domenica 1 maggio 2016

Il cartel par Udinese - Torin


La veretât e je che no si è mai viodude une partide cussì brute, chest an. A scomençâ di De Canio, che al à metût in campo une scuadre che chei altris a someavin zuiâ in doi di plui, a ducj i zuiadôrs, che al ven di domandâsi, par chest an che al ven, ce che al è di salvâ e di tignî (che po, Widmer, Armero, Wague no si sa propit parcè che a jerin fûr). Zuiadôrs che in bande di tante voie di fâ (Matos, Adnan) ae fin dai conts a no cumbinin nuie e a somein vê propit dai limits tecnics o tattics no di pôc. Insome… une zornade di avilisi e vonde. E par di plui sfortunade, cun Karnezis che si fâs mâl dopo cinc minûts (ma simpri par falopis de difese nestre) e il gol dal 3 a 1 cjapât propit cuant che magari si podeve voltâ la partide.

Une robe sole di salvâ: il tifo, che dopo vincj minûts de fin de partide a jerin inmò ducj a cjantâ, just par fâi viodi a chei che a jerin sot la doce che cualchidun che al fâs il so lavôr fin insomp al è.

video

Nessun commento:

Posta un commento