mercoledì 23 dicembre 2015

I haiku di Nadâl


Sflandôrs sui lens
Talpassât il muscli e
Nol rone il mus.

***
Sfavillio sugli alberi
Calpestato il muschio e
Non raglia l'asino.

___________________________________ 

Fîcs e bagjigjis,
Cjocolate, ma lis miôr
A son lis stelis.

***
Fichi e bagigi,
Cioccolata, ma le migliori
Sono le stelle.

domenica 20 dicembre 2015

Domenie clipe


Domenie clipe.
No spieti Gjesù Bambin
Mangji pan e fîs.

***

Domenica tiepida.
Non aspetto Gesù Bambino
Mangio pane e fichi.

mercoledì 9 dicembre 2015

Ti viodei

Ti viodei, 
Biele come un gjat in glesie, 
Il vert dai voi al piturave la muse interie, 
E la maluserie
S'inviave in scjampinele par un troi
Di glerie. 

Di lontan, ti viodei,
Spiçant i miei
Di voi
Par cjarinâti il cûl
E olmant
Invezit un nûl 
Di regjinis e cjastiei
E puescj masse biei
Di li ai zenoi
O viodei.

Ti viodei,
Ridi nete e sclete
E curiose,
No contentâti di spiâ a la man drete
Lis brauris de ledrose
E rose
Odorose framieç
Midisinis ti viodei
Mugnestrâ doprant lis orelis
Pipinis e cjavei.

lunedì 30 novembre 2015

Une frambue


Une frambue!
Smicjavie forsit Nadâl?
Al mancjave pôc...

***
Un lampone!
Puntava forse Natale?
Mancava poco...

domenica 22 novembre 2015

Il strisson par Udinese - Sampdorie


E ae fin e je lade ben.
Un pocje di fortune e Colantuono che pe prime volte al induvine la formazion e i cambis. Une Samp che no je stade cuissà ce, ancje se al va dit che a ficjâ dentri un gol prin di nô la storie e jere dute diferente. Di bon, un Aguirre che al à di cressi une vore ma si viôt che al à alc ce dî, un Edenilson, soredut a cuvierzi, che al è tornât ai nivei di cuant che si veve tacât il campionât, e un Iturra che al à dât il so contribût. Forsit il miôr al è stât Badu, par che cence chel gol e cence tante sostance no varessin trê ponts in plui. Un batimans in plui a un emotivamentri coinvolt Thereau e al so assist, di un atacant di raze, di chei che a san fâ segnâ chei altris. No masse in forme Widmer, che al pâr no jessi bon plui di saltâ l'om, e invezit indispensabil ancje se no tant visibil, Lodi. Al covente.
Nol sarà un top player, ma un om di ordin al scugne sei.
Il zûc? No, chel no 'nd jere masse, ma tante voie di fâ ben, tant pressing, che la Samp e pative, e par une scuadre che e à di salvâsi al è ce che al covente.
Va ben cussì!

venerdì 20 novembre 2015

Fros, frêt, ramascjis


Fros, frêt, ramascjis,
La campagne sgardufide.
Trop brut lâ a vore.

Jevin


Jevìn jevìn
Jevìn
Soi cence voi
Ju ten dute la gnot sul comodin
in bande dal lavandin
inmuel
cence mai lavâju
e si jevê 
 [lôr mi disin
dome cuant che tu ju âs intor
Ma jo ju met simpri
dopo des mudantis e di vê
cagât,
Si che jevìn 
jevìn
no pos dîlu
Al plui dismenteâ
un acent e cjalâmi ator:
Lôr sì, a son za ducj in pîts
Parfin i ôcs
clopadiçs di gras
e di zulugne.

venerdì 13 novembre 2015

Fumate penze

Fumate penze.
Lis scussis dai bagjigjis
Crichin tal spolert.

lunedì 2 novembre 2015

Il strisson par Udinese - Sassuolo

Strisson di butâ vie, pûr trop, par che îr al pâr che a Udin nissun al vedi vût voie o al sedi stât bon di segnâ... E tocje stâ cuiets che si sa, un pont is megl che nuie.
E Colantuono che al va indevant a confermâsi il re dai cambis... falâts! 'nt vessie imbrocade une. Secont me par lis sostituzions al tire doi dados fintremai che al salte fûr il numar di un che al zuie. Di bon che cun doi dados nol pues vignî fûr l'1, si no chel nus met Aguirre tal puest di Karnezis!

