lunedì 30 settembre 2013

Lis galeriis fotografichis dal Messagjero

Vuê o vevi voie di cjacarâ dal Udin... îr o ai viodût dome il secont timp, ma 'nd jere vonde par fâ padielis e pignatis dai zuiadôrs.
Podopo mi rive la rispueste vie muselibri dal bon Messagjero Venit che une vore stiçât di un gno coment, forsit un pôc impulsîf, sul incident mortâl di vinars stât, ma probabilmentri infastidît di ducj chei altri coments, a scomençâ dal "femminicidio" che a nol jere tâl ma che lôr - e dome lôr - a vevin clamât cussì, stiçant un flame no di pôc che no ai seguît.
A ogni mût o ai dî che soi propit stât un pôc salvadi, a comentâ la lôr galerie fotografiche in cheste maniere:
come al solito ecco spuntare la vostra inutile, becera, vergognosa galleria fotografica... grande informazione #menzogneroveneto
Pur trop, dopo vê viodude chê de fantacine che si jere picjade (plui di 80 fotografiis?!?!) chê dal muart di incident di vilevuarbe, che de puare zovine copade su la ippovie e cheste, o ai di dî che mi vâ il sanc tal cjâf... Par gno cont nol è util, ni informatîf, meti une sdrume di imagjinis dal lûc de disgracie, cun tant di poce di sanc, di int che e lavore (carbinîrs, vizii, 118...) e di int che e cjale (comprendûts fruts, che no si varès, ma chel nol è nuie di ce, pazience). Jo lu sai, o soi tal web di tant timp, che fasint cussì tu sticis la morbositât de int e tu cjapis target e clics... ma o pensi ancje che il gjornalism, la informazion, e insomp, la culture, a son lis robis che nus puedi salvâ, in cheste epoche di decadince e fastidis, soredut morâi. Un clic di mancul, ogni tant, al pues volê d
Us dîs cence fastidis che a mi, viodi cambiâ il titul de fantate de ippovie di "omicidio" in "femminicidio" dopo cinc minûts che al jere stât publicât l'articul, no mi è plasût... anzit... lu ai cjatât un at vîl e une vore bas, che chei altris gjornai, ni il gazetin, ni udinetoday, ni udine20 no àn fat (altris no cjalavi). Bon. ma insome. fasinle curte, ve chi ce che mi à rispuindût il messagjero

