domenica 30 novembre 2008

Interlenghe furlan-talian

Fasint il Master par insegnâ in Lenghe Furlane si impare un grum di robis. Une des tantis al è il concet di Interlenghe, che e sarès une lenghe che e cjacarin chei che a son daûr a imparâ une gnove lenghe. Jo che soi un che se a nol prove nol capis, o ai començât a provâ a cjacarâ in cheste benedete interlenghe.
Juste par fâsi dôs ridadis us lassi cualchi esempli di frase in interlenghe furlan-talian:

DIALIC IN INTERLENGHE
- Hai piato il fuminanto?
- No, non l'ho piato perchè mi è colato nella pocia.
- Ma alora sei un cjastrone!
- No sono cjastrone, mi è solo sbrissiato.
- Cumò cjoli un altro fuminanto, ma stai atento che se lo fai colare ti talpasso come un madracco!

FLABE IN INTERLENGHE
Ciera una volta un gnotulo che cjatò una capascia. Che muse di surisa disse la capascia. Il gnotulo, ufinduto, si copò butandosi ju par il barcone.

POESIE IN INTERLENGHE
Cuanto che l'aiaro al disnicia
i odori dal unviaro e dal purcitto
in padiella coventa una fricia
e di tocio plui che un sbitto.

Bon, us lassi e buine domenie.
Chi sot il cartel pa la partide plene di ploie di vuè. :)

martedì 25 novembre 2008

Nêf



Nêf su la place
Nêf sul barcon
Nêf che si disfe planc
Jenfri la tele dal maion

Nêf che à un no sai c'è
Di cjoli cence robâ
Nêf lizere ma che puarte
Ator tant pês
Di no podê tignî
Vierte la puarte.

Nêf di fieste
Nêf di dîs di vore
Nêf che no à mistîr
Ma no par chest à pôre.


sabato 15 novembre 2008

Il cartel par l'Udinese cu la Regjine

Ve chi. Sperant che doman l'Udin nus fâsi patî un tichinin di mancul di miercus us lassi il cartel che cjatarês in man a me pari doman al Stadio Friûl.
Za che sês tifait ancje un pôc pal Sclaunic va, che bisugne rivâ a vinci se si vûl jessi Campions d'Unviêr :D

venerdì 14 novembre 2008

Vito nus presente.... Mario!

Intant che i amadôrs dal Sclaunic a si gjoldin il prin puest dal ziron, su domande di un un ex-zuadôr de scuadre che al jere famôs par la so percentuâl di goi fats cuant che si cjatave a puarte vueide (un su dîs, se lave ben!) a us fâs viodi che se propit nol jere tant fuart devant dal puartîr al è sigurementri plui brâf denant de femine. :D
Ve chi sot ce che al è rivât adore a cumbinâ, pôc prin di trasferisi di chel biel paîs che al è Sclaunic in ta che citât plene di tortelins, tôrs e te...rons come lui che e je Bologne. ^^
Vito nus presente Mario!


MANDI VITO!

domenica 9 novembre 2008

O ai vinçût alc!

Ve chi, vuê mi va di fâmi un pôc di reclam e di fâlu a chei de associazion Ostermann di Glemone.
Come che forsit a savês in chest fin setemane a Glemone si mangje formadi, e sperant che il timp di vuê al sedi plui clement da la ploie di îr, l'event al varès di saltâ fûr une vore ben. Ma nol è di chest che vuei cjacarâ, ma di une altre robe: O AI VINçÛT UN PREMI!
Come scritôr, intint.
Ven a stâi, che îr a cinc a premiavin i trê prins rivâts di chest concors, organizât da la asociazion locâl di fate storiche-archeologjiche-culturâl Ostermann. Ben po, soi rivât secont, come che al è il me solit. :)
E ancje se ai vint le targhe (jo o pontavi al tierç puest, che al premiave cuntun zei di robe di mangjâ, ma mal à freiât un di Sarvignan :) ) ai di dî che o soi propit content.
Vûstu parcè che o ai scugnût cjacarâ pôc, e chest par me al è simpri ben; vûstu parcè che inte sale consiliâr di Glemone a mi someave di jessi stât metût sul banc dai imputâts e vûstu parcè che cuant che si vinç al è simpri une sodisfazion, soredut in chest câs che la conte e jere par furlan e che jessint il teme "la imigrazion" o vevi cirût sì di scrivi alc di "emotîf", ma cence tirâ vie chel sbit di "neri" che mi plâs meti in talis storiis.
Bon, vonde par vuê.
Mandi a ducj

A zonti ancje la foto che la Giuliana mi à mandade.
Cjalait ce muse di cûl! :D

domenica 2 novembre 2008

Il cartel par la Udinese cul Gjenue



Ve chi, intant che chei maladets a strisses celest e neri a vincin a l'ultin minût us lassi il cartel pe Udinese di vuè, par frontâ chei stricecrodiis di Gjenue. Mandi!

sabato 1 novembre 2008

6

Ve chi, si che sin dongje Samhain, us lassi une conte un tichinin "nere". :)

6

Pieri si svee intune cjamare di ospedâl. Al cîr il telefonin tal sachetin da la gjachete che al viôt poiade su la cjadree, ma no lu cjate. Al cuche viers il curidôr e al viôt un orloi picjât tal mûr. Al segne vincj e cuarantecuatri.