domenica 25 ottobre 2015

Strisson e pignatutis par Udinese - Frosinone

E je rivade, ae fin, la prime vitore in tal gnûf stadio.
E par une volte jo no varès volût jessi un tifôs di chê altre scuadre.
Al va dit, stant ai fats, che o vin fat un gol sôl, e par di plui su punizion, e soredut tre cuarts par merit dal lôr portîr. O vin viodût in compens a sbaliâ il gôl plui facile dal an (Aguirre nol duarmarà par trê dîs) e o vin viodût, soredut, zuiâ a balon, soredut su la fasse di Edenilson, cun Lodi che tal prin timp, fintremai che nol jere cuet, al à fat viodi che al sa ce che al vûl dî fâ il centrocampist.
Ce altri?
Pignatutis cun doi zuiadôrs che par gno cont a jerin i miôr, vuê.
Un al è Badu, che i mancjave dome il gol, e al è stât une vore sfortunât, ma al lui i vûl dât 4 pignatis su 5. Chel altri al è Totò, che al à fat une siore partide, e ancje a lui, 4 su 5, che i è mancjât dome il gol e al jere ancje un tichinin masse nervôs. (Ma no come marquino, inte punizion ultime, cuant che Lodi i à cjolt la bale di man, che lu à sfanculât par mieze ore - punizion che par altri, une vere scuadre, a varès fat bati a Aguirre, parcè che se no il zovenot tu riscjis di pierdilu, cun chê falopone che al à fat.)
Podopo? Menzion di merit par Lodi, sigûr, ancje lui che o vin capît che nus covente, e ben i trê difensôrs, soredut Wague e Danilo, che pardabon a àn un rendiment une vore alt, cuant che denant tu i metis il centrocampo.
Un voto bas a Colantuono che al mostre ogni volte di no capî un cats tai cambios. Lodi cuet che al çavatave balis cence cjalà e lui al va a cambiâ Fernandes, che al veve tacât a cori e a fa ben, Al gjave Adnan, sielte juste, che al veve finît la benzine e al faseve cross come tirà una scarpe al gjat, che tu âs voie di cjapâlu ma ancje no, ma a mi va a meti dentri un inutil widmer spostant di fasse edenilson e rindintlu inutil ancje lui. 
Nol è un câs se propit dopo i cambios l'Udin al à tacât a patî. 
Al reste la vitorie, une zuiade di Totò che e vâl di bessole il presit de partide, e un stadio pien e biel di viodi, che al va cjase, e a jere ore, content.
E par vuê vonde, e viodarìn la prossime.


martedì 20 ottobre 2015

Neancje une canevace


Ma ce crodeiso, ce faseiso,
Ce diseiso e cui seiso
Pardabon
Voaltris matematis di un tai
Di plui compagni di trê
Agns di mancul?
Voaltris cu la muse
Di gjaline, il cûl
Di veri, lis mans
Di miarde ma che no
Pucin.
Voaltris no seis
Come me.
No veis neancje une canevace
Di podê netâsi
La tombe di bessôi.

mercoledì 14 ottobre 2015

Matine di ogni matine


Matine sglavine, matine pipine,
Tal grîs i sgrisui de Sierade,
E la voie di vê il fûc piât cence voie nissune
Di impiâlu.
Une scusse di scûr che ten dûr 
Fin a buinore,
Fin a ore di lâ a vore
E scugnî ancje sei contents.

Matine clopadice, çuete,
Vistude cui vistîts che e veve prin
Di indurmidîsi
E di fâ fature a cjatâ puest
Par une gnove plete.

