lunedì 30 settembre 2013

Lis galeriis fotografichis dal Messagjero

Vuê o vevi voie di cjacarâ dal Udin... îr o ai viodût dome il secont timp, ma 'nd jere vonde par fâ padielis e pignatis dai zuiadôrs.
Podopo mi rive la rispueste vie muselibri dal bon Messagjero Venit che une vore stiçât di un gno coment, forsit un pôc impulsîf, sul incident mortâl di vinars stât, ma probabilmentri infastidît di ducj chei altri coments, a scomençâ dal "femminicidio" che a nol jere tâl ma che lôr - e dome lôr - a vevin clamât cussì, stiçant un flame no di pôc che no ai seguît.
A ogni mût o ai dî che soi propit stât un pôc salvadi, a comentâ la lôr galerie fotografiche in cheste maniere:
come al solito ecco spuntare la vostra inutile, becera, vergognosa galleria fotografica... grande informazione #menzogneroveneto
Pur trop, dopo vê viodude chê de fantacine che si jere picjade (plui di 80 fotografiis?!?!) chê dal muart di incident di vilevuarbe, che de puare zovine copade su la ippovie e cheste, o ai di dî che mi vâ il sanc tal cjâf... Par gno cont nol è util, ni informatîf, meti une sdrume di imagjinis dal lûc de disgracie, cun tant di poce di sanc, di int che e lavore (carbinîrs, vizii, 118...) e di int che e cjale (comprendûts fruts, che no si varès, ma chel nol è nuie di ce, pazience). Jo lu sai, o soi tal web di tant timp, che fasint cussì tu sticis la morbositât de int e tu cjapis target e clics... ma o pensi ancje che il gjornalism, la informazion, e insomp, la culture, a son lis robis che nus puedi salvâ, in cheste epoche di decadince e fastidis, soredut morâi. Un clic di mancul, ogni tant, al pues volê d
Us dîs cence fastidis che a mi, viodi cambiâ il titul de fantate de ippovie di "omicidio" in "femminicidio" dopo cinc minûts che al jere stât publicât l'articul, no mi è plasût... anzit... lu ai cjatât un at vîl e une vore bas, che chei altris gjornai, ni il gazetin, ni udinetoday, ni udine20 no àn fat (altris no cjalavi). Bon. ma insome. fasinle curte, ve chi ce che mi à rispuindût il messagjero

