lunedì 30 marzo 2015

Netedispiets

La eternitât nus sta simpri devant dai voi, cuant che no stin fers e a corìn, plui di un gneur o di ghepart: e baste une ploie un tichinin plui convinte e i neteveris che si corin daûr cence padin, un dispietôs, chel altri sustât, a inrabiâsi dibant.

domenica 29 marzo 2015

Aghis doplis a Torce




A Torce, pene fûr paîs, inte strade che e tache lis dôs che a puartin a Flumignan e Talmassons, si tachin e misturin dôs roiis: la roie blancje, e la roie dal puint, dutis dôs che a nassin pôc prin, cjapant sù roiuçs tant che a fossin passizîr che a montin intune curiere; e li, cun tre puints, dôs chiusis e une passerelle, ti somee che lis aghis a sedin il dopli, e ti cor ator una pâs che e je fate di rivocs, e ti stice  a no lâ vie, a no tornâ a butâti inte curint malsane de vite sotane dai orlois.

***

A Torsa, appena fuori paese, in una strada sterrata che unisce le due che portano a Flumignano e Talmassons, si congiungono e mescolano due rogge, la Roggia Bianca e quella del Ponte, entrambe nate poco prima, raccogliendo rigagnoli come fossero passeggeri che salgono su una corriera: e lì, tra tre ponti, due chiuse e una passerella, ti sembra che le acque raddoppino, e ti corra intorno una pace fatta di gorghi, e ti spinge a non andartene, a non ributtarti nella corrente malsana della vita, schiava degli orologi.

sabato 28 marzo 2015

Sul ôr de strade


Sul ôr de strade
Becote cuissà ce
La badascule

***

Sul ciglio della strada
Becchetta chissà cosa
La ghiandaia.

lunedì 23 marzo 2015

Sfodrât di pensîrs


Sfodrât di pensîrs
il prât e lis cintulis
vogluts celescj

domenica 22 marzo 2015

Cricâ imprisonât

No je fate di gotis, cheste ploie che e à scribiçât la muse dal cricâ de dì, ma di altris musis, rabiosis e musticadis, che a slungjin lis mans une viers di chê altre par strenzilis e bagnâ di plui, e sierâ intune scjaipule come un prisonîr pericolosissim cheste domenie matine e lis sôs cuistions.

mercoledì 18 marzo 2015

Orcul e tesaur

A Codroip, pene fûr paîs, se no tu âs voie di jentrâ tal Parc des Risultivis de jentrade principâl, tu âs une altre pussibilitât, di un pôc di timp inca. Tu pois la machine sul puint parsore il Cuar, a man çampe, e cuasi di front, a drete, al tache un piçul percors pedonâl che al puarte al parc. E propit li e je cheste vecje cjase che e ten i pîts te aghe. E a cjalâ chê vodlade, che e sâ di antîc, al ven cuasi di pensâ a un Mulin, e cul voli tu vâs a cirî la ruede. No tu la cjatis: ti reste dome la sugjestion de cjase, misteriose, come se a platàs un orcul o un tesaur.
***
A Codroipo, poco fuori il paese, se non si vuole usare l'ingresso pricipale del Parco delle Risorgive, si ha un'altra possibilità, da un po' di tempo a questa parte. Puoi parcheggiare l'auto sul ponte che attraversa il Corno, a sinistra, e sulla destra, quasi di fronte, inizia un percorso pedonale che porta al Parco. E proprio lì c'è questa abitazione con i piedi ammollo. E a guardare questo scorcio che profuma d'antico, viene da pensare a un mulino, e con l'occhio si va a cercare la ruota. Non la si trova: resta solo la suggestione della casa misteriosa, come celasse un orco o un tesoro.