Matine cence un braç,
Cence une gjambe,
E pûr lis mans za suiadis intun straç
milante voltis, 
La zornade di front
Simpri brute, simpri putane,
Tant che une padiele cence mantie.

martedì 22 settembre 2015

Bagjigjis e cafè


Bagjigjis e cafè
a trê dopo misdî
di miôr a chi no 'nd è
di piês no sai ce dî

Bagjigjis e cafè
Un sclip di lat e vin
Son cinc i dêts de man
Ma tal cûl al baste un

Bagjigjis plui no 'nd è
e al vanze pôc cafè
Son cuatri mancul cinc
E jo no vuei murî

Il cartel par Udinese - Empoli


E nuie di fâ... l'Udin al à fat schifo. Al è pôc ce dî. Colantuono, che jo continui a dî che l'an passât al è stât l'unic alenadôr a fâ piês di Strama cence retrocedi, al somee vê un fiuto par falâ i cambios. Sedi a rome, sedi cul empoli, come che al à metût man ae lavagnute dai numars o vin cjapât doi goi... iturra e je vere, al si faseve butâ fûr, ma almancul i muardeve i sghirets colp par colp e no si pues dîsi  nuie a nivel di impegn. Fernandes... ma... e konè? coventavial tant a tignîlu in panche dopo che 'nt veve cumbinadis di ancje, la setemane prime... e dai fiducie a chest marquino? che mi someave l'unic, ma propit l'unic che al deve dal tu al balon tai ultins dis minûts. Insome... di vaî. Al pareve di viodi une scuadre di tierce categorie... e cjacari dal Empoli, parcè che l'Udin nancje intal colinâr dai amatôr, in chê maniere, al cumbine di vinci une partide. 
Ancje parchè disintsal... chest zapata un moment al par un fenomeno, e un moment daûr al pâr il plui grant sclapeçocs de Cjargne...  Pobon, aromai e je lade. Il cartelon al à almancul funzionât, che il prin gol inte Arena Friuli lu vin fat.
Viodarìn usgnot... se rivin a fâ un dispiet al diaul...


venerdì 18 settembre 2015

domenica 30 agosto 2015

Il cartel par Udinese - Palermo


Si che duncje, si tache!
e vuê, par scomençâ, cul stadio gnûf, il cartelon pe partide cul Palermo al sarà fat dome di une peraule, che al sarès ce che a varessin di disi ducj a Pozzo e a ducj chei che a àn lavorât par fânus vê chest gnûf stadio, invezit di lamentâsi di dut - dal colôr des cjadreis al non - e magari cence nancje vê fat l'abonament...

giovedì 13 agosto 2015

I cjavai, denant dal lât di Fusine

Che po, a cjatatai li, dismenteâts di vêti denant, e denant lôr dal lât, a passonâ, ancje se no ti àn mai plasût masse, i cjavâi, masse grancj e pôc indipendents, in di di vuê, al reste che in chê maniere al è come viodiju scuvierzisi di gnûf, ricjapâ la uce che e àn di salvadis, e ancje se framieç i pîts tu as mierdis grandis plui dal to numar di scarpe, di sghindâ, al basta cjalâ lontan, par cjatâsi intun mont dulâ che nol tu disaressis mai di jessi a Fusine, cun centenârs di lôr che a vosin e a berlin, par fortune cence rivâ a jentrâ inte fotografie.
***
Che poi, a incontrarli lì, dimentichi d'averti di fronte, e di fronte al lago, a pascolare, anche se non ti son mai piaciuti troppo, i cavalli, troppo grandi e poco indipendenti, al giorno d'oggi, resta che in quel modo è come riscoprirli, riprendere la forza che hanno da selvatici, e anche se tra i piedi hai delle merde più lunghe del tuo numero di scarpe, da schivare, basta guardare lontano, per trovarsi in un mondo dove non diresti mai d'essere a Fusine, con centinaia di persone che vociano e gridano, senza riuscire per fortuna a entrare nella fotografia.