Si inacuarç che ai scjampe une vore di pissâ e che a nol rive adore a visâsi cemût che al è che lu àn ricoverât, ancje parcè che si sint benissim. Si cjale ator, e al viôt che chei altris jets a son vueits. Il cidinôr al è rot dome dai sunsûrs di ogni ospedâl: lis ruedis di un jet, il carel cu la massarie… Di lontan al sint il barbotâ di une television.

Si alce par lâ in bagn, che al crôt al vedi di sei tal curidorut prin di jessi de cjamare. Provant a cjaminâ si sint ancjemò plui in salût, anzit, content come une pasche. Ce mai al puedie sedi sucedût, al pense, sintint la vissie che sclope. Forsit al è miôr che al clami une infermiere. Intant che al pisse al smicje dongje il pêl da la aghe, par fâ mancul rumôr pussibil, e al fâs une liste par savê cui che al è. Non, cognon, sorenon, etât, direzion di pueste. Si vise dut.

Dut fûr che il motîf parcè che a lu àn metût in ospedâl.

Intant che al torne in cjamare al viôt un infermîr cogolât dongje la so gjachete. Al stâ par domandâi alc, ma chest al scaturìs, i dà une sburtade e al cor di corse fûr de stanzie, cul camesot che al svole come un mantel.

Pieri si ferme di bot, dûr come un cuargnul, e intun moment a si vise il parcè che a si sint cussì content. Al cor di corse viers la gjachete e al tache a svuedâ dutis lis sachetis.

– Mierde! – al dîs a dute vôs e al va subit fûr de stanzie, businant.

Al rive adore a olmâ il camesot blanc che si slontane, imburît. Chel altri si volte ancje, ma al somee che no si acuarzi di jessi stât viodût. Dut câs al tache a cjaminâ plui svelt, intant che Pieri a comence a cori. No i interesse di jessi discolç cun intor un pigjame celest a riutis. Al à intor un futar e al tire flât a grops dal gnervôs.

– Bastart! – al rive dome a rugnâ framieç i dincj, ma chel altri al è bielzà dentri l’assensôr e lis puartis si stan sierant.

Pieri si bute jù par lis scjalis come une lavine. Al cole dôs voltis. La seconde al viôt la ongule dal poleâr che a sbrisse vie, sdrumade di un scjalin di marmul. Cuant che al rive al plan tiere a si prepare. Al è stât svelt: al è rivât prin da l’assensôr e cumò al à dome di spietâ che lis puartis si vierzin par spacâi la muse a chel maladet lari e fâsi tornâ il tacuin.

Ma l’assensôr no si ferme, e la ghigne di svindic i cole jù pal barbuç insiemit a la bave che al à in bande dai lavris. Plui abàs!

Si bute jù par lis scjalis une altre volte, come un sfolmenât, tant che a nol viôt la puarte di veri che bute vier la jessude. Si sdrume di muse, cu la puarte che si creve juste un ninin. Si jeve sù e si inacuarç che al rive a tirâ fûr la lenghe de bocje cence vierzile. Pôc mâl, al pense, al larà dal dentist. Al dopre il sanc par gloti i dincj al vierç la puarte e si scaravente tal aiar frêt e scûr da la gnot. Doi infermîrs a stan jentrant e lu incrosin, ma no lu cjalin nancje.

Miôr, al pense intant che al torne a cori, par cirì di cjapâ che disgraciât.

Chel al cjamine cuntun pocje di premure, ma nol cor. A viodiju a somein la rapresentazion di une barzelete: un om in pigjame celest che al cor daûr di un altri cul camesot blanc.

Pieri a i met un moment a cjapâlu. Chel altri al rît di une orele a che altre e al somee scjassât. Al sta par fermâlu, ma lu viôt jentrâ intune ostarie e al capìs subit ce che al à di fâ. Al sa che une denuncie a no coventarès a nuie. Miôr rangjâsi.

Lu spiete fûr, tignint in man un cubet di piere cjapât su di par tiere. Intant lu cjale, stant poiât su un arbul in tal scûr, pene di là dal veri. Lu viôt che al cjol un cafè, che al tire fûr di sachete il so tacuin e che al cjale dentri. Ve li che al rît di gnûf come une jene!

La bocje spacade di Pieri e il so poleâr a tuchin come un cûr patoc e sul marcjepît si sta bielzà ingrumant une poce di sanc. E pûr, pene che l’infermîr al ven fûr dal locâl, al rive compagn a discjamâ dute la rabie intal prin colp.

Daspò al peste, e al peste, e al peste, fin che la piere che al à in man ai sbrisse vie a ogni colp e che al è dut sclipignât, tant di scugnî netâsi i voi.

Al è fortunât, parcè che a nol passe nissun. Da la ostarie nissun al pâr seisi inacuart di nuie. Lis machinis a corin cence frenâ. Però al à di movisi.

Si nete lis mans sui bregons dal pigjame e al tire fûr il so tacuin dal camesot di chel altri. Sigûr come un bisat tal pantan al met i dêts jenfri lis pletis e al tire fûr la ricevude. Sîs! Sîs, putanace che miserie! Al à fat sîs! Nol viôt l’ore di cori cjase par impiâ la television e cjalâ lis cuotis. Milion di euro, milion di euro, milions di euro, al va indevant a pensâ, intnat che si jeve su e al fâs par cori vie. Purtrop al sbrisse su la poce dal so stes sanc e al finìs tal mieç de strade.

Si svee intune cjamare di ospedâl. Al cîr il telefonin tal sachetin da la gjachete che al viôt poiade su la cjadree, ma no lu cjate. Al cuche viers il curidôr e al viôt un orloi picjât tal mûr. Al segne vincj e cuarantecuatri.