giovedì 11 aprile 2019

Tu pararessis bon (Faresti bene)


Tu pararessis bon
A jessi chi e no
A durmî, no
A poiâ vuès e scarpis e cimiadis
Sui scjalins dal imbrunî
Tu
Tu pararessis frescje, ridint
Di ridadis mâl tignudis
Fufignis fofis
Cjalcis rotis prin di sei
                         dopradis,
Tu
Pararessis bon a sei
Chi fantate, spudade
Tal tremôr di gjambis viartis
Tirade dentri
Di une bussade-cjastiel
Platade
Dentri une muardude-riviel
E cence
Clostris cence
Tramais di onôr o gale.
Fevelin i dêts, bruntulin
Lis ongulis, patafin
I ombui
E la plete te cjar
Rivoche di inzirlis
E sgrisui salvadis.

***
Faresti bene
A essere qui e non
A dormire, non
Ad appoggiare ossa e scarpe e occhiolini
Sulle scale dell'imbrunire
Tu
Saresti fresca, ridente
Di risate mal trattenute
Soffici sciocchezze
Calze rotte prima d'essere
                                       usate,
Tu
Faresti bene a essere
Qui ragazza, sputata
Dentro il tremore di gambe aperte
Catturata
Da un bacio-castello
Nascosta
Dentro un morso-ribelle
E senza
Catenacci senza
Trappole d'onore o galanterie.
Parlano le dita, brontolano
Le unghie, schiaffeggiano
I lombi
E la piega nella carne
Echeggia di capogiri
E brividi selvatici.

Un bisibili


Un bisibili
Cuzie lis cintulis
O âf o gjespe.

***

Un brusio
Solletica la veronica
O ape o vespa.

lunedì 8 aprile 2019

Tal lavandin


Il to cûr
Al è un grop di glace
Lu ai tirât tal lavandin
E un seglâr tant 
Che destin
Nol è mai di svant motîf,
Neancje asse o uce; cjale
I plats sveâts de cene: piron, sedon
La tace, 
Brindade ridint di vîfs.
Cun lôr il timp par disfâsi, cun lôr
Disfat il timp.
Ce che al vanze, odôr o cragne
Al à storiis di contâ, al à
Piel, bussade, aghe
Cjalde, strace
E une sbrissade fin sul ôr.

domenica 31 marzo 2019

Tu fumate, tu messede


Il pantan
Sui cjans e sui tratôrs
Si suie adore e adore
Si jeve il dêt
Par impiâ il lum.
Cuatri e cuatri a fasin vot
Al conte il canai e cuatri
A son i voi che lu cressin. 
E doi sôi, son soi.
E doi, cuissà?
No mei, 
No di diu.
Forsit
A son dome doi.

Fûr
Al plôf cence
Plovi e no tornaràn i piarçolârs
Glaçâts par no cjapâ
La glace.
Il cjalt al cjape man, s'inzegne 
Si petenin lis striis, ma cence grops
Di distrigâ. Tu fumate, tu messede
Rivâi e sterps.
Lasse che si platin
Daûr dai orts lis chechis, daûr
Dal sen i vuarps.

lunedì 11 marzo 2019

Crituris (crepe)


Poi la bire dentri te scarpe
Fûr de puarte
I mûrs a mostrin ancjemò i claps
I flums di soreli
Corûts sui scûrs di bree.

Trops rivino a contâ, di lontan?
Tropis stradis
Di cjalcine sclapade?
E cuale sino nô?

Nus pâr di cognossi
Sul mûr masse passût dai ricuarts
Il barcon rot di chel
La puarte sierade
Di chel altri;
Tal cjanton, sot de linde
Une cjançon che a savevin
A memorie e tal çuf di talate
Tabiade dai passarins
Grignei di savalon
Di un mâr suiât e supât
Dal aiar e dal pedrât.