domenica 2 agosto 2015

Cividât


Che po, a viodilu di sot, ancje se tu sâs che 'nd è une desene di puints dal diaul, ator pe Italie, e chest ti gjave un pocje di poesie, al reste che tu ti sintis piçul, scliçât forsit plui de bielece dal Natison e de citât, che ti somê sburtâ, li daûr, par viodi cui che al è li sot, dongje il clap, dulà che no si varès di lâ,. ma ancje se ti viôt, no ti dîs nuie, che jê, Cividât, no à sigûr timp di pierdi ni cun te ni cul diaul.
***
Che poi, a vederlo da sotto, anche se sai che ce n'è una decina di ponti del diavolo, in Italia, e questo ti toglie un po' di poesia, resta che ti senti piccolo, schiacciato forse più dalla bellezza del Natisone, e della città, che pare spingere, lì dietro, per vedere chi c'è lì sotto, vicino al sasso, dove non si dovrebbe andare, ma anche se ti vede non ti dice niente, Cividale, che non ha certo tempo da perdere né con te, né col diavolo.

venerdì 31 luglio 2015

Chi sot

Sentât chi sot
Mi sint in buine companie.

lunedì 13 luglio 2015

Sbit di timp


Lunis di matine, e mi torne
Tal cjâf l'arc di chê altre dî
Tirât in place
Di man precise
E sfrontade.
No son nancje vot e sint za
cjacarâ e cjacarâ e cjacarâ
di timps che no son plui
Chei di une volte e come chei
Di une volte no son plui
I zovins, i vielis, i oms
E lis feminis.
Nancjo jo, se al par chel o soi plui chel
Di un sbit di timp denant di chest pene scjampât
Vait a cagâ, mi ven
Di dî
Il timp us passe dentri e o sês tant che un mignestron
Disemteât fûr dal frigo, 
Par fâ dispiet.

giovedì 9 luglio 2015

Lant il mâr al vierç


Lant il mâr al vierç
Parentesis di sbrume
Tornant, lis siere.

giovedì 2 luglio 2015

Bigui eletrics

Jo no sai ce sintiment che si pues vê a meti ator par il Friûl chescj pâi di fier che a tignaran sù il grant eletrodot... Ogni matine che o passi e lu ciali mi somee di viodi un grant uciel, li, plantât in bande de strade, che mi spieti dome di un dì a chel altri i cressin in bande doi balons... e No stoi cjacarant di football e volatii, eh. 
Al è brut e vonde... no ai seguît lis vicendis che a àn puartât a fâ sù chest orôr ator par il Friûl, ma ju viôt un pôc pardut e ju cjati un pugn ta un voli...

sabato 20 giugno 2015

Calvino par furlan, intal Esam di Stât 2015

Al è saltât fûr Calvino, inte prove dal Esam di Stât 2015. Un toc cjolt dal bielissim libri che al trate di vuere e fantacins, Il sentiero dei nidi di ragno. 
E alore ve chi, o provi a viodi, cun sportivitât, cemût che al sune par furlan.
Par gno cont, une vore ben.
_________________

Cualchi volte a fâ un scherç di triscj al lasse un savôr mareôs, e Pin si cjate di bessôl a zirâ pai trois, cun ducj che lu cjapin a maleperaulis e lu parin vie. Si varès voie di lâ ator cuntune clape di amîs, alore, amîs di contâi dulà che a fasin in nît i rais, o par bataiâ, cu lis cjanis, tal fossâl. Ma i fruts no vuelin ben a Pin: al è amì dai grancj, Pin, al sa disi ai grancj robis che ju fasin ridi e inrabiâ, no come lôr che no capissin nuie cuant che i grancj a cjacarin. Pin cualchi volte al varès voie di metisi cui fruts de sô etât, domandâi che lu lassin zuiâ a cjâf e pile, e che i spieghin cemût rivâ a cjatâ une galarie che e puarte fin te place Marcjât. Ma i fruts lu lassin simpri in bande, e dopo un pôc a tachin a pestâlu; parcè che Pin al à doi braçuts magris magris e al è il plui debil di ducj. Là di Pin a van cualchi volte a domandâi spiegazions su ce che al sucêt fra oms e feminis; ma Pin al scomence a coionâiu berlant par il carrugjo e lis maris a clamin dongje i fîs: - Jacum! Gjovanin! Tropis voltis aio di dîti di no lâ cun chel canai tant maleducât! 
Lis maris a àn reson: Pin nol sa che contâ storiis di oms e feminis tai jets e di oms copâts o metûts in pereson, storiis che i àn insegnât i grancj, une sorte di flabis che i grancj si contin tra di lôr e che pûr al sarès biel stâ a sintî se Pin no lis messedàs cun mincjonadis e robis che no si capissin, di induvinâ. 
E a Pin no i reste che lâ a platâsi tal mont dai grancj, dai grancj che ancje lôr i voltin la schene, dai grancj che pûr no si rive adore a capîiu e a son lontans par lui come par chei altris fruts, ma che a son plui facii di cjoli in zîr, cun chê voie di feminis e chê pôre dai carabinîrs, fintremai che no si stufin e a tachin a cjapâlu a scufiots. 
Cumò Pin al jentre inte ostarie fumose e viole, e al disarà porcariis, peraulatis mai sintudis a chei oms fin a mandâju in bestie e a fâsi pestâ, e al cjantarà cjançons comoventis, scunintsi fin a vaî e a fâiu vaî, e al inventarà mateçs e bocjatis cussì gnovis di incjocâsi dal ridi, e dut par sfantâ la fumate di soledât che i si cjapê sù tal pet intes seris come chê li.