6.607 persone che hanno visto la galleria evidentemente non la pensano come lei. Nessuno la obbliga a guardare o a iscriversi a questa pagina. Saprebbe, gentile signore, elencarci le "menzogne" che, secondo la sua visione, avremmo scritto? Restiamo in cortese attesa...
Insome... ve chi, come al solit, mi soi lassât puartâ dal fastidi, e o ai dît masse, ma dopo o ai tornât a cjalâ imagjinis de galarie... come cheste, cuntun frutin in prin plan che al cjale:
 o come cheste altre cu la poce di sanc dal siorut di Manzan che lu àn cjapât sot straviersant la strade:
E mi soi dite che no, jo no rivi a pensâle come lôr, ancje se o soi un di chei 6mil e passe che a àn cjalât lis fotos. E anzit, propit par chest ategjament, no mi plâs il lôr Barilla style dal tipo "quelli che non la pensano come noi non ci seguano"; no fintremai che su sês sul web e tu fasis informazion, che je rivolte a ducj, e e je alc che al forme il mont dulà che o vîf ancje jo. I ai rispuindût cussì, al è dut su facebook, ven a stâi che o pues publicâlu chi sot:
L'italiano, come sappiamo, non è un'opinione: inutile, becera e vergognosa sono termini che nulla hanno a che fare con le menzogne che citate, addirittura tra virgolette (sorge il dubbio che abbiate sbagliato commento). Se vi riferite all'hashtag, era già esistente, a quanto pare, quindi non certo di mia responsabilità. Il numero da voi indicato è proprio il motivo per cui non si dovrebbe utilizzare, o utilizzare con molta parsimonia, fotografie ripetute in gran numero, alcune in cui compaiono persone non famose (mi auguro tutte maggiorenni, anche se già guardando questa foto non si direbbe, ma la 196 la conoscete voi meglio di me, quindi non metto in dubbio.), spesso poco utili e di vero cattivo gusto per parenti e conoscenti del deceduto e del coinvolto. A quanto pare, invece, aver stuzzicato la morbosità di chi clicca per vedere una macchia di sangue, un cadavere, l'albero dell'impiccata, e via dicendo, sono motivo di vanteria... Va benissimo, prendo atto della vostra linea editoriale riguardo a questi eventi, ma mi permetto di pensare l'informazione in modo diverso, e trovare 11 foto (e qui erano anche poche) che ritraggono spesso la stessa scena non funzionali a una informazione che mi piacerebbe avere. Sappiamo benissimo che la morbosità è leva per l'attenzione, ma sta proprio a chi offre l'informazione avere una misura e sapersi gestire. Pace, la pensiamo in modo diverso.
Il discorso del "chi le dice di guardare la pagina" non lo capisco: se non volete le critiche e i commenti negativi, chiudete la possibilità di commentare. Non ho il diritto di giudicare l'informazione che ricevo? Una degna informazione non è forse bene per un intero Paese? Sono uno che acquista il vostro giornale, ma la galleria di decine di foto che vivono di una disgrazia altrui mi è indigesta e penso sia attività inutile (una foto dell'auto incidentata nessuno nega sia dovere di cronaca, una decina, quasi tutte uguali, è per lo meno discutibile), becera, in quanto degna di bassezza, così come ogni sfruttamento di evento negativo o tragico a proprio vantaggio, e vergognoso, in quando degno di vergogna, in questo caso non mia, ma per un atto che nel mio sentire è sconveniente.
Comunque, essendo lettore accetto volentieri il vostro invito: sarà mia premura segnalare ogni informazione inesatta che incontro, ditemi voi il modo che vi è più congegnale. Comincio chiedendovi il permesso di riportare sul web questa conversazione.
Ora che so che avere numerosi accessi alla galleria fotografica degli incidenti mortali è motivo di vanteria per il
#messaggeroveneto, mi asterrò dal commentare negativamente tale costume, pur continuando a pensarlo sconveniente e di cattivo gusto, ma vi ringrazio per avermelo comunicato.
Saluti e buon lavoro. :)
Insome, par gno cont la cuistion e je sierade. No larai plui a dî che lis galeris fotografichis su lis disgraciis no li sopuarti e che o spresei un che si svante di vê vût tancj clics stiçant il morbin de int.
Par gno cont, fotografichis di desenis di imagjinis come chês chi no puartin informazion, o in ogni câs no une informazion che mi plâs a mi. Amen. Il messagjero o voi indenant a comprâlu, aromai al è une tradizion, cjase mê si lu lei di trente e passe agns, ma si tignarìn ognidun la nestre reson. :)
Ve chi, propit cumò invezit, mi rispuindin, clarementri in maniere simpatiche e ribadint il conciet che se no mi va ben cussì che cjali di altris bandis... Cjalait ce simpatics...

