al è dut.Ancje masse.

sabato 1 ottobre 2016

Il cartel par Udinese - Chievo


Il cartel par Udinese Fiorentine


I voi dal gno paîs


I voi dal gno paîs
A son zâi, cence palpieris,
A son sacs di scovacis
Che ti zimiin dut un dret
Di gnot
In spiete di sei sierâts
Par simpri
Dentri 'tune scjate di refudums
Che a svee lis passaris
E i colomps.

I voi 
Dal gno paîs a son barcons
Che no tu sâs se a cjalin
Bande fûr o dentri
Scûrs
Di no savê
Par no savê
Dentri ce ch'al è
Che al plate e al strissine
I pîts viers i cjantons.

I voi dal gno paîs
A son simpri mancul
Sentâts di fûr simpri
Mancul clârs e cence grispis
A son cualchi volte doi
Doi sôi
I miei
Che si spicin, cence ocjâi
Par viodi il cori dai gnotui
Tes lôr ombrenis sul pedrât.


sabato 17 settembre 2016

Soi stuf

Soi stuf,
Stuf di chei che a ridin,
intant che mi fevelin
E ancje di chei che a fevelin
Masse o masse svelts
Soi stuf
Stuf di chei che àn lis sachetis
Lis sachetis dai bregons
plenis di resons
E soi stuf di chei che a àn di vietâ
vietâ dut
vietâ simpri
simpri vietâ
e che se a podessin
a vietaressin
ancje di lâ a cagâ
che po
al è dulà che ju mandarès
Soi stuf
Stuf di chei si stufin
Ma di plui soi stuf di chei
Che no si stufin mai
E soi stuf dai nemîs
Ma ancje dai amîs
Che non ai mai vût.

domenica 31 luglio 2016

La Lune parsore Sclaunic



La Lune parsore Sclaunic
No à mai la stesse muse.
No è une sisile
Ch'e bastís il mont a ogni Vierte
No une palanche 
che cole tal cjapiel di un mat. 
La Lune parsore
Si cjape da dî cui gnotui,
Si remene ca e là su la Ledre, 
Sui soi comedons strissinâts daûr dai orts.
La Lune
No 'ûl nissune gnece
O gnoce
No 'ûlarès neancje
Chest cjantâ di gri
Che al centene e polse,
Ma a lui,
Come a la Lune,
Platât te miôr cise de place,
No i comande nissun
E nissune.

***

La Luna sopra Sclaunicco
No ha mai la stessa faccia.
Non è una rondine
Che cuce il mondo a ogni primavera,
Non un soldo 
Caduto nel cappello di un folle. 
La Luna sopra
Si azzuffa coi pipistrelli,
Si rotola qua e là sul Ledra, 
Sui gomiti trascinati dietro gli orti.
La Luna
Non vuole nipoti o nozze
Non vorrebbe nemmeno
Questo cantar di grillo 
Che assorda e riposa,
Ma a lui,
Come alla Luna,
Nascosto nel cespuglio migliore della piazza,
Nessun comanda 
Nessuno e nessuna.