sabato 13 giugno 2015

Sdenteade


A polse sui ôrs ruvinâts
De fuee
Di salate a matine
La lagrime di zulugne comprade di cheste
Sclagne Istât.
Parade
O parade vie
Une letare dal alfabet
Ramence
E smenteade
Si mude in sunôr
Mugnestri
Inte bocje sdenteade
De copasse.

sabato 6 giugno 2015

Arcs


Tu sês vignude a ingropâmi i arcs
di Sant Marc
ma ti si son rots in man
come paie
tal cricâ de canicule.
Ce vûstû, tu mi âs dit
'nd è ogni codebue
'nt cjatarai ancje.
Ma jo cui temporâi e la bissebove
o cjacari come cui fruts:
i mostri la copasse che mangje
i cuninuts
il tui
lis razis...
cun pazience
e cence masse parcês.


sabato 23 maggio 2015

Puarte


Puarti cjase la passion
dal signôr, la prime, 
rimpinade a cjalâ di adalt la glerie.
La puarti cjase a cjatâ la ghigne rumorose dal zessalmin
lis razutis ombrosis inte ploie di tarde Vierte
dulà che il flât al cjape 
la vite pe man e la puarte
pe puarte di un doman no plui vivarôs
no plui lustri
no plui cussì lontan.


venerdì 15 maggio 2015

Jenfri Basandiele e Cjarpenêt, a çampe o drete

A son robis che a son come guselis e ti sbusin la memorie e une di chestis a son i papavars, che ducj, di lôr, di piçui, si visin. Lu saressin inmò di plui, forsit, lis barburicis, ma a son cuasit sparidis dai nestris forments e nus reste dome il ros, sparniçât framieç il vert fin a deventâ, in lontanance, une magle uniche, che ti salte intor, come che intor al salte chest cjamp, jenfri basandiele e cjarpenêt, cjapant la strade di front dal cimitieri e cjalant a man drete, o pûr, vignint di sot, e cjalant a çampe, che tant, si sa, il biel des robis come i papavar si lu viôr simpri, rivant di ogni bande
***
Ci sono cose che sono come aghi e bucano la memoria e una di queste sono i papaveri, che tutti noi, di essi, da piccoli, ce li ricordiamo. Lo sarebbero ancor più i fiordalisi, ma sono spariti dai nostri campi di grano e ci resta solo il rosso, spalmato sul verde fino a diventare, in lontananza, una macchia unica, che ti assale, come assale questo campo, fra Basaldella a Carpeneto, percorrendo la sterrata di fronte al cimitero e guardando a destra, oppure salendo dall'altra parte e guardando a sinistra, che tanto, si sa, le cose belle quanto i papaveri le si nota sempre, giungendo da ogni parte.