6.607 persone che hanno visto la galleria evidentemente non la pensano come lei. Nessuno la obbliga a guardare o a iscriversi a questa pagina. Saprebbe, gentile signore, elencarci le "menzogne" che, secondo la sua visione, avremmo scritto? Restiamo in cortese attesa...
Insome... ve chi, come al solit, mi soi lassât puartâ dal fastidi, e o ai dît masse, ma dopo o ai tornât a cjalâ imagjinis de galarie... come cheste, cuntun frutin in prin plan che al cjale:
 o come cheste altre cu la poce di sanc dal siorut di Manzan che lu àn cjapât sot straviersant la strade:
E mi soi dite che no, jo no rivi a pensâle come lôr, ancje se o soi un di chei 6mil e passe che a àn cjalât lis fotos. E anzit, propit par chest ategjament, no mi plâs il lôr Barilla style dal tipo "quelli che non la pensano come noi non ci seguano"; no fintremai che su sês sul web e tu fasis informazion, che je rivolte a ducj, e e je alc che al forme il mont dulà che o vîf ancje jo. I ai rispuindût cussì, al è dut su facebook, ven a stâi che o pues publicâlu chi sot:
L'italiano, come sappiamo, non è un'opinione: inutile, becera e vergognosa sono termini che nulla hanno a che fare con le menzogne che citate, addirittura tra virgolette (sorge il dubbio che abbiate sbagliato commento). Se vi riferite all'hashtag, era già esistente, a quanto pare, quindi non certo di mia responsabilità. Il numero da voi indicato è proprio il motivo per cui non si dovrebbe utilizzare, o utilizzare con molta parsimonia, fotografie ripetute in gran numero, alcune in cui compaiono persone non famose (mi auguro tutte maggiorenni, anche se già guardando questa foto non si direbbe, ma la 196 la conoscete voi meglio di me, quindi non metto in dubbio.), spesso poco utili e di vero cattivo gusto per parenti e conoscenti del deceduto e del coinvolto. A quanto pare, invece, aver stuzzicato la morbosità di chi clicca per vedere una macchia di sangue, un cadavere, l'albero dell'impiccata, e via dicendo, sono motivo di vanteria... Va benissimo, prendo atto della vostra linea editoriale riguardo a questi eventi, ma mi permetto di pensare l'informazione in modo diverso, e trovare 11 foto (e qui erano anche poche) che ritraggono spesso la stessa scena non funzionali a una informazione che mi piacerebbe avere. Sappiamo benissimo che la morbosità è leva per l'attenzione, ma sta proprio a chi offre l'informazione avere una misura e sapersi gestire. Pace, la pensiamo in modo diverso.
Il discorso del "chi le dice di guardare la pagina" non lo capisco: se non volete le critiche e i commenti negativi, chiudete la possibilità di commentare. Non ho il diritto di giudicare l'informazione che ricevo? Una degna informazione non è forse bene per un intero Paese? Sono uno che acquista il vostro giornale, ma la galleria di decine di foto che vivono di una disgrazia altrui mi è indigesta e penso sia attività inutile (una foto dell'auto incidentata nessuno nega sia dovere di cronaca, una decina, quasi tutte uguali, è per lo meno discutibile), becera, in quanto degna di bassezza, così come ogni sfruttamento di evento negativo o tragico a proprio vantaggio, e vergognoso, in quando degno di vergogna, in questo caso non mia, ma per un atto che nel mio sentire è sconveniente.
Comunque, essendo lettore accetto volentieri il vostro invito: sarà mia premura segnalare ogni informazione inesatta che incontro, ditemi voi il modo che vi è più congegnale. Comincio chiedendovi il permesso di riportare sul web questa conversazione.
Ora che so che avere numerosi accessi alla galleria fotografica degli incidenti mortali è motivo di vanteria per il
#messaggeroveneto, mi asterrò dal commentare negativamente tale costume, pur continuando a pensarlo sconveniente e di cattivo gusto, ma vi ringrazio per avermelo comunicato.
Saluti e buon lavoro. :)
Insome, par gno cont la cuistion e je sierade. No larai plui a dî che lis galeris fotografichis su lis disgraciis no li sopuarti e che o spresei un che si svante di vê vût tancj clics stiçant il morbin de int.
Par gno cont, fotografichis di desenis di imagjinis come chês chi no puartin informazion, o in ogni câs no une informazion che mi plâs a mi. Amen. Il messagjero o voi indenant a comprâlu, aromai al è une tradizion, cjase mê si lu lei di trente e passe agns, ma si tignarìn ognidun la nestre reson. :)
Ve chi, propit cumò invezit, mi rispuindin, clarementri in maniere simpatiche e ribadint il conciet che se no mi va ben cussì che cjali di altris bandis... Cjalait ce simpatics...

Non è motiva di vanteria. Vuol solo dire che i lettori cercano anche questo tipo di informazione. Se non le piace può benissimo astersi dal leggerci... I commenti, soprattutto quelli negativi, neritano sempre attenzione perchè ci aiutano a migliorare la nostra offerta. Ma se i commenti negativi sono uno su mille, forse non è il caso di cambiare. E comunque il commento, anche negativo, può essere sempre fatto con educazione e rispetto. Ammesso che si sappia cosa siano.
E sicome soi simpatic ancje jo:
Quindi mi state dicendo che io non so cosa siano educazione e rispetto? Complimenti, un bel modo per essere educati e rispettosi :)
Domanda 1: io sono uno di quei 6700 e rotti che ha cliccato, come sapete che gli altri sono tutti d'accordo solo perché hanno cliccato? Io, magari sbaglio, ma nelle gallerie di numerose foto su incidenti e fatti di sangue ho letto solo commenti negativi, non mi pareva di aver visto i commentatori sperticarsi in lodi. Nemmeno uno. Ma sicuramente sono io che sbaglio, in quanto, come lasciate intendere, sono irrispettoso e ineducato.
Domanda 2: perché dovrei astenermi dal vedere le gallerie? Non mi sto riferendo al vostro quotidiano cartaceo (e comunque, trenta e passa anni di acquisto quotidiano del giornale mi darebbero ben un minimo di motivo di leggervi ed eventualmente esprimermi su una aspetto su cui non concordo) ma a fotografie che sono sul web, che vengono linkate e condivise, che ritraggono persone (tra cui, due settimane fa, la mia stessa). Non è il quotidiano, che potete invitarmi, giustamente, a non comprare più, se non è di mio gradimento. C'è differenza, mi sembra.
Comunque non ho né tempo, né voglia di fare flames inutili, ci mancherebbe. Mi tengo l'ineducazione e l'irrispettosità di cui mi accusate e me ne faccio una ragione. Purtroppo non la vediamo allo stesso modo, amen. So che il mondo pende da quella parte e non ci si può far nulla, come dite voi, se piace a tanta gente, bisogna offrirlo, e da molti punti di vista è giusto così, saranno tutti d'accordo. Da quello mio, anche se come dite voi sono uno su mille, no.
Insome, in conclusion, lôr a crodin che ducj chei che i clichin une robe, i plasi chê robe, che se la int e je plene di morbin, alore bisugne dâi di passisi, e che se cualchidun, un su mil, inedûcat e cence creance, no la pense come lôr, che al cjali di une altre bande... ancje se tu publicheis robis sul web, che a viodìn ducj...
Voaltris 999, lâ di fûr, ducj dacuardi cu lis galariis, imagjini.. :)
 