sabato 16 luglio 2016

Une matuçade

Tu lu fasis almancul une volte a d'an, se tu sês un pôc mat.
Forsit dôs voltis, spietant l'an che no tu rivarâs a fâlu plui.
Tu âs un zenoli a tocuts, ma baste peâlu strent.
Tu varessis milante robis di fâ a cjase, ma tu pensis che a puedin spietâ.
Tu âs la fortune di no lavorâ une zornade ju pe setemane e alore, tu decidis che ancje chest an e je vignude la ore di lâ sul Palâr in biciclete.
La strade je simpri chê: Sclaunic, Feagne, Majan, Osôf, Trasagas e Dalès.
A son 50 km, cuasi ducj di rive sù, e a fâju cuntune mountain bike di 200euros e 2 rais rots nol è di inteligjents, ma se no, ce matuçade ise.
Tu vâ costant, ancje se no planc. A covente la musiche tes orelis. Random. E tu vevis di partî almancul a sis e mieze, e in efiets, a cinc e mieze tu jeris za in pîts, ma dopo, vustu fâ di mancul di gjolditi la gulizion cu la marmelade di brugnui e i uciei che a cjantin? vutu fâ di mancul di bagnâ i pevaroncins e lava i plats? E di lei une conte intant che tu caghis?
E podopo ti capite di dut, la bici di pompâ, il russac di preparâ e soredut il cafè che tu decidis di fâ par i vecjos, jessint che no si sa cemût a son inmò tal jet, e par agnorums a son lôr che t'al àn fat a ti e e je simpri ore di ricambiâ.
E tu partissis a siet e mieze. Majan dome par bevi, Osôf intal solit supermarcjât, simpri chel, e li di fûr une polse par une seconde gulizion. lat e kinder pinguì, e no tu ti fasis nancje fastidi di mangjâ cuatri di file, che tant, lis caloriis tu lis âs za cunsumadis.
E dopo l'ultin toc, che al svuale, parcè che aromai dîs km, cuant che tu âs za fats 40, a son nuie, come inte vite. Par gustà, la spese si fâ sul puest, tal minimarket di Dalès, che podopo no àn ni melon ni robe che ti stici e alore tu gustarâs cun noranze pompelmo doi piarçui e doi yogurts. Glasignis e Banane, par jessi precîs. E ancje se li gjambis a van dulà che vuelin, tu decidis che a vâl la pene no fermâsi jù, ma lâ sù fintremai che no tu cjatis nissun, e restâ li a durmì, sveanti juste par butâti inte aghe ogni tant.
Tu tornis cjase in mieze ore di mancul, jessint di rive jù, e come ogni an no tu viodis la ore di rivâ cjase.
Tu ti jeris puartât di lei, ma no tu âs let nuie.
Tu ti jeris puartât di scrivi ma no tu âs scrit cuasi nuie.
E ancje il telefonut, che lassù nol cjape, ti à lassât cuiet.

La bielece no, chê no ti à lassât in pâs, e je corude ator ator di te dutundret, e par une volte adan almancul, a va ben cussì, di fâ chestis matuçadis.













lunedì 13 giugno 2016

Misuris moris



Cinc di matine sul antîl di cjase.
No si decît a plovi,
No si decît il timp metint lis çavatis cul dêt.
Poiât sul pedrât 
Si disfrede svelt un libri
Di poesiis e un tè.

Si mudarà in aghe flape il nûl,
E il dûl di un folc pal ton, 
Clamât sassin cence colpe ne pecjât,
Al jemple lis pocis e la ghigne sclagne
Da lis cjariadoriis.

La bissebove, la balfuerie,
Inneade la grame e la salate
A involuce intun fasolet celest 
La cise dai morârs.
Trop biel il nerum puntinât des moris?
Trop bon?
Al dure pôc, nissun lu gjolt.
Ma chel biel al è cence 
Cence misure.

lunedì 16 maggio 2016

Il cartel par Udinese - Carpi


Finalmentri e je finide, cheste stagjon disgraciade e di penâ.
E ti ven di domandâti, une volte in plui dopo vê viodût la partide di îr, e saludâts cun ducj i meretatissims onôrs Totò, Pasquale e Domizzi, ce che al reste e ce che al varès di restâ di cheste scuadre.
Pardabon... un zuiadôr serio e che al lavore simpri, ancje se nol zuie, come Pasquale, lu vino?
Un zuiadôr cence mieçs tecnics ma cun grinte e cativerie e tant voie di muardi come Domizzi lu vino?
Di chest an no salvarès nissun.
Ducj chei che o aiodût in campo îr ju mandarès vie.
Adnan, nol è.
Widmer, une promesse cence continuitât.
Fernandes, tante voie, tant cori, ma dibant.
Danilo, brâf, ma je ore di cambiâ aiar.
Therau, di cjapâ a patàs, ancje se di chest an, al è forsit l'unic insieme a Karnezis di salvâ.
Piris,,, mah?
Badu, tante voie e tancju sbalios.
Zapata, podin vivi cence.
Ducj chei de panchine ti fasin simpri pensâ che ancje un cambio nol cambie nuie par che tant no vin nissun.
Forsit, e al è brut dîlu, ti ven voie di tignî di cont dome Kuz, che no si capìs chel çondar di De Canio ce che lu à tignût in panche par un Lodi che al è dome di saludâ.
Un calvari di anade cence balon, a part dôs partidis, e che al va dit a jerin merit ancje di une zornade stuartissime (dal Napoli) e di ducj chei fuarts in panche (la Fiorentine)
E insome. Spietin l'an gnûf... ma di chescj no mi mancjarà nissun.

