venerdì 11 gennaio 2008

Agnul e il presepio - seconde part

Lu sai, lu sai, o murivis di gole di sintì ce mût ch'a va a finì la conte.

Ve chi il secont toc. Sperin ch'a us plasi. :)

...

– Tu hai peccato, donna impura! – a busine cun t’une vôs di çuite – Che per le impurità compiute prima del sacro vincolo tu sia punita: un segno sul volto per ogni volta che hai peccato!
E in chel, su la muse di cheste fantacine, che ducj a crodevin sedi une di chês che i uciei iu veve vedûs dome sui morâi, a tachin a cressi bufulis gresis come coculis; une daûr che altre!
In doi minûts, ta la maravee di ducj, la puarete a veve una muse ch’a samee un plat di gnocs cul sugo. No si vedevin nancje i voi!
In chel, prin che la int rivas a capî adore ce ch’al sucedeve, San Josef al à tirât su il baston par aiar.
– E con te paghino tutte le donne impure in questa chiesa! – al à dit businant di fa tramâ i veris.
E in altris doi minûts dutis lis feminis da la glesie si son cjatadis cun t’une muse di fa pore. Parfin a Mariute, la muinie, a jere cressût un bugnon sul çarneli!
E prin ancjemò che la int a si rindès cont di ce ch’a capitave, la Madone a tornât a pontâ il dêt cuintri un altri zovenot dai prins bancs.
– E tu, uomo impuro, hai disperso il tuo seme! – i à businât cun che vosate di prin.
Ma prin ch’a rivàs adore a maledilu si è sintût une puarte ch’a sbateve e un casin vignì da l’altâr.
Ducj si son voltats, ma àn rivât dome a viodi un sdrondenâ di cjandelis ch’a colavin e la palandrane dal plevan ch’a svualave vie.
Cuant che San Josef, pa la seconde volte, al â jevât par aiar il baston, Don Agnul, come un sfolmenât, al jere za un pâr di chilometros lontan!

7 commenti:

  1. Ninine, eh eh eh
    Parcè la Madone e il sant fevelino par talian?
    No si doprie li di te "muinie" par dî "suora"?
    (se no si critiche no sin furlans :-D)

    RispondiElimina
  2. ...E po , Josef e Marie a son doi gforestàts:-)

    RispondiElimina
  3. A pene finît di lei o ai subit disfât il presepi che a cjase mê al jere ancjemò in biele mostre...

    RispondiElimina
  4. Samearès une conte di Moni Ovadia sui rabins taconelès. Tra il horor e il natalizi. Robe di contâ lis seris prin di Nadâl cu lis cjastinis e la ribuele.

    RispondiElimina
  5. Lu cjapi come un biel compliment! :)

    RispondiElimina
  6. mandi! o soi pene passade par chest blog e mi è propit plasut! compliments! e je ore che le zoventut furlane si fasi indevant e sintì in marilenghe!
    maman =)

    RispondiElimina