sabato 18 aprile 2015

Il pês dal pes



Si vîf in timps dulà che si met in discussion, di spes in maniere vuarbe, ce che al è simpri stât dal om, come il lâ a pes, jessi bogns di cjapâ un plui grant di chei altris - che se al è deventât cussì al sarà ben un parcè - par mangjâlu cun braûre cuinçade di rispiet, come che a fasevin i vons. E pûr, il pês di ciertis robis nol è dome chel de trute grande, biele anche parcè che si cjape da râr, par che al è dificil o al covente che cualchi altri pescjadôr ti judi, lassant in bande magari, un piç di invidie, che dopo, cuant che e sarà pronte pe padiele, la fieste e je di ducj. Il pês di ciertis robis al è ancje te maravee dai fruts, tal insegnâi il rispiet de bestie e il no straçâ, il no profitâ de nature, doprâle cun criteri. E cussì al stât par cheste trute bocognone, di passe trê chilos, cjapade dongje Glaunic, di Serafini Sandro, di Sclaunic, e mostrade cul gust dal nono che al insegnê ai nevôts.

2 commenti:

  1. Brao! Tu meretis di iessi mitut tale sfarsore ancje tu.
    Un trofeo daur che l'atri.

    RispondiElimina