martedì 28 aprile 2015

Che cui che ju cjate


A cjalâlis di dongje, lis robis,
Si jevìn inpins, ancje stant fermis.
La malegracie e je fie dal lontan, dal parsore, dal in bande.
Cussì la maluserie.
Dome tal dentri
Fossial ancje un cjâf plen
O une sachete vueide
Si cjate salvament, padin, cidinôr avonde
Par prestâju
Ché chui che ju cjate
No i coventin

sabato 18 aprile 2015

Il pês dal pes



Si vîf in timps dulà che si met in discussion, di spes in maniere vuarbe, ce che al è simpri stât dal om, come il lâ a pes, jessi bogns di cjapâ un plui grant di chei altris - che se al è deventât cussì al sarà ben un parcè - par mangjâlu cun braûre cuinçade di rispiet, come che a fasevin i vons. E pûr, il pês di ciertis robis nol è dome chel de trute grande, biele anche parcè che si cjape da râr, par che al è dificil o al covente che cualchi altri pescjadôr ti judi, lassant in bande magari, un piç di invidie, che dopo, cuant che e sarà pronte pe padiele, la fieste e je di ducj. Il pês di ciertis robis al è ancje te maravee dai fruts, tal insegnâi il rispiet de bestie e il no straçâ, il no profitâ de nature, doprâle cun criteri. E cussì al stât par cheste trute bocognone, di passe trê chilos, cjapade dongje Glaunic, di Serafini Sandro, di Sclaunic, e mostrade cul gust dal nono che al insegnê ai nevôts.

giovedì 16 aprile 2015

La bionde

(E. Manet - la bionde cul pet scuviert, 1878)


La bionde

Edward al mateà cul telefonin e al sossolà... la imagjine e veve za passât lis dismil condivisions. Cuant che al alçà i voi la bionde lu cjalave, spreçante, mostrant un agar che al rindeve il scûr une strade viers il paradîs. Par lui, che al leve indevant a visasale in chê fotografie, in chês tetis maraveosis che al veve daurman fat viodi ai amîs, e condividût cence padin, dopo, cuant che jê lu veve refudât; par lui a jerin lis culinis devant de jentrade dal Unfier. Si alçà strassomeât, poiant lis mans su la stangje di len… a disevin che i fos capitât il plui sevêr. Cient euros par ogni condivision sui social media, in tal ultin câs come il so. 
E je parfin bionde, al pensà Edward, tamesant cence inacuarzisi, sot de largje toghe nere, lis tetis dal magjistrât.

domenica 12 aprile 2015

Mûrs vuarfins, di tantis bandis, ancje a Puçui

Si ju cjate un pôc dapardut, ancje se no simpri come chest, pene fûr Puçui, pe vecje strade blancje che e puarte a Morten, che tu scugnis passâi tal mieç e no tu puedis zirâi ator, jessint che tu laressis a finîle tal canâl, e a son, ducj chescj, mûr di alc che nol è plui, vestâl de manie dai oms di sierâsi, protezisi, platâsi, obleâ chei altris oms a dismeti la lôr muse e zimiâ jenfri un sclip di voli di une mascare, che si met simpri denant dai mûrs. A chest mi fasin pensâ chei mûrs vuarfins de miserie che di sigure a difindevin, dal pericul di deventâ siors.
***
Li si trovano un po' ovunque, anche se non sempre come questo, appena usciti da Pozzuolo, per la vecchia sterrata che porta a Mortegliano, che si deve attraversare per forza, e non gli si può girare attorno, se non si vuole finire ammollo nel canale, e sono tutti, muri di un qualcosa che non è più, vestale della smania umana nel rinchiudersi, proteggersi, nascondersi, obbligare gli altri uomini a levarsi la faccia e fare l'occhiolino attraverso un frammento d'occhio d'una maschera, che sempre s'indossa davanti ai muri. E a ciò, mi fanno pensare questi muri orfani della miseria, che di certo si stavano difendendo dal pericolo di diventare ricchi.