Non è motiva di vanteria. Vuol solo dire che i lettori cercano anche questo tipo di informazione. Se non le piace può benissimo astersi dal leggerci... I commenti, soprattutto quelli negativi, neritano sempre attenzione perchè ci aiutano a migliorare la nostra offerta. Ma se i commenti negativi sono uno su mille, forse non è il caso di cambiare. E comunque il commento, anche negativo, può essere sempre fatto con educazione e rispetto. Ammesso che si sappia cosa siano.
E sicome soi simpatic ancje jo:
Quindi mi state dicendo che io non so cosa siano educazione e rispetto? Complimenti, un bel modo per essere educati e rispettosi :)
Domanda 1: io sono uno di quei 6700 e rotti che ha cliccato, come sapete che gli altri sono tutti d'accordo solo perché hanno cliccato? Io, magari sbaglio, ma nelle gallerie di numerose foto su incidenti e fatti di sangue ho letto solo commenti negativi, non mi pareva di aver visto i commentatori sperticarsi in lodi. Nemmeno uno. Ma sicuramente sono io che sbaglio, in quanto, come lasciate intendere, sono irrispettoso e ineducato.
Domanda 2: perché dovrei astenermi dal vedere le gallerie? Non mi sto riferendo al vostro quotidiano cartaceo (e comunque, trenta e passa anni di acquisto quotidiano del giornale mi darebbero ben un minimo di motivo di leggervi ed eventualmente esprimermi su una aspetto su cui non concordo) ma a fotografie che sono sul web, che vengono linkate e condivise, che ritraggono persone (tra cui, due settimane fa, la mia stessa). Non è il quotidiano, che potete invitarmi, giustamente, a non comprare più, se non è di mio gradimento. C'è differenza, mi sembra.
Comunque non ho né tempo, né voglia di fare flames inutili, ci mancherebbe. Mi tengo l'ineducazione e l'irrispettosità di cui mi accusate e me ne faccio una ragione. Purtroppo non la vediamo allo stesso modo, amen. So che il mondo pende da quella parte e non ci si può far nulla, come dite voi, se piace a tanta gente, bisogna offrirlo, e da molti punti di vista è giusto così, saranno tutti d'accordo. Da quello mio, anche se come dite voi sono uno su mille, no.
Insome, in conclusion, lôr a crodin che ducj chei che i clichin une robe, i plasi chê robe, che se la int e je plene di morbin, alore bisugne dâi di passisi, e che se cualchidun, un su mil, inedûcat e cence creance, no la pense come lôr, che al cjali di une altre bande... ancje se tu publicheis robis sul web, che a viodìn ducj...
Voaltris 999, lâ di fûr, ducj dacuardi cu lis galariis, imagjini.. :)
 
 

martedì 24 settembre 2013

Il cartel par Udinese - Gjenue

Alore, lu viodêso che segnat jenfri la L e la E, che al somee un pêl di cûl di un orcul? Ben po, mi domandâvi, ce isal? Gno pari si isal rincoionît? No, parcè che magari no savês che la il strisson pe partide dal Udinese si compon di difarents contribûts...
A seconde dai timps, jo o pensi la frase, su sugjeriments di gno pari e mê mari, podopo la scrîf a matite e dome i ôrs des letaris e - se al è timp e o ai coions - a fâs un dissen e lu pituri cui pastei a cere, magari obleant la frute a piturâ ti tocs plui grues, se invezit no ai timp, dome la scrite, di gnot o a matine adore, e dopo gno pari al piture.
Ben po, insome, o pensavi che al vès falât di brut a fâmi chel schiribiç li, invezit, al è dome un elastic!
Ma vignin ae partide... jo usgnot no ai masse voie.
Il puest gnûf in curve sud mi fâs cagâ, il zûc de udinese ancje, la voie che i àn metût sabide, lassin pierdi. No met in discussion la scuadre. Jo o concêt vulintîr lis scusi a Kelava, (però al è lent tal lâ par tiere, e chel nol centre nie cu la inesperience) e a Bubnic (che un vieli come Pelizzoli lu mene pal cûl tant che al vûl) però viodi un Lazzari a dî pôc inutil, un Muriel che al è une fantasime (cuasi fastidôs) e un centri dal cjamp cence ideis, cun Maicosuel straçât a fâ il median, e badu... dome voie ma nuie sostance, insome... no. Varès voie i viodi une altre udinese.
La veretât e je che tancj a li dentri si sintin sigûrs dal puest... ma schercino?
Su mo su mo! O tignin in panche un merkel, un zielinski, un lopez e altris che no podin fâ piês de Udinese dal prin timp di verone... ancje un dordelon come ranegie a zuie miôr dal muriel di sabide stade. Bon... però, jo o pensi che al basti une vore pôc a tornâ a cjapâ il zûc, e alore, usgnot UDIN AL-E', e dinsi une mote!