Cjale miôr, disnice une çate
In bande dai voi:
No isal ancjemò cualchidun là dentri?

La tende si môf, alc
Al à cricât. Da la nape
Une schie di fum, 
E à scuindût une stele.

***
Appoggio la birra nella scarpa
Fuori dalla porta
I muri ancora mostrano i sassi
I fiumi di sole
Passati sulle imposte di legno.

Quanti ne riusciamo a contare, da lontano?
Quante strade
Di calce screpolata?
E quale siamo noi?

Ci sembra di conoscere
Sul muro ingordo dei ricordi
La finestra rotta di quello
La porta chiusa
dell'altra;
Nell'angolo, sotto la grondaia
Una canzone che sapevamo
A memoria e nel ciuffo del tarassaco
Calpestato dai passeri
Granelli di sabbia
Di un mare prosciugato e succhiato
Dal vento e dal selciato.

Guarda meglio
Inaugura una zampa
A fianco degli occhi:
Non è rimasto ancora qualcuno, là?

La tenda si scosta, qualcosa
Ha scricchiolato. Dal comignolo
Una scaglia di fumo, 
Ha nascosto una stella.

martedì 12 febbraio 2019

Usgnot / Stasera


Si môf di stravint
La sêt de plane
Tai rivocs de criùre.
Devant
Sforadi
Il sunsûr dai fros.
Al cjarine il cîl
                         [dal mont.
La pipine di une poce
A smire la lune
Improibide
Fintremai a glotile
E secjale di pantan.
Tignìnsi
Par man cence fevelâsi
Ni movi i pîts.
Usgnot
La pivide dal crichedì
E je za in muel
Su la ponte de lenghe.

***

Si muove a raffiche
La sete della pianura
Nei gorghi del gelo.
Davanti
Forastico
Il sussurro dei fili d'erba
Accarezza l'orizzonte.
La pupilla di una pozzanghera
Fissa la luna
Proibita
Fino a inghiottirla 
E seccarla di fango.
Teniamoci 
Per mano senza parlarci
Né muovere i piedi.
Stasera
Il germoglio dell'aurora
E' già madido
Sulla punta della lingua.



lunedì 11 febbraio 2019

Compagn


A mi sarès plasût
Restâ sot la linde
Une tace poiade sul marcjepît
Cuntun vin bon dismenteât
Des mans lassadis a cirî
Framieç des tôs
Cuessis, mi sarès plasût
Sbatisi i coions de machine
Che e passe e pivet e rît e cjale e
Nus tire forsit daûr 
Cumieris di cjacaris
E mi saressin plasudis
Anche chês, forsit, ma di sigûr
La lenghe poiade dulà
Che prin al jere il dêt e prin
Il zemit e prin
Il tremôr.
E crote, sot di un puarton,
Mi sarès plasût lassâti
La schene sgriade dal mûr
Grês, fruçon di piere
Tant che il grês
Cjalcjâ e sburtâ e jentrâ cence
Domandâ reson. 
Ma no si puès, no si varès, no va ben
E o sai parcè.
Ti sarès plasût, a ti compagn
A ti
Sarès plasût
Compagn che a mi.








venerdì 8 febbraio 2019

O pûr Avrîl


Lunis
La place vueide
Il bar sierât
I colomps che puartin ator
Il frêt
                                                        [jenfri i veris 
Di un barcon crevât.
La criùre no rive plui
                                               [a tignî dûr
e il fûc al criche
Tuche e stache
i ricuarts dal mûr
dulà che ju tignivin 
                                            [inclaudâts:
La none e il fazolet di cjâf  
                                                      [simpri neri, clâr
Il nono e la côt
                                 [cetant lizere
I morârs e lis ramascjis
Che a sburtin al larc
Dut il curtîl
I tais sot da lis frascjis
Plens di porcos e puartons.
Cussì mandi, 
E mandimi vie
A spietâ Pasche, o pûr Avrîl