sabato 11 aprile 2015

Di dut, intun puest sôl, a Vençon

Tu vâs a Vençon par viodi altri, e tu lu viodis, ma cuant che tu stâts par lâ vie, inte glesie che e jere stade, sdrumade, lassade, inmagant za di bessole, cui siei rudinaçs superbeôs, ben po, propit li suntun clap, sintade, tu viodis che che podarès jessi tô none, la none di tancj de tô etât, o miôr ancjemò une agne, sì, che ducj la vin vude une agne cussì; e jê, sintade li che e cjale dongje e lontan, il dut e il nuie, e a ti, a ti come tancj, no ti viôt,  ti lasse une pâs e une voie di fâ miôr, di jessi miôr, di regalâ il miôr di te, che non 'nd è di compagnis. Tu i fasis une foto di scuindon, che no tu âs voie di disturbâ ni tant mancul di robâ, e ti scjampe dentri anche una cjase, che di un barcon dirocât, ti cuche, cui voi di gjate, in sfrese, come che tu âs vivût tu, e tancj altris.
---
Vai a Venzone per vedere altro e lo vedi, ma quando stai per andartene, nella chiesa che fu, distrutta, abbandonata, incantando già di suo, con le sue macerie superbe, ecco, proprio lì su un masso, seduta, scorgi quella che potrebbe essere tua nonna, la nonna di tanti della tua età, o meglio ancora una tua zia, che ce l'abbiamo avuta tutti una zia così: e lei, seduta a guardare vicino e lontano, il tutto e il nulla, e a te, come altri, nemmeno ti vede, eppure ti regala una pace e un desiderio di migliorare, di essere migliore, di regalare il meglio di te, che non ne conosci d'uguali. Tu la fotografi, di nascosto, perché non vuoi disturbare né rubare, e ti sfugge nella foto una casa, che da una finestra diroccata, occhieggia, con occhi di gatta, socchiusi, proprio come hai vissuto finora, tu, e molti altri.

lunedì 30 marzo 2015

Netedispiets

La eternitât nus sta simpri devant dai voi, cuant che no stin fers e a corìn, plui di un gneur o di ghepart: e baste une ploie un tichinin plui convinte e i neteveris che si corin daûr cence padin, un dispietôs, chel altri sustât, a inrabiâsi dibant.

domenica 29 marzo 2015

Aghis doplis a Torce




A Torce, pene fûr paîs, inte strade che e tache lis dôs che a puartin a Flumignan e Talmassons, si tachin e misturin dôs roiis: la roie blancje, e la roie dal puint, dutis dôs che a nassin pôc prin, cjapant sù roiuçs tant che a fossin passizîr che a montin intune curiere; e li, cun tre puints, dôs chiusis e une passerelle, ti somee che lis aghis a sedin il dopli, e ti cor ator una pâs che e je fate di rivocs, e ti stice  a no lâ vie, a no tornâ a butâti inte curint malsane de vite sotane dai orlois.

***

A Torsa, appena fuori paese, in una strada sterrata che unisce le due che portano a Flumignano e Talmassons, si congiungono e mescolano due rogge, la Roggia Bianca e quella del Ponte, entrambe nate poco prima, raccogliendo rigagnoli come fossero passeggeri che salgono su una corriera: e lì, tra tre ponti, due chiuse e una passerella, ti sembra che le acque raddoppino, e ti corra intorno una pace fatta di gorghi, e ti spinge a non andartene, a non ributtarti nella corrente malsana della vita, schiava degli orologi.

sabato 28 marzo 2015

Sul ôr de strade


Sul ôr de strade
Becote cuissà ce
La badascule

***

Sul ciglio della strada
Becchetta chissà cosa
La ghiandaia.

lunedì 23 marzo 2015

Sfodrât di pensîrs


Sfodrât di pensîrs
il prât e lis cintulis
vogluts celescj

domenica 22 marzo 2015

Cricâ imprisonât

No je fate di gotis, cheste ploie che e à scribiçât la muse dal cricâ de dì, ma di altris musis, rabiosis e musticadis, che a slungjin lis mans une viers di chê altre par strenzilis e bagnâ di plui, e sierâ intune scjaipule come un prisonîr pericolosissim cheste domenie matine e lis sôs cuistions.