domenica 15 settembre 2013

Il strisson par Udinese - Bologne

Ve chi il cartel par l'udin di vuê... sì, lu sai, al funzione ben dome se la Udinese e vinç
ma boia cane, no vino di vinci!?
E sperìn che al torni a segnâ Totò, che al à bisugne.
E che Pereyra al torni chel di l'an passât
e il puartîr al comenci a cjapâ man e in man la scuadre
E magari, jo speri simpri, che il Mago al segni il so prin gol, che chel li, al è bulo, ma bulo fuart... i baste un colp di cûl e il zuiadôr al devente...
bon, vonde, viodin se vuê, almancul, che daûr de schene no rompin i coions di no tirâ sù il strisson e no tirâ cjartis, che mi cjatin di lune juste. Se viodês svualâ un par i scjalins, o savê cui che lu à butât. :D

Gjornalism di rive jù

Jo no sai se cualchidun si è inacuart de direzion che al à cjapât il Messaggero Veneto di ca di un pôc.
Ir no podevi fâ di mancul di marcâ chescj doi cartei, un di front di chel altri, ancje par che, il titul pari pari lu vevi let sul Messaggero la matine, in prime pagjine, e mi veve dât fastidi. 
O vevi sintût la gnove al TG regjonâl e disin che e je un cierte difarence jenfri la version di un feriment - e magari ancje grâf - e il tiarmin "dilaniato". 
Ma lu sano il talian? mi soi domandât? O nus cjolino pal cûl.
Ancje par che, che il furlan no i plasi, al menzognero, lu ai capît di cuant che o ai tacât a fâ i cartelons pal stadi par in marilenghe, che mai une volte ju vedin pandûts, ma che al comenci a no jessi un bon amì nancje il talian... bon, disìn che la robe a scomence a dâmi fastidi.
Ancje parcè che al è za di cualchi timp, che a va indenant cheste ande.
Che altre setemane si cjacarave di un, par incident a vore, che lu àn fat finî in coma, plui di là che di ca, ma invezit nol jere par nie grâf in chê maniere, e i parincj, disin, no jerin masse contents..
e setemanis prime,
sedi pe frute che si è copade, sedi par un incident di machine mortâl, a àn rivât a tirâ fûr une "galleria fotografica" degne da lis miôr seradis di apericena estîfs... vêso presint, cu la inte che a condivît e si taghe sul muselibri. Eco, compagn. Une ventine di fotos de machine ribaltade tal fossâl e robis cussì!
Insome, jo no sai, lis robis a son dôs:
1) lu fasin in malefede. Titui sensazionalistichis e scorets, fats par tichignâ la morbositât de int, che a lei di un feriment, si interesse, a lei "dilaniato" e cor a viodi spietant i budiei che a vegni fûr de pagjine.
2) son ignorants. Tal sens che no cognossin ben la lenghe taliane, e no san ben il significât des peraulis. par chest cont, o varès di vê un vocabolari che mi vanze, tal scansel.
Bon.
Vonde cussì par vuê. Ma pensi propit che in curt, se al va indenant cussì, il Messaggero al varà un letôr di mancul, ancje par che di ogni gnove o varès di fâ la tare, e jo no ai timp di pierdi. :)

lunedì 2 settembre 2013

Il cartel par Udinese - Parme

E îr al è començât il campionât in cjase. No vevi timp par fâ disens, ni par pensâ un cartel miôr. Nancje jo o jeri content di vê viodût une scuadre come chê di joibe stade, ni di jessi lât fûr de Europe. Ma o ai pensât che o varin za plens i coions a smaltî zuiadôrs che al è un pecjât dâ vie (Maicosuel, par dî un, a dâlu vie al è di stupits, ma ancje a tignîlu cence che al zui, al è pecjât) ma cjatâ lis motivazions al è dificil.
Cussì, o vevi pensât di scrivi "Volarà dî che o cirarin di vinci il scudet", ma podopo o sintivi bruntulâ par dut. E al è di ridi che par une volte che Pozzo nol vent nuie, al va dut stuart. E alore, vonde rugnâ, nin indevant e profitin di jessi lâts fûr de Europe par rivâ ben in campionât e magari, cirì di rivâ adalt in cope Italie... no come ogni an che o nin fûr come çus!
E alore, Fuarce Udin!