domenica 1 maggio 2016

Il cartel par Udinese - Torin


La veretât e je che no si è mai viodude une partide cussì brute, chest an. A scomençâ di De Canio, che al à metût in campo une scuadre che chei altris a someavin zuiâ in doi di plui, a ducj i zuiadôrs, che al ven di domandâsi, par chest an che al ven, ce che al è di salvâ e di tignî (che po, Widmer, Armero, Wague no si sa propit parcè che a jerin fûr). Zuiadôrs che in bande di tante voie di fâ (Matos, Adnan) ae fin dai conts a no cumbinin nuie e a somein vê propit dai limits tecnics o tattics no di pôc. Insome… une zornade di avilisi e vonde. E par di plui sfortunade, cun Karnezis che si fâs mâl dopo cinc minûts (ma simpri par falopis de difese nestre) e il gol dal 3 a 1 cjapât propit cuant che magari si podeve voltâ la partide.

Une robe sole di salvâ: il tifo, che dopo vincj minûts de fin de partide a jerin inmò ducj a cjantâ, just par fâi viodi a chei che a jerin sot la doce che cualchidun che al fâs il so lavôr fin insomp al è.


mercoledì 20 aprile 2016

Il strisson par Udinese - Fiorentine

E cuant che mancul tu te spietis, l'Udin al tire fûr une grande partide... E cuâl cartel plui adat di chest, furlan e perfet pe ocasion!
Nuie ce dî... Brâfs ducj, chest colp.

domenica 17 aprile 2016

Il strisson par Udinese - Chievo


Strisson une vore just. Dopo un sbit di partide si viodeve che a vevin voie di zero a zero.
A àn fat zero a zero. Pocjis ideis, pocje voie, e una partide noiosute e inutile.
Par fortune un toc di salvece ancje cheste domenie nus a l'àn regalade chei altris, come i Verone che al va a pari cul Frosinon... Aromai si cjale ducj a chest an che al ven... :(


