lunedì 13 gennaio 2020

Cartei dal udin

 E ve chi il cartel par la partide di îr, cul Sassuolo.
Profetic!


mercoledì 8 gennaio 2020

Sêstu lusute


Sêstu lusute
Lune? Nadâl rimpinât
Te dane de gnot.

°°°
Sei lucina
Luna? Natale arrampicato
Sull'abete bianco della notte

Tirìn fûr lis lûs



Tirìn fûr lis lûs
Une no va, ma Nadâl
Al rive distès

***
Sballiamo le luci
Una non funziona, ma Natale
Arriva comunque.

lunedì 30 dicembre 2019

Bambin


Il gno Gjesù bambin
Al è un frico
Confezionât
Al speck di Sauris
Cjolt, scjaldât
Pôc mastiât a sere tarde
Mangjant cence vê cenât.

Il gno Gjesù bambin
E je une canevace
Rosse ricamade
Za maglade
Cun alc che no si capìs
Ma al à dal biel 
La sgrimie 
E il sbelet
Da no covente.

Il gno Gjesù bambin
Al rive simpri
Di an in an, al à
La mê stesse etât
La barbe grise
L'artrite, i voi patocs
Pocje voie di pierdi 
Fuarce ancje se i plâs
Cuietâsi e invecjâ

Il gno Gjesù bambin
Nol sa, nol ûl pensâ
A cuant che prest plui
Nol rivarà, 
Nol varà fuarce
O flât
Par cjaminâ.
E jo cence Gjesù
Bambin
No sarai plui.

***

Il mio Gesù bambin/ è un frico/ confezionato/ allo speck di Sauris/ comprato, riscaldato/ mal masticato a tarda sera/ mangiando senza aver cenato.
Il mio Gesù bambino/ è uno straccio/ rosso, ricamato/ già macchiato/ cun qualcosa che non si riconosce/ ma ha della beltà/ il piglio/ e il belletto/ di ciò che non serve.
Il mio Gesù bambino/ giunge sempre/ di anno in anno, ha/ la mia stessa età/ la barba grigia/ l'artrite, gli occhi marci/ poca voglia di perdere/ forza anche se adora/ acquietarsi e invecchiare
Il mio Gesù bambino/ non sa, non vuol pensare/ a quando subito più/ non arriverà/ non avrà forze/ o respiro/ per camminare./ E io senza Gesù/ bambino/ non sarò più

domenica 6 ottobre 2019

Inneade ploie


Tu sês come cheste ploe
Che scomence planc
Une gote a la volte
E la robe metude a suiâ
Aromai
Tu puedis lassâle là che je, tu sês
Bune di piarditi
Tal bosc
Piturât intun vistît gnûf e inneâ
Un orcul intune lagrime, tu
Sês lade lontan
Tal stâ dongje e dongje
Stant lontan.
Sisile,
Strie, 
Fantate
Sês tu e no une altre
Che si cîr di gnot
Cuant che si à di stâ atents
A no incopedâsi
Su lis stelis
Coladis.

***

Annegata pioggia
Sei come questa pioggia / Che incomincia piano / Una goccia alla volta / E i panni stesi / ormai / puoi lasciarli dove stanno, sei / capace nel perderti / nel bosco / dipinto sopra un vestito e annegare / un orco in una lacrima, tu / sei andata lontano / nello starmi vicino e vicina / restando lontana / rondine / strega / ragazza / sei tu e non un'altra / che si cerca la notte / quando si presta attenzione / per non inciampare / sulle stelle / cadute.

venerdì 23 agosto 2019

Mi plôf sui pîts


Mi plôf sui pîts
Cul cuiet dal lari e la tenarece
Di une cualsisei cjançon
Di Buckley.

In mudantis
Su la puarte viarte
Di cjase
Cuissà se mai o cuant
O finassarai di bevi.

Si spietin lis fantasimis
A chê ore chi:
A rivin di scuindon
Ti vierzin il frigo
Par cirî i tiei libris, i bêçs,
La creance dal vivi.

A van vie a buinore
Cuntune scudiele di lat, 
Une vaiude in sachete.
Une plete in plui
Tal clip dal bleon.

Mi piove sui piedi/con la calma del ladro e la tenerezza/di una qualunque canzone di Buckley/ In mutande/sulla porta aperta/di casa/chissà se mai o quando/finirò di bere./Si aspettano i fantasmi/a quest'ora:/vengono di nascosto/ti aprono il frigo/per cercare i tuoi libri, i soldi/l'educazione nel vivere./ Se ne vanno al mattino presto/con una scodella di latte/ un pianto nelle tasche./Una piega in più/nel tepore delle lenzuola.

mercoledì 21 agosto 2019

Polse la lune


Polse la lune
Sul feston smenteât.
Tontonin i gris.

***
Riposa la luna/ sul festone dimenticato./ Protestano i grilli.

giovedì 11 aprile 2019

Tu pararessis bon (Faresti bene)


Tu pararessis bon
A jessi chi e no
A durmî, no
A poiâ vuès e scarpis e cimiadis
Sui scjalins dal imbrunî
Tu
Tu pararessis frescje, ridint
Di ridadis mâl tignudis
Fufignis fofis
Cjalcis rotis prin di sei
                         dopradis,
Tu
Pararessis bon a sei
Chi fantate, spudade
Tal tremôr di gjambis viartis
Tirade dentri
Di une bussade-cjastiel
Platade
Dentri une muardude-riviel
E cence
Clostris cence
Tramais di onôr o gale.
Fevelin i dêts, bruntulin
Lis ongulis, patafin
I ombui
E la plete te cjar
Rivoche di inzirlis
E sgrisui salvadis.

***
Faresti bene
A essere qui e non
A dormire, non
Ad appoggiare ossa e scarpe e occhiolini
Sulle scale dell'imbrunire
Tu
Saresti fresca, ridente
Di risate mal trattenute
Soffici sciocchezze
Calze rotte prima d'essere
                                       usate,
Tu
Faresti bene a essere
Qui ragazza, sputata
Dentro il tremore di gambe aperte
Catturata
Da un bacio-castello
Nascosta
Dentro un morso-ribelle
E senza
Catenacci senza
Trappole d'onore o galanterie.
Parlano le dita, brontolano
Le unghie, schiaffeggiano
I lombi
E la piega nella carne
Echeggia di capogiri
E brividi selvatici.

Un bisibili


Un bisibili
Cuzie lis cintulis
O âf o gjespe.

***

Un brusio
Solletica la veronica
O ape o vespa.

lunedì 8 aprile 2019

Tal lavandin


Il to cûr
Al è un grop di glace
Lu ai tirât tal lavandin
E un seglâr tant 
Che destin
Nol è mai di svant motîf,
Neancje asse o uce; cjale
I plats sveâts de cene: piron, sedon
La tace, 
Brindade ridint di vîfs.
Cun lôr il timp par disfâsi, cun lôr
Disfat il timp.
Ce che al vanze, odôr o cragne
Al à storiis di contâ, al à
Piel, bussade, aghe
Cjalde, strace
E une sbrissade fin sul ôr.