domenica 15 marzo 2015

Fornâs e spiei

Tu lis viodis simpri di lontan, inmagant, e no si sà parcè par tant che ator al sedi sdrume e davoi, lôr a stan dretis, misteriosis, cun plui orgoi che braure; e ancje cuant, come la fornâs a Vilegnove, pene fûr San Zorz, a ti spiin cual che al è il prin spieli dal om, a tremin un pôc, timidis, come a dî che no je colpe lôr se il flum lis lume e lis figote, inamorât cidin e lustri, cence ni fin ni padin.
***
Le vedi sempre da lontano, suggestive, e non si sa come mai, per quanto attorno abbiano solo macerie e scompiglio, loro rimangono in piedi, misteriose, con più orgoglio che supponenza; e anche quando, come la fornace di Villanova, appena fuori San Giorgio di Nogaro, ti svela qual è il primo specchio dell'uomo, tremano un po', timide, quasi a dire che non è colpa loro se il fiume le osserva e le coccola, innamorato silente e splendente, senza né fine né riposo.

sabato 14 marzo 2015

Il len dal circ

Rivant a Talmassons de Napoleoniche, di Codroip, ma zirant inte strade blancje, chê che dopo e salte fur li dal campo, tu lu viodis di lontan, di bessôl, sul ôr dal rivâl, che al pâr un contorsionist di chei dal circ; al è li che al regale il sô spetacul, che noaltri o savin jessi fat di fuarpis di vît e sieis, che i àn corût intor dilunc i agns, fasintlu patî, ma nus plâs pensâ che cumò al sedi dome biel, chest len, di cjalâ sentâts sul cifon de canalete, spelant cu la britule un miluç o un naranç.
***
Giungendo a Talmassons dalla Napoleonica, da Codroipo, ma svoltando nella strada sterrata, quella che sbuca vicino al campo sportivo, lo si vede da lontano, solitario, sul ciglio del fossato, che sembra un contorsionista circense: sta lì a regalare il suo spettacolo, e no sappiamo che è fatto di cesoie e seghe, che gli hanno corso addosso lungo gli anni, facendolo soffrire, ma ci piace pensare sia solo bello, ora, quest'albero, da guardare seduti sul cemento, sbucciando con la roncoletta una mela, o un'arancia.

mercoledì 11 marzo 2015

Le ombrene che e à di vignî

A Cjarmacis, daûr la glesieute, suntune stradelute che no somee puartâ inniò, un morâl grandonon al pâr platâsi, lassant il voli a colâ sui pâi des vîts, che a parin crôs, e par un marilamp tu pensis al parcè che a àn di vê metût un cimitieri propit li, invezit che pensâ al len, a trop che al è bocon, e a trop pecjât a lassâlu li, a straçâ le ombrene che e à di vignî, cence une polse frescje di regalâ.
***
A Cjarmacis, dietro la chiesetta, per un viottolo che non sembra portare da nessuna parte, un albero enorme sembra nascondersi, lasciando l'occhio a distrarsi sui sostegni delle viti, che paiono croci, e per un attimo si pensa al perché mettere un cimitero proprio lì, invece che pensare all'albero, a quanto è immenso, e a quant'è un peccato che stia lì, a sprecare l'ombra che verrà, senza una fresca sosta da regalare.

sabato 7 marzo 2015

çoris spartidis


Il mestri bocon a lei lis çoris, notis estrosis parsore la alte tension, che a trascurin di cambiâ il spartît o butâ vie ogni volte lîs clâfs. Lui nol à une bachete, ma ramascjis: vencs par arcs, peçs par flâts, l'Unvier i à fat otons di clupignârs e pôi. Al ten il timp, un rôl colât.

domenica 1 marzo 2015

Di Flambri a Sterp

In dentri, no dongje la strade, a man çampe, che a çampe a stan lis robis bielis, lant di Flambri a Sterp. No son fis come che a podaressin jessi: dôs cjariadoriis a lassin strissis di vueit framieç il viole e il blanc. Chei blancs, po, a son simpri di mancul, plui rârs, ma par una volte o ai miôr chei viole, ancje se son in tancj. No je simpri vere che la reson e stâ de bande dal plui, ma nancje dal mancul.

***

All'interno, non vicino alla strada, a sinistra, che a sinistra stan le cose belle, andando da Flambro a Sterpo. Non folti come potrebbero essere: le tracce di due pneumatici lasciano strisce di vuote in mezzo al viola e al bianco. I bianchi, poi, sono sempre in numero minore, rarefatti, ma per una volta preferisco i viola, anche se sono di più. Non è sempre vero che la ragione sta dalla parte della maggioranza, ma nemmeno dall'altra.