venerdì 1 aprile 2016

Al è un leon


Al è un Leon
Il soreli dal sclopit
Daûr dal cruscot

lunedì 14 marzo 2016

Il strisson par Udinese - Rome

Ce dî, dopo la zornade di îr?
Ogni tant o pensi che i tifôs di balon, no capissin propite nuie. 
Pardabon cualchidun al pensave di fâ ponts cu la Rome?
Cu la Rome di cumò? Un scuadre che e à zuiât a la pari cul Real, chê altre dî, che e veve 11 bogns zuiadôrs in cjamp e altris 5-6 in panche, e che in 2-3 di lôr e à alc che al è plui di un bon zuiadôr (Salah, al è fuart, e al è fuart Florenzi, e ancje El sharawi e il tant cjacarât Djeko no son doi mones. E tal mieç dal cjamp i dan ducj dal tu ae bale)
Eco, chest o pensi, al varès di saltâ fûr prime, di tacâ a dî a la int che no côr, e si varès di contestâ tignint presint chest. 
Parcè che îr int come l'irachen, o Halfredson o Fernandes in campo a àn dut, si viodeve. Ma no si pues rabiâsi cun Adnan par che al sbalie i cross o cun Fernandes par che al sbalie i passaçs... a son ce ceh a son e a zuin a) cun ansie b) corint come mats c) cence un schema, fuori ruolo, cence direzion, cence trancuilitât. Pierdi 2-1 riscjant adiriture di podê paregjâle, nol è il piês che al podeve capitâ.
Cun Colantuono invezit il discors al è diferent: no si pues viodi ogni domenie zuiadôrs che a zuin li che no san zuiâ. Lis fassis a son l'emblema pies dal udin. Widmer, Edenilson, Ali Adnan, Fernandes... a son stâts ducj, su chês fassis, e ducj a somein brocs. Ma sono pardabon cussì brocs?
Va ben, alore, si pues vê zuiadôr mancul valits, ma il balon al è biel propit parcè che il dut al super il valôr dai singui, e se tu tu i insegnis a ognidun a fa il so, a doprâ ben ce che al à, ve li che si vinç ancje cun chei plui fuarts di te. Chest al à di fâlu l'alenadôr. 
Un schema, cheste udinese, no lu à. A son 11 sbandâts ator pal campo.
No je une robe che si comede in pôcs dîs.
Par il rest. Brut viodi contestazion fate di cjâfs ridicui che a disin frasis che aromai al jere dal medioevo che no sintivi... Insome... sperin che Frosinone e Carpi a stedin li che a son, e spietìn il prossin an. E intant che spietin il gnuf mister, pensin che il tant criticât Stramaccioni, une idee di balon la veve, pensìn ancje a trop fuarte che e jere l'Atalante, che e rivave a salvasi nonostant il Cola... se no lu veve ce fasevie? Vincevie il scudet?

domenica 6 marzo 2016

Cori pai bôs




Soi stât a pantanâ lis scarpis,
A predicjâ pai fossâi la fote dai miei dius çondars e cinisins,
Cjantavi la smare dai peteçs scjampâts di bocje a lis glovis,
Çonçavi lis stradis talpassant i rivâi, 
I cjamps semenâts di pôc
Cu lis cumieris inmó cence une identitât.
O ai cjatât nuie, di ce che cirivi, 
La spice di une sclise di batibui a va indevant a cisâ
Su lis fueis plombis e su lis pocis colôr gulizion.
O ai cjatât
Magari cussí no
Dome une panole e un urtiçon.
Daûr di lôr si jeve il vueit
Supât dal riordin e da la fan scunide dai sotans.
O scolti jonosoiuncjan
E mi ven dûl a pensâ ai pôcjonons che lu presein: 
Al è come jessi aghe di canalete e cori pai bôs
Di un cjamp di blave, cul sut che si svicine.

***

Uscii per infangare le scarpe,
Per predicare nei fossi la collera dei miei Dei cavi e ingrigiti,
Cantavo l'acredine dei pettegolezzi sfuggiti di bocca alle biforcazioni dei rami,
Spezzavo le strade calpestando gli argini dei fossi, 
I campi da poco seminati
Con le porche ancora prive d'identità
Non trovai nulla, di quel che cercavo, 
La coda di una scheggia di temporali continua a sfrigolare
Sulle foglie zuppe e sulle pozzanghere color colazione.
Trovai
Purtroppo
Una sola pannocchia e un solo asparago selvatico.
Alle loro spalle si alza il vuoto
Succhiato via dal riordino e dalla fame abbrutita dei sudditi.
Ascolto Iononsonouncane
E provo pena al pensiero di quanti non lo apprezzano:
E' come essere acqua di un canale per l'irrigazione e correre nelle costole
Di un campo di mais, mentre la siccità si avvicina.

domenica 28 febbraio 2016

Il cartel par Udinese - Verone


E tornìn a viodi la partide vuê, cence masse voie, su, disintlu, che cun chel timp di lôfs achì si stares ben a cjase a lei o scrivi e scoltâ nick drake, magari cjalantle suntun schermi, la performance che a fasarà pene di cheste puare Udinese.
Che insome... une biele partide a Udin, chest an no le si è mai viodude, e ancje i zuiadôrs che a jerin dai campions a son deventâts improvisamentri dai brocs, e no son bogns di fâsi trê passaçs di file, e a ven fûr che nus tocje cjalâ un come zapata in cjamp e totò in panche, convints che al sedi just cussì pecjât che il pandolo lu marcjave ancje un cualsisei stopper di tierce categorie. Insome... anìn lo stes, sperant di viodi, par une volte, un pôc di balon e un pôcs di goi, che se no altri, inte arene, no si cjape la ploie.