 

4 commenti:

  1. Disares che la' dal Messaggero no an ancjemo capit el pode'/cativerie/inciviltat che el mond di facebook al procure. Mi semee fur di cjaf che un redator a si cjapi la brighe di rispuindi in termins di rissositas tipo piciui utents di Facebook o Youtube, ma mi sa che oramai la discusion no e' robe bune, el mur cuintri mur si. In ogni cas, la tesi che 6000 personis a cjalin las fotos macabres a i dan reson a e' vonde stupide e superade. Ta nissun cors di marketing ti insegnaresin ancjemo che el client al a simpri reson! Ancjemo di mancul tal cas dai gjornai. Par fini, el fat plui unic che rar che la version online dal Messaggero a sedi inquietante, al dimostre la scjarse atension che i mies di informasion, spieli ancje des classis dirigjentis, e an dal mond di cumo' des nestris bandis...sperin simpri tal mior ve!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si, cjale, il jessi piçui e provinçâi lu si viôt ancje ta chestis robis. Par gno cont, un che si svante di chest ostentâ la muart, cence nancje domandâsi se al puedi jessi uman, morâl o di bon gust, si no altri par chei convolts te disgracie al à bielzâ dite vonde. Podopo, tu i fasis dôs domandis e no ti rispuint ma al scjampe. Podopo il no jessi in grât di distingui jenfri il gjornâl e una galarie publiche sul web, la dîs lungje inmò di plui. Il gnervôs che al ven fûr di une sdrume di erôrs di batidure podopo, mi faseve cuasi ridi... il biel che no si rindin cont che jo soi un coion cualuncue su fb, e lôr a son (a sono?) une testade gjornalistiche.... bon dai, sperin in miôr. La figade e je che a fasin fente di nuie, come i vuarps, ma no ai sintût un che al sedi un che al presei che modalitât di sparniçâ la muart, cun tant di fotografiis di int normâl par fâ si che la int stesse e ledi a viodi se e je,... poben... vuê nus àn fat fâ dôs ridadis di gust, dai, almancul chel. :D

      Elimina
  2. Mi plasarès capì cui cal è in cjaf da sezion facebook dal gjornal, tros agns cal a, se sei sint, e cui che l'a metût la cal'è....
    Une volte al jere avonde cun dì che i gjornaliscj no san doprà la puntegjature...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma jo o sai, ma nol è chel il probleme. un che si suste par coment su facebook dant chel tipo di rispueste, adiriture spietant par podê dâle, e pensat - probabil - di vê dât une rispueste interessante e fighe, mentre che al è passât di coion e soredut, al à fat passâ di coion il gjornâl. al mostre nie altri che la derive di tancj, dulâ che invezit di cirî confront a cirin il scuintri e dopo il scuintri a scjampin.Miôr lassâ pierdi il discors, si no il prossin colp o vierz une biele pagjine facebook cuintri il sfrutament dai muarts cu lis galariis fotografichis e tu viodis ce divertiment.. :D

      Elimina