mercoledì 18 marzo 2015

Orcul e tesaur

A Codroip, pene fûr paîs, se no tu âs voie di jentrâ tal Parc des Risultivis de jentrade principâl, tu âs une altre pussibilitât, di un pôc di timp inca. Tu pois la machine sul puint parsore il Cuar, a man çampe, e cuasi di front, a drete, al tache un piçul percors pedonâl che al puarte al parc. E propit li e je cheste vecje cjase che e ten i pîts te aghe. E a cjalâ chê vodlade, che e sâ di antîc, al ven cuasi di pensâ a un Mulin, e cul voli tu vâs a cirî la ruede. No tu la cjatis: ti reste dome la sugjestion de cjase, misteriose, come se a platàs un orcul o un tesaur.
***
A Codroipo, poco fuori il paese, se non si vuole usare l'ingresso pricipale del Parco delle Risorgive, si ha un'altra possibilità, da un po' di tempo a questa parte. Puoi parcheggiare l'auto sul ponte che attraversa il Corno, a sinistra, e sulla destra, quasi di fronte, inizia un percorso pedonale che porta al Parco. E proprio lì c'è questa abitazione con i piedi ammollo. E a guardare questo scorcio che profuma d'antico, viene da pensare a un mulino, e con l'occhio si va a cercare la ruota. Non la si trova: resta solo la suggestione della casa misteriosa, come celasse un orco o un tesoro.

domenica 15 marzo 2015

Fornâs e spiei

Tu lis viodis simpri di lontan, inmagant, e no si sà parcè par tant che ator al sedi sdrume e davoi, lôr a stan dretis, misteriosis, cun plui orgoi che braure; e ancje cuant, come la fornâs a Vilegnove, pene fûr San Zorz, a ti spiin cual che al è il prin spieli dal om, a tremin un pôc, timidis, come a dî che no je colpe lôr se il flum lis lume e lis figote, inamorât cidin e lustri, cence ni fin ni padin.
***
Le vedi sempre da lontano, suggestive, e non si sa come mai, per quanto attorno abbiano solo macerie e scompiglio, loro rimangono in piedi, misteriose, con più orgoglio che supponenza; e anche quando, come la fornace di Villanova, appena fuori San Giorgio di Nogaro, ti svela qual è il primo specchio dell'uomo, tremano un po', timide, quasi a dire che non è colpa loro se il fiume le osserva e le coccola, innamorato silente e splendente, senza né fine né riposo.

sabato 14 marzo 2015

Il len dal circ

Rivant a Talmassons de Napoleoniche, di Codroip, ma zirant inte strade blancje, chê che dopo e salte fur li dal campo, tu lu viodis di lontan, di bessôl, sul ôr dal rivâl, che al pâr un contorsionist di chei dal circ; al è li che al regale il sô spetacul, che noaltri o savin jessi fat di fuarpis di vît e sieis, che i àn corût intor dilunc i agns, fasintlu patî, ma nus plâs pensâ che cumò al sedi dome biel, chest len, di cjalâ sentâts sul cifon de canalete, spelant cu la britule un miluç o un naranç.
***
Giungendo a Talmassons dalla Napoleonica, da Codroipo, ma svoltando nella strada sterrata, quella che sbuca vicino al campo sportivo, lo si vede da lontano, solitario, sul ciglio del fossato, che sembra un contorsionista circense: sta lì a regalare il suo spettacolo, e no sappiamo che è fatto di cesoie e seghe, che gli hanno corso addosso lungo gli anni, facendolo soffrire, ma ci piace pensare sia solo bello, ora, quest'albero, da guardare seduti sul cemento, sbucciando con la roncoletta una mela, o un'arancia.

mercoledì 11 marzo 2015

Le ombrene che e à di vignî

A Cjarmacis, daûr la glesieute, suntune stradelute che no somee puartâ inniò, un morâl grandonon al pâr platâsi, lassant il voli a colâ sui pâi des vîts, che a parin crôs, e par un marilamp tu pensis al parcè che a àn di vê metût un cimitieri propit li, invezit che pensâ al len, a trop che al è bocon, e a trop pecjât a lassâlu li, a straçâ le ombrene che e à di vignî, cence une polse frescje di regalâ.
***
A Cjarmacis, dietro la chiesetta, per un viottolo che non sembra portare da nessuna parte, un albero enorme sembra nascondersi, lasciando l'occhio a distrarsi sui sostegni delle viti, che paiono croci, e per un attimo si pensa al perché mettere un cimitero proprio lì, invece che pensare all'albero, a quanto è immenso, e a quant'è un peccato che stia lì, a sprecare l'ombra che verrà, senza una fresca sosta da regalare.