Soremobil

O torni a matine
O doi carotis
Vanzadis de diete che no ai fat
Ai cunins
O doi un biscot
Che o ai cjatât ator pe machine
A Obama
Che al menarà la code par un'ore
O scolti Drake
Chel just
Di cuant che no jeri nancje nât
O bêf il cafè 
Cun mê mari
Me pari
I biscots
Un fier di stirâ
E la gjate
Plene di gjats
Sentade su la taule
Tant che un soremobil
Che o vin dome nô
E che nol cole mai par tiere.

lunedì 1 febbraio 2016

No soi Morrison


Cuasi lis trê e jo no soi Morrison
E bêf la ultime de zornade
La prime dal mês,
Cuasi lis trê 
E mi indurmidissarai cui Daughter
I cjavei bagnâts
Leint Tavan
Cu la bire vanzade 
A scjaldâsi in bande dai miei siums. 
Tal telefonut
Une poesie mi dure un mês
Cence finîle
Tai libris mi dure agns
Cence leile.
Ta la place dal gno disen
No 'nd è nissune maravee:
O speri dome 
Di no stufâmi di vivi
Di murî adore
E che la capasse si svei
Ancje cheste Vierte.

domenica 31 gennaio 2016

cartel par udinese Lazio


Ma si, soi stuf, di viodiju zuiâ come cjans... che si dedin une mote almancul tal cori va.

sabato 30 gennaio 2016

giovedì 28 gennaio 2016

Al è dut blanc blanc


Al è dut blanc blanc.
Il puarton di cjase mê
No mi fâs lâ fûr.

domenica 24 gennaio 2016

sabato 23 gennaio 2016

martedì 19 gennaio 2016

Pocis glaçadis


Pocis glaçadis
Monts di spicis e grispis
Un spieli lât a tocs.
***
Pozze gelate
Monti/mondi di guglie e rughe
Specchio in frantumi.

domenica 17 gennaio 2016

Un presepe tal cjôt


 Mê mari ogni tant mi romp i coions, ce âstu di fâ, al è plui fuart di jê. E à il vizi di cjapâ impegnos par chei altris, e di cuant che o scrîf (di simpri, in pratiche) la robe e va in piês.
Al ven ben rafaele a viodi, al ven ben rafaele a fotografà, al ven ben rafaele a scrivi che storie, a lei ben rafaele lis tos robis...
No, di solit no. No ai timp, se tu as simpri al minimo 3 lavôrs che a cambiin in numar e tipo, al è dificil gjavasi une mieze zornade libare... 
Ma ae fin, nol coste tant e si ven simpri a savê di bielis piçul robis.
Come dal muini vieli di Talmassons, che cumò mi scjampe ancje il non, ma nol impuarte, che al à jempre di santuts e al à gust di fâ il presepe. E insome, tant i à prometût, mê mari, che o soi lâ a viodiju, chescj presepis.
E difat, ve chi, che us lassi cualchi fotofrafie.
Un al jere  intal cjôt, biel, cu lis statuonis grandis e une location che e saveve tant di furlanetât.
Ae fin, se fos capitade ca, se no jere libare une stale, al jere un cjôt.
Un altri, plui sot, fat cu lis fotografiis vieris di so pari in vuere, tal Nadâl, 
Un altri cun mieç presepe tradizionâl e mieç ambient roman, ancje parcè che e jere cussì che e jere, no?
E po ancje chel tal mûr.
Insome, a vê un blog al è biel ancje par lassâ une olme de robe in rêt, che disfat il presepe, e reste chi, fintremai che google al volarà.
Buine domenie!