domenica 30 novembre 2008

Interlenghe furlan-talian

Fasint il Master par insegnâ in Lenghe Furlane si impare un grum di robis. Une des tantis al è il concet di Interlenghe, che e sarès une lenghe che e cjacarin chei che a son daûr a imparâ une gnove lenghe. Jo che soi un che se a nol prove nol capis, o ai començât a provâ a cjacarâ in cheste benedete interlenghe.
Juste par fâsi dôs ridadis us lassi cualchi esempli di frase in interlenghe furlan-talian:

DIALIC IN INTERLENGHE
- Hai piato il fuminanto?
- No, non l'ho piato perchè mi è colato nella pocia.
- Ma alora sei un cjastrone!
- No sono cjastrone, mi è solo sbrissiato.
- Cumò cjoli un altro fuminanto, ma stai atento che se lo fai colare ti talpasso come un madracco!

FLABE IN INTERLENGHE
Ciera una volta un gnotulo che cjatò una capascia. Che muse di surisa disse la capascia. Il gnotulo, ufinduto, si copò butandosi ju par il barcone.

POESIE IN INTERLENGHE
Cuanto che l'aiaro al disnicia
i odori dal unviaro e dal purcitto
in padiella coventa una fricia
e di tocio plui che un sbitto.

Bon, us lassi e buine domenie.
Chi sot il cartel pa la partide plene di ploie di vuè. :)

1 commento:

  1. E la interlenghe contrarie cemût sunaressie? Une sfide... ;-)

    RispondiElimina